Three Arrows Capital, l’ormai noto travagliato hedge fund di criptovalute da 10 miliardi di dollari, è andato in default su un prestito di quasi 700 milioni di dollari dall’exchange di criptovalute canadese Voyager Digital.

In una dichiarazione straordinaria la scorsa settimana, Voyager ha affermato di essere in credito da Three Arrows di ben 15.250 Bitcoin e 350 milioni di dollari nella stablecoin USDC. 

three arrows capital default

L’exchange canadese aveva concesso all’hedge fund fino al 27 giugno per rientrare del prestito.

Cos’è Three Arrows Capital

Three Arrows Capital è un importante Hedge Fund fondato nel 2012. Nella sua ultima dichiarazione pubblica, il fondo ha dichairato un valore patrimoniale netto di 18 miliardi di dollari.

Nansen, una famosa e celebre società di analisi blockchain, ha stimato nel marzo 2022 che Three Arrows gestiva circa 10 miliardi di dollari in asset digitali crittografici. Anche se molti ipotizzano che la maggior parte dei loro asset visibili provenissero da prestiti non garantiti da varie piattaforme di lending di criptovalute.

L’azienda ha investito e sostenuto con convinzione una numerosa serie di progetti legati al mondo della blockchain e delle criptovalute. Tra questi troviamo Aave, Avalanche, BlockFi, Deribit, Ethereum, Polkadot, Solana, e WOO Network. Secondo un documento ufficiale depositato dalla SEC del gennaio 2021, Three Arrows possedeva quasi 39 milioni di unità di Grayscale Bitcoin Trust (GBTC) alla fine del 2020. L’azienda aveva anche investito circa 200 milioni di dollari in token LUNA nel febbraio 2022, mossa che sta purtroppo pagando cara ad oggi che il progetto è fallito completamente e anche le altre esposizioni iniziano a essere in importante sofferenza.

L’azione legale ai danni dell’Hedge Fund

Voyager ha emesso un avviso di inadempienza questo lunedì e ha affermato che intende perseguire il recupero forzoso del debito non onorato e sta discutendo le sue prossime azione con gli avvocati. Lunedì Three Arrows non ha risposto immediatamente a una richiesta di chiarimenti.

La decisione è destinata a scuotere ulteriormente il settore dei servizi di prestito in criptovalute. La tragica disfatta di Terra LUNA e della sua stablecoin UST a maggio e la sospensione dei prelievi da parte del grande servizio di lending di criptovalute Celsius questo mese, hanno minato la fiducia nella fiorente attività di concessione di prestiti denominati in criptovaluta. In particolare quelli che non sono coperti da garanzie sovracollateralizzate.

Un altro partner di Three Arrows sta anche minacciando l’hedge fund in difficoltà con un’azione legale. La scorsa settimana, Kyber Network ha dichiarato che circa 8 milioni di dollari del suo tesoro erano stati affidati a Three Arrows. Il fondo non aveva risposto alle ripetute richieste di informazioni in merito. Al 24 giugno, Voyager aveva a disposizione 137 milioni di dollari in contanti e criptovalute.

“Stiamo lavorando diligentemente e rapidamente per rafforzare il nostro bilancio e perseguendo opzioni in modo da poter continuare a soddisfare le richieste di liquidità dei clienti”, ha affermato Stephen Ehrlich, CEO di Voyager, in una dichiarazione rilasciata.

La linea di credito

I problemi finanziari dell’exchange lo hanno portato nelle braccia della società commerciale Alameda Capital, che fa riferimento al Ceo di FTX Sam Bankman Fried. Alameda Capital ha recentemente concesso a Voyager una linea di credito del valore di quasi $ 500 milioni. Da allora la Voyager ha preso in prestito $ 75 milioni, ha detto lunedì.

“La piattaforma continua a funzionare e soddisfare gli ordini e i prelievi dei clienti”. Questo ha affermato Voyager in un comunicato stampa. “E potrebbe continuare a utilizzare le strutture di Alameda per facilitare gli ordini e i prelievi dei clienti, se necessario”, ha poi aggiunto il portavoce.