Potremmo usare il voto su Blockchain per le elezioni nazionali? Criptomercato analizza i vantaggi, svantaggi ed alcune prove nel mondo reale.

Il voto è considerato un dovere civico per le persone che vivono in società democratiche. Spesso è spesso indicato come la pietra angolare della democrazia. I cittadini dell’antica Grecia furono i primi a eleggere i loro leader attraverso un voto. Ma invece di usare schede cartacee, come facciamo noi, ogni cittadino metterebbe un sassolino in un’urna che rappresentasse la persona che pensava dovesse guidare.

votazioni blockchain

Nel 139 a.C., i romani per votare introdussero schede elettorali cartacee simili a quelle che usiamo oggi. Sorprendentemente, il modo in cui si vota non è cambiato molto dall’apice dell’impero romano. Certo, alcuni paesi utilizzano macchine per il voto elettronico, ma la stragrande maggioranza delle elezioni si basa ancora su schede cartacee.

Anche Internet, il tour de force tecnologico del nostro tempo, non ha portato a un cambiamento significativo nel modo di votare. Perché indipendentemente da quanto sia forte la sicurezza, qualsiasi elezione tenuta su Internet diventerà un obiettivo primario per gruppi di hacker e governi ostili.

I dipartimenti statali e le società vengono infatti regolarmente violati. La Russia si è intromessa nelle elezioni americane del 2016. Quindi possiamo mai davvero fidarci che le elezioni online siano state giuste? Purtroppo la maggior parte delle persone pensa che non possiamo.

Ma da quando Bitcoin è apparso nel 2009, la blockchain è stata pubblicizzata come la tecnologia che stavamo aspettando per modernizzare le nostre elezioni. In effetti è già in fase di sperimentazione.

In questo articolo, vedremo vantaggi e gli svantaggi del voto su blockchain ed esamineremo alcune prove nel mondo reale. Ma prima, ricordiamo rapidamente cosa sono le blockchain e come funzionano a nostro vantaggio.

Blockchain: ecco come funzionano

Le blockchain sono un nuovo tipo di database condiviso. È condiviso su diversi computer collegati tra loro tramite una rete peer-to-peer. Un normale database è archiviato in una posizione, o centralizzato. Le blockchain invece sono archiviate in molte posizioni sparse in tutto il mondo, il che le rende decentralizzate.

Il vantaggio della decentralizzazione è che nessuna persona o gruppo singolo decide cosa includere e cosa no nella blockchain. Tutti i membri devono raggiungere un consenso prima che qualsiasi cosa venga aggiunta. Qualsiasi informazione memorizzata su una blockchain è immutabile, il che significa che non può essere modificata da nessuno, in nessun momento: mai.

La qualità immutabile di Blockchain consente a due parti qualsiasi di interagire senza bisogno di un intermediario per assicurarsi che entrambi rispettino le regole. In questo caso, entrambi sanno che nessuno dei due può alterare o riscrivere alcun dato.

Le blockchain possono essere pubbliche, in cui chiunque può aggiungere blocchi alla catena. In quelle private invece solo gli utenti autorizzati possono aggiungervi dati.

Ora che abbiamo capito cosa sono le blockchain, esploriamo come un sistema di voto basato su blockchain potrebbe funzionare nel mondo reale.

Come funzionerebbe un sistema di voto basato su blockchain?

Finora non ci sono state elezioni nazionali interamente condotte utilizzando un sistema di voto blockchain, quindi possiamo solo immaginare. Immaginiamo di essere trasportati direttamente alle elezioni presidenziali del 2040.

Il governo ha sviluppato un sistema di voto basato su blockchain. Questo consente a tutti i cittadini di votare in qualsiasi elezione, dai voti dei consigli locali fino a quelli nazionali, tramite una dapp che funziona su tutti gli smartphone. Il tuo telefono vibra con un avviso che ti ricorda di votare alle elezioni presidenziali di oggi. Quindi accedi alla dapp e richiedi di poter votare in modo digitale.

