Elon Musk, Tesla e SpaceX citati in giudizio per $258 Miliardi, accusati di essere uno “schema piramidale per Dogecoin”. Ecco perché. 

Elon Musk, così come Tesla e SpaceX, sono stati citati in giudizio per $258 miliardi di dollari. Le accuse: tutti hanno svolto un ruolo determinante nella gestione dello “schema piramidale Dogecoin“.

dogecoin doge piramidale truffa ponzi

Una nuova causa sostiene che Musk abbia contribuito alla sua caduta dopo aver definito l’altcoin un “trambusto” al Saturday Night Live. L’episodio è andato in onda nel giorno del massimo storico. Vediamo cosa sta succedendo.

Musk e le sue aziende citate in giudizio per uno “schema piramidale basato su Dogecoin”

Che il miliardario si un fan di Dogecoin non lo scopriamo di certo oggi. Durante la sua bull run all’inizio dell’anno scorso ha twittato regolarmente sulla memecoin.

Dogecoin è passato da un minimo di $0,005 il 1 gennaio 2021 a massimi di $0,73 solo quattro mesi dopo… guadagni di oltre il 18.000%.

Ma una nuova causa sostiene che Musk abbia contribuito alla sua caduta dopo aver definito l’altcoin un “trambusto” al Saturday Night Live, con l’episodio in onda nel giorno del massimo storico.

Andando avanti veloce fino ad ora, DOGE è sceso del 92% dal suo massimo storico, con prestazioni nettamente peggiori rispetto ad altre criptovalute. Gli atti del tribunale depositati a New York dicono:

Musk ha usato il suo piedistallo come l’uomo più ricco del mondo per gestire e manipolare lo schema piramidale di Dogecoin a scopo di lucro, esposizione e divertimento.”

Il CEO di Tesla è stato citato in giudizio da un uomo chiamato Keith Johnson, descritto come un investitore americano che ha “perso il suo denaro” a causa delle azioni di Musk.

Musk è veramente responsabile per queste persone?

Johnson dice di voler rappresentare tutti coloro che hanno investito in DOGE come parte di un’azione legale collettiva. Oltre ai danni, altri obiettivi includono impedire a Musk di promuovere nuovamente l’altcoin e assicurarsi che venga dichiarato chiaramente che il trading di questa criptovaluta equivale al gioco d’azzardo.

I suoi avvocati hanno incluso dichiarazioni pubbliche di players del calibro di Bill Gates e Warren Buffett che si chiedono se le risorse digitali abbiano un valore. Il deposito aggiunge:

L’imputato Musk è l’auto-nominato ‘Dogefather’, ‘ex CEO di Dogecoin’, partner, sviluppatore, portavoce, pubblicista, venditore, marketer e promotore di Dogecoin, che ha assemblato l’esercito DOGE’ comprese le sue società e vari miliardari, influencer e celebrità per aumentare il prezzo, la capitalizzazione di mercato e il volume degli scambi.

Inoltre recentemente Tesla ha iniziato ad accettare DOGE come metodo di pagamento per il merchandising all’inizio di quest’anno.

Come ci si potrebbe aspettare, le notizie sulla causa non sono andate bene nel mondo delle criptovalute.

Il co-fondatore di Dogecoin Billy Markus, pur ammettendo che il trading di criptovalute è simile al gioco d’azzardo, ha aggiunto:

La causa è ovviamente stupida da morire.

Elon Musk deve ancora rispondere pubblicamente alla causa, ma probabilmente possiamo indovinare quale sarà la sua reazione.

In altri sviluppi, l’imprenditore ha dichiarato che “ha senso” che Twitter integri i pagamenti in criptovalute durante un incontro con il team del social network.