Un altro marchio di lusso accetterà pagamenti in criptovalute. Si tratta di Breitling, un brand di orologi. Ma ci sono altre buone notizie.

Pagamenti in criptovalute: nonostante la flessione di Bitcoin, i rivenditori sembrano credere che molti appassionati di criptovalute non cederanno facilmente.

bitcoin orologi microstrategy

I mercati potrebbero sembrare bearish in questo momento, ma i marchi di lusso continuano ad abbracciare le criptovalute come metodo di pagamento. Vediamo bene cosa sta succedendo.

Pagamenti in criptovalute: presto ovunque?

Breitling è diventata l’ultima azienda di fascia alta ad annunciare l’adozione delle criptovalute come metodo di pagamento.

Il secolare marchio di orologi ha stretto una partnership con BitPay.

Un’integrazione sul sito Web del rivenditore significa che sarà possibile completare le transazioni in BTC tramite Lightning Network.

Come riportato da Criptomercato, anche Gucci ha fatto notizia all’inizio di quest’anno dopo aver confermato di accettare pagamenti in criptovalute in un piccolo numero di negozi statunitensi.

Questa funzionalità sarà implementata anche in Italia entro la fine dell’estate.

Bitcoin, Ether, Litecoin, Shiba Inu e Dogecoin, oltre a cinque stablecoin: ecco l’elenco delle criptovalute supportate.

I negozi di New York, Los Angeles, Miami, Atlanta e Las Vegas sono tra i primi a fare il grande passo.

Intanto MicroStrategy continua ad acquistare Bitcoin

MicroStrategy ha acquistato altri 480 BTC a maggio e giugno, come mostrano i nuovi documenti presso la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti.

La società di business intelligence ha speso $10 milioni per l’investimento in criptovalute, ad un prezzo di circa $20.817 per Bitcoin.

E tutto questo significa che – nel momento in cui scrivo – ha in riserva 129.699 BTC.

MicroStrategy ha speso un totale di $3,98 miliardi per questa scorta di criptovalute e una media di $30.664 per Bitcoin.

Ma con i prezzi che lottano per rimanere al di sopra dei $20.000, la società quotata in borsa di Michael Saylor sta subendo una perdita non realizzata sostanziale.

I dati di BitcoinTreasuries.net mostrano che il valore del Bitcoin di MicroStrategy è ora di 2,59 miliardi di dollari, una perdita teorica di quasi 1,5 miliardi di dollari.

A complicare ulteriormente le cose, alcuni di questi BTC sono stati acquistati tramite prestiti a margine. A marzo 20222 infatti, MicroStrategy ha preso in prestito 205 milioni di dollari da Silvergate Bank e ha utilizzato alcuni dei suoi Bitcoin come garanzia.

Dopo che i prezzi sono scesi al di sotto di $21.000, la società ha dovuto inviare garanzie aggiuntive per impedire la liquidazione della sua posizione.

Saylor ha descritto le preoccupazioni per l’aggressivo investimento in BTC di MicroStrategy come “rumore per nulla” e afferma che la sua azienda è in una buona posizione per “HODLare nelle avversità“.

Le azioni della società sono diminuite del 72,57% negli ultimi 12 mesi e – ancora più grave – BTC è attualmente sotto del 71% dai massimi storici fissati lo scorso novembre.