L’app ti chiede quindi un documento d’identità per verificare che sei idoneo a votare, come una patente o un passaporto. Successivamente caricherai un breve video di te stesso che pronuncia una sequenza casuale di parole per dimostrare che sei chi dici di essere.

Qualcuno dall’altra parte controlla il tuo ID e il video e certifica che sei esattamente la stessa persona che affermi di essere. Ora che la tua identità è confermata, arriva il tuo voto digitale. Ora puoi semplicemente scegliere il candidato per cui vuoi votare e il tuo voto viene quindi scritto sulla blockchain.

Successivamente riceverai direttamente sul tuo telefono una ricevuta del tuo voto, che ti permetterà di verificare che la tua decisione sia stata registrata correttamente sulla blockchain. Una volta che tutti hanno votato, il conteggio finale è immediatamente disponibile e le schede digitali possono essere controllate contemporaneamente da tutte le agenzie e le autorità di regolamentazione competenti.

Ovviamente, questo è un esempio semplificato e puramente ipotetico, ma dovrebbe darti un’idea di come potrebbe essere un sistema di voto blockchain. In teoria, un sistema di voto basato su blockchain potrebbe funzionare esattamente allo stesso modo per referendum, sondaggi di opinione ed elezioni nazionali.

Motivi per cui il voto su Blockchain potrebbe essere una buona idea

#1 Votazione facile e veloce – Da qualsiasi luogo

Il voto blockchain sarebbe più veloce e più facile che votare di persona. E più sarà facile per le persone votare, più lo faranno!

Inoltre, votare attraverso un sistema basato su blockchain non richiederebbe di votare da un luogo specifico, come una cabina elettorale. Né tantomeno dovresti affrontare il problema di compilare e inviare un voto postale.

Ovviamente, avere la possibilità di votare da qualsiasi luogo è un enorme aiuto per le persone che faticano ad arrivare ai seggi elettorali. Ad esempio citiamo coloro che lavorano per orari lunghi o poco socievoli, o che hanno disabilità fisiche.

Inoltre, votare tramite un’app è notevolmente più semplice e veloce rispetto alla compilazione dei voti postali per le elezioni locali, regionali e nazionali. Quindi i sistemi di voto blockchain sarebbero vantaggiosi anche per il personale militare che vive all’estero.

Come abbiamo appena accennato nella nostra ipotetica elezione blockchain, il conteggio dei voti archiviati su una blockchain richiederebbe molto meno tempo rispetto al conteggio delle schede cartacee. In effetti, il conteggio dei voti in tempo reale e verificabile sarebbe disponibile la notte stessa delle elezioni.

#2 Sfatare i miti sulla frode degli elettori

I risultati delle elezioni sono comunemente trascinati in discredito dalla parte perdente. L’esempio più recente e ovvio sono state le elezioni presidenziali statunitensi del 2020. La parte perdente afferma che le votazioni sono state truccate per l’altro partito. O che i voti per il loro candidato sono stati distrutti da subdoli membri della loro opposizione.

Ma statisticamente, la frode elettorale non è essenzialmente un problema, almeno in Europa e Nord America. Uno studio del MIT ha rilevato che i casi di frode elettorale sono allo 0,00006% a livello nazionale, il che significa che è circa cinque volte meno probabile di essere colpiti da un fulmine.

Eppure, nonostante la totale mancanza di prove per qualsiasi frode elettorale diffusa, le persone continuano a non fidarsi delle schede cartacee. Uno dei motivi più comuni per la mancanza di fiducia è che non puoi controllare che il tuo voto sia stato effettivamente contato. Metti la tua scheda in una cassetta e speri solo che qualcun altro si assicuri che vada tutto bene. E se così non fosse, non lo saprai mai!

I voti archiviati su una blockchain sono invece controllabili. In effetti, puoi visualizzare l’ora e la data della tua votazione quasi subito dopo aver votato.

Il voto su blockchain potrebbe anche essere verificabile. Le organizzazioni e le autorità di regolamentazione imparziali potrebbero verificare la legittimità di qualsiasi elezione senza dover contare ogni voto insieme ai contatori di voti ufficiali.

