PayPal svela gli attesissimi servizi in criptovalute. Consentirà agli utenti di spostare le proprie risorse digitali su wallet ed exchange.

È giusto dire che PayPal ha adottato un approccio lento e cauto alle criptovalute, ma il mercato ribassista non sembra scoraggiare il gigante della tecnologia.

paypal bitcoin criptovalute

PayPal sta aumentando la sua offerta di criptovalute. Presto consentirà agli utenti di spostare le risorse digitali su altri wallet ed exchange. Vediamo bene cosa sta succedendo.

Paypal e criptovalute: le strade si incrociano

Il gigante dei pagamenti ha confermato la notizia in un comunicato, offrendo ai clienti una maggiore flessibilità nell’invio di criptovalute ai propri amici e familiari.

Sebbene PayPal consenta da tempo agli utenti negli Stati Uniti e nel Regno Unito di acquistare e vendere criptovalute, la sua offerta è stata limitata a quattro criptovalute: Bitcoin, Ether, Litecoin e Bitcoin Cash.

Un’altro punto da discutere è il modo in cui gli utenti non sono stati in grado di trasferire i propri fondi a piattaforme rivali come Coinbase e MetaMask, né per acquistare altre altcoin, né per acquistare NFT.

È giusto dire che PayPal ha adottato un approccio lento e cauto al suo lancio di criptovalute. Ma il CEO Dan Schulman, un tempo scettico nei confronti di Bitcoin, crede che questo settore sarà una parte cruciale della sua offerta negli anni a venire.

Questa posizione è stata riaffermata dal vicepresidente senior di blockchain e criptovalute di PayPal, Fernandez da Ponte, in una nuova intervista a Decrypt.

Nonostante l’attuale mercato ribassista, ha raddoppiato la sua affermazione secondo cui “una notevole quantità di commercio si sposterà verso le valute digitali” e ha spiegato che PayPal non addebita commissioni per le transazioni cin criptovaluta perché ciò ne minerebbe l’utilità come metodo di pagamento. Da Ponte ha aggiunto:

Si discute molto sul bear market delle criptovalute, ma è importante vedere oltre. La tendenza macro – ovvero un’ampia adozione delle criptovalute – procede indisturbata“.

Ma il mercato è ribassista

Per alcuni, il crollo di Bitcoin da $68.700 a $30.000 in poco più di sei mesi è servito come prova che la criptovaluta non è adatta ai pagamenti quotidiani.

Finora due paesi hanno finora adottato BTC come moneta a corso legale. L’ultimo di questi è la Repubblica Centrafricana. Nuovi rivenditori stanno aprendo regolarmente le loro porte alle transazioni crittografiche.

Uno degli ultimi è stato Gucci, che ha recentemente annunciato che sarà possibile pagare in criptovalute entro la fine dell’estate. Anche qui, un numero crescente di marchi di stilisti di fascia alta ha seguito l’esempio.
Per le piccole e medie imprese la sfida più grande associata all’accettazione di criptovalute può essere il superamento delle barriere tecniche all’ingresso e i mal di testa contabili associati alla ricezione di entrate in criptovalute.

Molti fornitori di pagamenti in cripto aggirano questo problema assicurando che le transazioni possano essere immediatamente convertite in fiat al momento dell’acquisto lo si desidera.

Tra gli altri innovatori che cercano di rendere Bitcoin una parte più grande del mondo della vendita al dettaglio c’è Strike. Strike vuole offrire condizioni più eque a consumatori e commercianti allo stesso modo e commissioni più basse.

Durante la conferenza Bitcoin 2022 a Miami, il CEO di Strike, Jack Mallers, ha affermato che la tecnologia utilizzata dalle banche d’affari e dalle società di elaborazione dei pagamenti è antiquata e non è stata aggiornata in modo significativo per decenni.

Ha in programma di svelare una rete che consente a BTC di essere accettato da centinaia di migliaia di dispositivi POS negli Stati Uniti.

Ovviamente Visa e Mastercard, società che stanno esaminando in modo aggressivo le risorse digitali, respingono le affermazioni secondo cui la loro tecnologia è obsoleta.