In questo articolo Criptomercato analizza i vantaggi della blockchain nell’industria alimentare ed esamina alcuni casi d’uso nel mondo reale.

L’industria alimentare è stata recentemente sotto pressione. Vi sono crescenti preoccupazioni circa la sicurezza, la qualità e la trasparenza delle catene di approvvigionamento, nonché l’impatto ambientale della produzione alimentare. E questo è solo l’inizio: la popolazione mondiale è in continua crescita, così come la domanda di cibo.

blockchain industria alimentare cibo tracciamento

Allo stesso tempo, il mondo deve affrontare una serie di sfide tra cui il cambiamento climatico, la scarsità d’acqua e le pandemie. Come possiamo soddisfare le esigenze di una popolazione in crescita preservando il nostro pianeta? E la tanto pubblicizzata tecnologia blockchain può essere utile in quest’area? Discutiamo di tutti i pro e i contro.

Blockchain e catene di approvvigionamento – o supply chain

Blockchain è stata a lungo utilizzata per la gestione della supply chain. Anche l’industria alimentare è pronta per la tecnologia blockchain. Dagli agricoltori e negozi di alimentari ai ristoranti, la blockchain ha il potenziale per migliorare la sicurezza alimentare, ridurre i costi e aumentare la trasparenza.

Per molte aziende del settore alimentare, la blockchain può essere un punto di svolta. Aiuta a rintracciare le origini di ogni ingrediente nel tuo cibo, dalla fattoria alla tavola. Può anche essere utilizzato per creare un registro trasparente e sicuro delle transazioni tra il fornitore e il cliente.

Può anche operare come banca virtuale nel settore B2B, aiutando le aziende a spostare denaro, ricevere depositi, finalizzare transazioni e altro ancora. In questo caso, le aziende possono evitare gli intermediari a differenza dell’internet banking che è soggetto a regolamentazione, sorveglianza, orari di apertura e altre limitazioni. Questo è un enorme vantaggio per l’industria alimentare, che negli ultimi anni ha lottato con scandali di vario tipo.

A parte questo, la blockchain ha già iniziato a rivoluzionare il settore alimentare a un ritmo sostenuto. Secondo lo studio di Gartner , anche nel 2019 le più grandi aziende, come Unilever e Nestlé, erano già interessate alle tecnologie decentralizzate. Gli analisti, quindi, ipotizzano che oltre il 20% dei generi alimentari utilizzerà la blockchain entro il 2025.

Come la blockchain può essere utilizzata nell’industria alimentare

Un esperto che analizza la blockchain nel mercato agricolo e alimentare per Statista ha ipotizzato che la capitalizzazione di mercato totale dei progetti decentralizzati all’interno dell’area aumenterà da 32,2 milioni di dollari nel 2017 a 1,4 miliardi di dollari entro il 2028.

Ecco alcuni esempi di come la blockchain potrebbe essere vantaggiosa per generi alimentari e altri luoghi all’interno del settore:

  • Tracciamento degli alimenti lungo tutta la filiera dalla fattoria alla tavola;
  • Fornire trasparenza nella catena di approvvigionamento;
  • Garantire registri accurati e aggiornati;
  • Migliorare la comunicazione tra le diverse parti della catena di approvvigionamento;
  • Ridurre il rischio di frode e corruzione;
  • Migliorare la sicurezza e la qualità degli alimenti;
  • Protezione dell’ambiente.

In passato, la gestione della supply chain era un processo manuale soggetto a errori. La tecnologia blockchain può automatizzare questo processo e renderlo più efficiente. Ad esempio, la blockchain potrebbe essere utilizzata per tracciare il movimento di prodotti alimentari lungo tutta la filiera. Questo consentirebbe il monitoraggio in tempo reale dei prodotti alimentari e contribuirebbe a ridurre gli sprechi e migliorare l’efficienza.

Industria alimentare decentralizzata: prospettive aziendali

La Blockchain ha ancora più potenziale se combinata con tecnologie di raccolta dati all’avanguardia. Potrebbe rivoluzionare l’industria alimentare coinvolgendo i vantaggi dell’Internet of Things (IoT). L’IoT collega i regni fisico e digitale, acquisendo informazioni come temperatura e umidità durante il trasporto e lo stoccaggio del prodotto. Blockchain crea una piattaforma sicura e inalterabile per archiviare e fornire accesso a questi dati.

In effetti, la tecnologia blockchain è già stata implementata nel settore alimentare da diversi colossi informatici. Le piattaforme Food Trust e Watson di IBM, così come Track and Trace di SAP e Intelligent Track and Trace di Oracle sono solo alcuni esempi.

Juniper Research prevede che, nel prossimo decennio, la blockchain verrà utilizzata per connettere sensori e tracker IoT. In primo luogo, può ridurre i costi per i rivenditori eliminando i colli di bottiglia nella catena di approvvigionamento. In secondo luogo può ridurre al minimo i costi per i produttori, poiché può ridurre i ritardi e aumentare l’affidabilità. Infine – grazie alla sua trasparenza – facilita la conformità normativa e migliora l’efficienza. Di conseguenza, la procedura di ritiro degli alimenti diventerà molto più veloce. Questa innovazione potrebbe far risparmiare 31 miliardi di dollari per l’industria, afferma Juniper Research.