#3 Aumenta le consultazioni pubbliche

I sistemi di voto blockchain potrebbero consentire ai governi di valutare rapidamente e facilmente il sentiment della popolazione riguardo qualsiasi problema. Possiamo citare i problemi locali come riempire le buche in strada, le domande nazionali sulla spesa per la difesa. In altre parole, la blockchain potrebbe riformare radicalmente il modo in cui i governi si consultano con i propri cittadini e garantire che la voce di ogni cittadino sia ascoltata.

Inutile dire che questo sarebbe un enorme miglioramento rispetto ai sistemi che abbiamo oggi in atto, che sono complicati, costosi, imprecisi o un mix di tutti e tre.

Oggi si utilizzano dei sondaggi di opinione per misurare il sentimento pubblico. Ma sono notoriamente imprecisi perché usano le opinioni di poche migliaia di persone per rappresentare le voci di altri milioni di persone.

Un referendum, d’altra parte, registra quasi perfettamente come si sente la popolazione riguardo a un problema o all’altro. Ma sono incredibilmente costosi e richiedono molto tempo per essere eseguiti. Il referendum sulla Brexit nel Regno Unito, ad esempio, è costato quasi 130 milioni di sterline.

Ma come abbiamo detto prima, un sistema di voto basato su blockchain potrebbe consentire sondaggi mensili o addirittura settimanali o referendum su tutte le questioni principali e locali. Col tempo, aiuterebbe anche più persone a impegnarsi nella politica e a sentirsi come se la loro opinione contasse. Questo probabilmente porterebbe a una maggiore affluenza alle urne e a una democrazia più forte.

#4 Riduce i costi elettorali

Come accennato in precedenza, indire le elezioni è incredibilmente costoso, soprattutto quando si tratta di votazioni nazionali e referendum. Un’elezione generale nel Regno Unito, ad esempio, costa 150 milioni di sterline, che sono circa 190 milioni di dollari oggi.

Costruire e mantenere un sistema di voto blockchain non è economico a breve termine. Ma a lungo termine consentirebbe notevoli risparmi sui costi, per non parlare di tutti gli alberi risparmiati riducendo il numero di schede elettorali cartacee.

Mettiamo che il governo britannico decida ad esempio di implementare un sistema di voto basato su blockchain. Se questo costasse, diciamo, 350 milioni di dollari, recupererebbe i propri soldi in due cicli elettorali. E questo senza tener conto di eventuali costi elettorali locali, sondaggi di opinione o referendum.

Svantaggi del voto Blockchain

Naturalmente, i sistemi di voto blockchain non sono impeccabili. I sistemi costruiti e testati hanno già ricevuto la loro giusta dose di critiche. Molti di questi denuncianti sono preoccupati per la privacy degli elettori. In particolare, sono preoccupati che un registro che possa mostrare come ogni cittadino ha votato durante l’elezione possa in qualche modo essere trapelato o rubato.

Anche se questo è abbastanza improbabile, è sicuramente possibile. Sebbene le blockchain siano considerevolmente più sicure della maggior parte dei database centralizzati, sono tutt’altro che perfette.

La sicurezza sarà la preoccupazione principale di qualsiasi governo che consideri l’utilizzo di un sistema di voto blockchain per le proprie elezioni nazionali. Quindi, finché le blockchain non diventeranno a prova di hacker, probabilmente non voteremo in un’elezione blockchain.

Poi: come faranno le persone a dimostrare la loro identità per votare sulla blockchain? Perché mentre la maggior parte delle persone ha una sorta di documento d’identità, vale la pena ricordare che non tutti hanno $50 di riserva per una patente di guida.

Problemi da non sottovalutare

Alcuni studi dimostrano che richiedere agli elettori di mostrare un documento d’identità prima di poter votare influisce in modo sproporzionato anche sulle minoranze. A meno che ogni persona idonea non disponga di un documento d’identità accettabile per votare, l’utilizzo della blockchain per ospitare un’elezione digitale potrebbe escludere gli elettori più poveri, il che ovviamente non è accettabile.

