Il futuro di Three Arrows Capital, un importate hedge fund di criptovalute, è in un pericoloso equilibrio precario e l’azienda rischia seriamente una potenziale insolvenza in seguito alle numerose liquidazione verso i propri creditori.

La società di investimento annovera tra le sue esposizioni e investimenti più rischiosi, l’exchange di opzioni Deribit e la società di servizi finanziari BlockFi. Secondo fonti autorevoli, questa sta cercando di capire come rimborsare i finanziatori e altre controparti. Le difficoltà sarebbero sopraggiunte dopo essere stata ripetutamente liquidata da diverse società di prestito di primo rilievo nel settore.

Three Arrows Capital liquidazioni criptovalute

Le fonti hanno rifiutato di condividere i nomi di quelle società citate nei documenti per paura di ritorsioni o conseguenze di varia natura. Ma tre persone hanno affermato che l’importo delle liquidazioni si aggira intorno all’incredibile somma di almeno $400 milioni.

Hanno inoltre aggiunto che l’azienda ha mantenuto contatti limitati con le sue controparti da quando è stata liquidata. Come è facile aspettarsi, questo non può che far crescere la preoccupazione sulla situazione in corso.

Three Arrows Capital sotto i riflettori, non solo per le recenti liquidazioni

L’evento di liquidazione di cui stiamo parlado è tristemete solo una delle numerose battute d’arresto dell’azienda. Three Arrows Capital ha sostenuto progetti come Avalanche, Polkadot ed Ethereum. Tutti asset che hano subito un importante calo nelle quotazioni di mercato. Parliamo rispettivamente del 57%, 38,8% e 47%, e solo negli ultimi 30 giorni.

Il fondo ha subito perdite significative durante il crollo dell’ecosistema Terra il mese scorso, dopo aver investito in modo importante nel suo token nativo LUNA.

L’azienda, che secondo alcune stime gestiva circa 10 miliardi di dollari al picco di mercato, è guidata dagli ex compagni di classe Su Zhu e Kyle Davies.

Le dichiarazioni di Su Zhu

Su Zhu, co-fondatore e CEO di Three Arrows Capital, ha affrontato le voci riguardanti le operazioni e la solvibilità della società di investimento in criptovalute in un tweet martedì sera. “Stiamo comunicando con le parti interessate e ci impegniamo pienamente a risolverlo”, ha affermato l’imprenditore.

I rappresentanti di Three Arrows  Capital non hanno risposto ai messaggi in cerca di commenti.

Zhu, che fino a poche settimane fa era un inguaribile ottimista verso il mercato cripto, ciò che chiameremmo senza timor di smentita il classico “Crypto perma-bull”, ha recentemente ammesso su Twitter che il suo bias rialzista del “superciclo” sul mercato delle criptovalute era “purtroppo sbagliato”.

“La tesi sul prezzo del superciclo era purtroppo sbagliata. Ma le criptovalute continueranno a prosperare e cambieranno il mondo ogni giorno”, ha affermato alla fine di maggio.

Il superciclo è stata un’idea spinta da Su Zhu che ha suggerito che il mercato delle criptovalute sarebbe gradualmente e costantemente aumentato durante questo ciclo di mercato. Evitando un mercato ribassista sostenuto nel tempo, cosa che invece ad oggi sembra lo scenario più plausibile.

In un’intervista sul podcast UpOnly nel febbraio 2021, Su Zhu ha suggerito che il prezzo del bitcoin potrebbe arrivare fino a $2,5 milioni per coin se il bitcoin catturasse la stessa capitalizzazione di mercato e valore dell’oro.