Secondo le prospettive dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, le tecnologie blockchain possono essere utilizzate per creare un contratto irreversibile tra i vari partecipanti alla catena di approvvigionamento, con conseguente maggiore trasparenza all’interno del sistema. Uno smart contract può ridurre al minimo il numero di intermediari nella rete, abbassando così i costi, aumentando margini ed efficienza e, di conseguenza, consegnando una grossa parte dei profitti all’agricoltore o al produttore.

Tutte le innovazioni sopra citate possono contribuire all’immensa crescita dell’intero settore. Secondo il rapporto del 2021 , la quota blockchain nel mercato agricolo e della filiera alimentare dovrebbe crescere del 47% nei prossimi anni. Mentre nel 2021 la valutazione dei progetti blockchain nell’area si aggirava intorno ai 190 milioni di dollari, entro il 2025 potrebbe raggiungere gli 886 milioni di dollari.

Blockchain nell’industria alimentare: casi d’uso

Come puoi vedere, dal 2019 c’è stato un notevole aumento delle aziende che hanno implementato la tecnologia blockchain nelle loro filiere alimentari. Vediamo alcuni casi d’uso nella vita reale per capire come funziona effettivamente.

Walmart

Walmart ha utilizzato la tecnologia blockchain per digitalizzare la sua catena di approvvigionamento e ridurre il tempo necessario per determinare dove nascono eventuali problemi. Nel 2020, un’epidemia di E. coli si è estesa a 19 stati e ha portato al ricovero in ospedale di 20 persone. Grazie al tracciamento è stato possibile risalire alla lattuga. Il settore ha speso milioni di dollari per avvisare i clienti e per rintracciare e rimuovere le verdure contaminate dal mercato dopo che i casi sono stati scoperti.

Walmart ha imposto che tutti i fornitori di ortaggi a foglia verde utilizzino la blockchain per tenere traccia della produzione. In caso di contaminazione in batch, Walmart ora può risalire alla fonte del cibo contaminato in pochi secondi anziché in settimane. Ciò è particolarmente importante durante i richiami di prodotti.

Nestlé

Nestlé ha tracciato le origini del suo marchio di caffè certificato Rainforest Alliance, Zoégas, utilizzando la blockchain. Il marchio fornisce i propri dati di certificazione per garantire l’origine del prodotto e le pratiche di sostenibilità, aumentando la fiducia e la trasparenza. I clienti possono cercare informazioni sugli agricoltori, le date del raccolto, i periodi di tostatura e persino controllare i certificati di transazione per la singola spedizione del loro caffè scansionando un codice QR sulla confezione.

Carrefour

Carrefour, uno dei principali rivenditori al dettaglio d’Europa, sta beneficiando della blockchain per monitorare i propri prodotti. Questa tecnologia consente inoltre ai clienti di seguire il processo dall’inizio alla fine, sapendo dove e come è stato acquistato ad esempio un pollo. Attualmente, Carrefour utilizza la blockchain per tracciare prodotti alimentari e bevande, come latte, salmone, pomodori, uova, miele e così via.

Bumble Bee Foods

Bumble Bee Foods ha implementato la blockchain per migliorare la tracciabilità e scoraggiare le frodi nelle sue operazioni. Il sistema segue il viaggio del pesce dal momento in cui viene pescato fino a quando viene venduto nei negozi. I clienti possono accedere alle informazioni sull’origine del pesce, su chi lo ha pescato e sull’entità del pescato, in modo simile al programma Nestlé sul caffè. Vengono fornite anche informazioni sul commercio in modo che sia trasparente, garantendo ai clienti che il loro denaro non finanzierà attività non etiche o illecite.

Sfide dietro l’adozione della blockchain

Il futuro sembra luminoso per le tecnologie decentralizzate. Ma prima che la blockchain possa essere ampiamente adottata dall’industria alimentare, è necessario affrontare alcune sfide importanti.

Uno degli obiettivi principali è garantire che tutte le parti della catena di approvvigionamento abbiano accesso alla piattaforma blockchain. Agricoltori, produttori, distributori, rivenditori e consumatori devono essere formati per interagire con soluzioni IT sofisticate.

Un’altra sfida è sviluppare standard di alta qualità su come i dati dovrebbero essere archiviati sulla blockchain. Questo garantirà che le informazioni siano coerenti e possano essere facilmente accessibili e analizzate.

Infine, la tecnologia blockchain è ancora nelle prime fasi di sviluppo e deve essere ulteriormente testata prima di poter essere ampiamente adottata. Ma i potenziali vantaggi dell’utilizzo della blockchain nell’industria alimentare, così come la quota di mercato prevista, sono troppo significativi per essere ignorati.