Un ultimo problema è che affinché qualsiasi paese utilizzi un sistema di voto blockchain per le sue elezioni, almeno il 95% dei suoi cittadini dovrebbe avere smartphone e accesso a Internet. Altrimenti – come con la tessera elettorale – corri il rischio di escludere i membri più poveri della società.

Quindi, ora abbiamo esaminato anche l’altro lato della medaglia. Quindi è giusto dire che mentre il voto blockchain offre numerosi vantaggi – la tecnologia, in particolare la sicurezza – probabilmente non è ancora dove dovrebbe essere. Ma le cose cambiano in fretta.

Casi d’uso nel mondo reale del voto blockchain

Sono già emerse numerose società di voto su blockchain negli ultimi anni. Secondo i dati di Pitchbook, dal 2016 sono stati investiti 420 milioni di dollari in 27 startup tecnologiche elettorali. Diamo un’occhiata a tre di esse.

#1 Voatz – Virginia Occidentale

Durante le elezioni del 2018, lo stato del West Virginia ha registrato con successo 144 voti all’estero in 24 paesi. Le truppe militari sono state in grado di votare dai loro telefoni cellulari utilizzando un’app sviluppata da una società chiamata Voatz.

Per votare utilizzando l’app, ogni militare doveva inserire il proprio numero di telefono, una sorta di documento d’identità con foto, un selfie – che è stato confrontato con il proprio documento d’identità – e un’identificazione personale. Una volta approvato l’ID, hanno quindi ricevuto un token sicuro che ha permesso loro di esprimere il proprio voto.

Voatz ha ricevuto molte reazioni positive dagli elettori stranieri una volta terminate le votazioni. Quando è stato chiesto un feedback, gli elettori militari hanno affermato che il processo di registrazione e verifica dell’identità è stato semplice. Nel complesso quindi, votare tramite un’app basata su blockchain ha reso l’intero processo molto più semplice.

Un elettore militare ha detto: “Vivo in Giappone da 17 anni e mi sono perso un sacco di cose negli Stati Uniti. Questo sistema mi dà l’opportunità di impegnarmi di nuovo con tanta facilità. Grazie per il tuo aiuto, ho appena votato con successo!

Un progetto destinato ad aprire una nuova strada

Una volta terminate le elezioni, il Segretario di Stato per il West Virginia Andrew Warner ha rilasciato una dichiarazione: “Questo è il primo progetto protetto da tecnologia blockchain nella nazione che ha consentito ai membri dei servizi in uniforme e ai cittadini d’oltremare di utilizzare un’applicazione mobile per votare”.

Alcuni hacker hanno cercato di interrompere le elezioni, ma i funzionari hanno affermato che il tentativo non era neanche vicino al successo.

Dal voto nel West Virginia, un certo numero di legislature e convenzioni statali hanno utilizzato Voatz per altre elezioni, tra cui:

  • La convenzione GOP dello Stato dello Utah
  • La Convenzione GOP dell’Arizona
  • La Convenzione GOP del South Dakota
  • Convenzione del Partito Democratico del Michigan

Ma quante di queste prove hanno avuto successo? E c’è una possibilità che le prossime elezioni presidenziali statunitensi utilizzino un sistema di voto su blockchain? Una prova con solo 144 voti blockchain probabilmente non convincerà molti governi a iniziare a implementare tali sistemi di voto. Ma dato che non sono state rilevate violazioni della sicurezza e il feedback degli elettori è stato tutto sommato positivo, sembra che il voto su blockchain non sia un sogno irrealizzabile.

#2 AGORA – Sierra Leone

Agora, una società con sede in Svizzera, ha testato il suo sistema di voto blockchain durante le elezioni generali della Sierra Leone nel 2018. Il team di Agora ha contato i voti di 280 seggi elettorali in tutta la Sierra Leone occidentale e ha scoperto che i loro voti erano molto vicini ai risultati ufficiali.

