L’Ucraina è finalmente diventata membro ufficiale dell’European Blockchain Partnership (EBP). Si tratta di una importante organizzazione che prouove la collaborazione e lo sviluppo dei progetti blockchain condivisi in Unione Europea.

Alexander Bornyakov, viceministro della Trasformazione digitale ucraina per lo sviluppo IT, ha preso parte all’incontro con tutti gli altri paesi membri dell’EBP in qualità di osservatore.

Già nei primi periodi dell’invasione russa di Putin ai danni dell’Ucraina, è saltata agli occhi del mondo il ruolo centrale che le nuove tecnologie e i nuovi media hanno ricoperto nel paese.

ucraina membro european blockchain partnership ebp

A partire dalla diffusione delle immagini e delle dirette per far conoscere al mondo intero ciò che stava accadendo, fino alla predisposizione in tempi record di sistemi per ricevere aiuti economici tramite blockchain e criptovalute. Il tutto organizzato e guidato dai responsabili del governo ucraino.

L’Ucraina punta a integrare l’economia digitale

A Kiev sono molti i legislatori che già avevano esortato l’Unione Europea (UE) a farlo da molto. L’adesione alla European Blockchain Partnership era d’altronde solo questione di poco tempo. Tuttavia, questa mossa rende l’Ucraina il secondo paese al di fuori dell’UE a far parte di questo gruppo. In precedenza, la Norvegia era l’unico paese non UE a prendere parte all’EBP. Senza inoltre considerare che questo grande e decisivo sviluppo è avvenuto proprio durante l’invasione russa in corso.

Secondo quanto rilasciato nelle dichiarazioni, l’obiettivo principale di questo progetto è costruire una blockchain paneuropea. Ciò porterà all’integrazione dell’economia digitale tra l’UE e l’Ucraina. Tuttavia, la nazione mira ad espandere la sua rete blockchain interstatale in collaborazione con altri paesi.

È poi stato aggiunto che una lettera è stata inviata al presidente della Commissione europea in merito alla formazione di un’unica infrastruttura blockchain basata su EBP. In risposta, l’Ucraina ha ottenuto la conferma di aderire alla European Blockchain Partnership in qualità di osservatore.

Una gran bella notizia, durante l’invasione russa

Da quando la Russia ha dichiarato guerra alla nazione, l’Ucraina ha aumentato la sua offerta di aderire all’UE per ottenere sostegno, supporto e protezione dall’invasore. Secondo i rapporti, il paese ha raccolto oltre $130 milioni in criptovalute da tutto il mondo.

Nel mese di marzo, “Aid for Ukraine” ha raccolto circa 60 milioni di dollari in fondi dai donatori. Tuttavia, il recente crollo del mercato globale degli asset digitali ha anche svalutato i fondi raccolti dall’Ucraina.

Alexander Bornyakov ha affermato che l’integrazione della European Blockchain Partnership e dell’Ucraina rafforzerà la diffusione della tecnologia nei servizi governativi. Ciò incoraggerà anche un contesto normativo strutturato che includa il mercato degli asset virtuali.