Gli Exchange di criptovalute hanno subito un duro colpo con il recente crollo dei mercati e la situazione poco chiara che ha travolto ogni angolo del mondo finanziario. Ecco come stanno correndo ai ripari le piattaforme più note.

Gli investitori hanno iniziato a perdere fiducia nel mercato, causando un crollo a livello dei volumi di scambio di criptovalute ed enormi perdite diffuse.

exchange criptovalute licenziamenti crisi

L’exchange di criptovalute Gemini il 2 giugno ha annunciato una riduzione importante della sua forza lavoro, mentre il giorno successivo Coinbase, il più grande exchange di criptovalute al mondo, ha annunciato una pausa per le assunzioni.

Il cosiddetto crypto winter non mostra alcun segno di cedimento. All’inizio, la flessione ha causato danni principalmente agli investitori al dettaglio.

Tuttavia, anche le società che operano nel settore delle criptovalute hanno iniziato a sentire il freddo nel tempo, soprattutto con la situazione che non sembra voler mostrare segni di miglioramento. Oltre alla forte volatilità e debolezza nelle quotazione delle criptovalute, anche il settore tecnologico ha avuto prestazioni inferiori, peggiorando le cose per queste aziende e costringendole a fare un passo indietro rispetto alle assunzioni.

Gli exchange tagliano i posti di lavoro per salvarsi

Gli Exchange di criptovalute stanno soffrento. Tanto. Il noto exchange Gemini, ha pubblicato un post sul blog il 2 giugno 2022 annunciando un taglio del 10% nella propria forza lavoro.

“Abbiamo chiesto ai team leader di assicurarsi che si concentrino solo sui prodotti che sono fondamentali per la nostra missione e di valutare se i loro team hanno le dimensioni giuste per le attuali e turbolente condizioni di mercato che probabilmente persisteranno per qualche tempo. Dopo molte riflessioni e considerazioni, abbiamo preso la difficile ma necessaria decisione di separarci da circa il 10% della nostra forza lavoro”, si legge nel post.

Ha anche descritto il percorso dell’industria delle criptovalute come “equilibrio punteggiato: periodi di equilibrio o stasi che sono punteggiati da momenti drammatici di ipercrescita, seguiti da forti contrazioni che si stabilizzano verso un nuovo equilibrio che è più alto di quello precedente”.

La tempesta perfetta, tra inflazione, tassi e invasione russa

Oltre a quanto visto, le tensioni geopolitiche e il deterioramento della situazione macroeconomica sono state le cause delle turbolenze nei mercati delle criptovalute. L’unica buona notizia è che Gemini ha promesso un pacchetto dei trattamenti speciali e benefici sanitari per i dipendenti colpiti.

Seguendo l’esempio di Gemini, anche un altro colosso del settore, Coinbase, ha pubblicato un post sul blog il 3 giugno 2022 annunciando una pausa per le assunzioni. L’exchange aveva già sospeso le assunzioni due settimane prima di questo annuncio mentre valutavano la situazione in corso e individuavano il percorso da seguire. La gestione dell’organico è stata citata come l’area di intervento principale nella riduzione dei costi.

“In risposta alle attuali condizioni di mercato e agli sforzi in corso di definizione delle priorità aziendali, estenderemo la nostra pausa di assunzione sia per i ruoli nuovi che per quelli di riempimento per il prossimo futuro e annulleremo una serie di offerte accettate”, si legge nel blog Coinbase del Chief People Officer L. J. Brock. Coinbase sta anche subendo una perdita di $430 milioni nel primo trimestre del 2022.

La situazione difficile vista dagli Exchange minori

Secondo Coindesk, l’exchange di criptovalute argentino Buenbit ha ridotto la sua forza lavoro del 45% il 23 maggio 2022. L’exchange che impiegava circa 200 persone è diventato un team di 100 persone dopo i licenziamenti. Anche l’exchange di criptovalute brasiliano 2TM e l’exchange latinoamericano Bitso hanno licenziato 80 dipendenti ciascuno.

In una conversazione via e-mail con Coindesk, George Sutton, analista azionario di Craig Hallum, ha dichiarato:

“È naturale che gli exchenge, che attualmente registrano volumi di gran lunga inferiori, stiano tagliando. La bellezza di questo settore è che ci sono una miriade di modelli dirompenti nella valuta digitale e nello spazio blockchain per assumere volentieri qualsiasi talento disponibile. Consideriamo il calo del volume come temporaneo”.

La correzione dei sentimenti ribaltati degli investitori potrebbe richiedere del tempo e i mercati non sembrano ancora pronti per la ripresa. Tuttavia, c’è sempre un lato positivo in ogni evento avverso. Nicholas Strange, fondatore della società di noleggio Crypto Talent, ha detto a Coindesk che le aziende del settore crittografico con casi d’uso che risolvono problemi del mondo reale hanno maggiori probabilità di sopravvivere a questa fase di contrazione.

Ha inoltre aggiunto che tutte le organizzazioni che operano con criptovalute percorrono un percorso di creste e depressioni. Questa situazione però aiuta a fortificare rende solo migliori nella gestione delle loro casse.

I piani di FTX

C’è però da dire per completezza che la flessione di mercato non ha interessato tutti gli exchange e le società di criptovalute. FTX, la seconda piattaforma di trading e scambio di criptovalute più grande al mondo, sta andando nella direzione opposta.

Di recente si è espansa nello spazio del trading azionario per diversificare la propria attività. E mentre altri stanno cercando di ridimensionare, FTX sta anche cercando di acquisire una startup di gioco indiana chiamata Mobile Premier League (MPL).

Ma FTX non è solo. Il braccio digitale di Fidelity, la società multinazionale di servizi finanziari, quest’anno punta a raddoppiare il proprio organico per soddisfare la crescente domanda degli investitori istituzionali di criptovalute.

Insomma, da ogni crisi si può tirar fuori un’opportunità. C’è chi sta puntando a proteggersi, chi invece scommette al rialzo. Solo il tempo ci dirà tra questi colossi finanziari chi ci ha visto giusto.