Prima di entrare nello specifico, dobbiamo sottolineare che durante le elezioni in Sierra Leone, Agora ha agito come un osservatore imparziale. Il suo sistema di voto su blockchain è stato utilizzato insieme alle schede elettorali cartacee come una sorta di backup. Non è stato trattato come il sistema di voto primario.

Quindi, invece di utilizzare un’app per registrare i loro voti, gli elettori hanno comunque completato i loro voti su schede cartacee. Il team di Agora e un team di osservatori imparziali li hanno successivamente registrati sulla blockchain. Anche se le elezioni utilizzavano ancora schede cartacee, il sistema di Agora è stato comunque utile, perché ha pubblicato i risultati delle elezioni cinque giorni prima che il conteggio ufficiale fosse terminato.

Inoltre, le elezioni in Sierra Leone sono piene di accuse di frode e inganno. Quindi il sistema blockchain di Agora ha fornito una sorta di garanzia digitale che i risultati fossero effettivamente legittimi. Inoltre Agora ha archiviato tutti i voti su un registro pubblico, in modo che gli elettori potessero verificare che il loro voto fosse corretto.

Come Voatz, anche il sistema di Agora consente di votare da un dispositivo digitale, sebbene questo non sia stato presente nelle elezioni in Sierra Leone.

La Rock and Roll Hall of Fame

Il voto blockchain viene utilizzato anche in contesti non politici. Dal 2013, la Rock and Roll Hall of Fame ha permesso ai fan della musica di votare per chi secondo loro dovrebbe essere il prossimo artista da inserire nella sala.

Le votazioni si sono svolte senza intoppi fino al 2016 quando il numero dei voti è balzato da 370.000 a oltre 82 milioni in soli quattro giorni.

Circa la metà dei voti è andata a una band chiamata Chicago, che alla fine ha vinto. I rapporti dell’epoca suggeriscono che l’aumento dei voti era probabilmente il risultato di un bot progettato per votare continuamente per uno o due artisti.

A seguito di questo, la credibilità del premio e l’organizzazione della Rock Hall è stata messa in discussione. Quindi l’anno successivo hanno stretto una partnership con Votem, una piattaforma di voto mobile basata su blockchain, per garantire che la loro procedura successiva fosse equa e priva di bot.

Il sistema di Votem funzionava dietro l’interfaccia utente della Rock Hall, quindi i fan avrebbero votato per i loro musicisti preferiti come sempre, ma i loro voti venivano effettivamente convalidati e archiviati su una blockchain.

La votazione si è conclusa senza intoppi, ed il CEO di Votem Pete Martin ha dichiarato: “Stiamo dimostrando il potere della tecnologia di voto su blockchain in elezioni private come il Rock and Roll Hall of Fame Fan Vote in cui quasi 2 milioni di voti sono stati espressi senza incidenti sulla piattaforma di Votem.

Sebbene Votem abbia portato con successo una maggiore trasparenza e fiducia nella Rock and Roll Hall of Fame, la società ha successivamente chiarito che il sistema utilizzato per questo voto non sarebbe stato appropriato per le elezioni democratiche, poiché non poteva soddisfare i requisiti di sicurezza.

Quanto dobbiamo aspettare per vedere delle votazioni su Blockchain?

Come puoi ben vedere, i sistemi di voto blockchain non sono solo una bella idea per il futuro. Esistono, funzionano e ci sono buone ragioni per usarli per le elezioni nazionali. Ma la fiducia in questa tecnologia non è abbastanza alta per poterla utilizzare in un futuro prossimo.

Come hanno sottolineato i ricercatori del MIT, la sicurezza blockchain non è ancora pronta al caso d’uso delle elezioni nazionali. Ma questo non significa che non possiamo utilizzare la blockchain per certificare le elezioni mentre la tecnologia si sviluppa e migliora. Man mano che diventano più veloci e più sicure nel tempo, c’è una buona ragione per credere che le blockchain potranno finalmente portare il voto ad un livello superiore.