Elon Musk minaccia di fare marcia indietro sull’accordo per l’acquisizione di Twitter. Intanto si intensificano le polemiche sui profili fake.

Elon Musk sta minacciando di abbandonare la sua acquisizione di Twitter e ha accusato il social network di “ostacolare” i suoi tentativi di saperne di più sull’azienda.

elon musk accordo twitter acquisizione

Gli utenti affermano che il social network si è ripetutamente rifiutato di fornire informazioni su come misura il numero di spam e account falsi sulla sua piattaforma. Vediamo bene cosa sta succedendo.

Elon musk minaccia la retromarcia sull’acquisizione di Twitter: ecco perché

In una nuova lettera, gli avvocati del miliardario affermano che Twitter si è ripetutamente rifiutato di fornire informazioni relative a spam e account falsi. In particolare non si riesce a capire come la piattaforma misura il numero di account falsi.

Il team legale di Musk afferma che i metodi del gigante della tecnologia per rilevare i bot sono “permissivi”.  Twitter ha insistito sul fatto che circa il 5% degli utenti rientri in questa categoria, il CEO di Tesla in precedenza ha affermato che la cifra reale potrebbe essere molto più alta. La lettera aggiunge:

In qualità di potenziale proprietario di Twitter, il signor Musk ha chiaramente il diritto ai dati richiesti. L’obiettivo è consentirgli di prepararsi a trasferire l’attività di Twitter alla sua proprietà, per facilitare il finanziamento delle sue transazioni.”

E poi ancora: “Per fare entrambe le cose, deve avere una comprensione completa e accurata del nucleo stesso del modello di business di Twitter: la sua base di utenti attivi“.

Il problema degli account fake… o è tutta una strategia?

Le argomentazioni di Musk hanno perfettamente senso. Se Twitter afferma di avere un numero particolare di utenti attivi giornalieri, ma una parte considerevole di essi non è reale, ciò potrebbe influire sulla capacità del social network di fare soldi con la pubblicità. Quindi influire sulla sua valutazione complessiva.

Ma i critici accusano il miliardario di cercare una scusa per sfuggire all’accordo dopo un forte calo del prezzo delle azioni di Tesla, dove la maggior parte della sua ricchezza è rinchiusa. Gli scettici sottolineano anche il fatto che Musk sapeva che gli account di spam erano un problema su Twitter. Dopotutto ha affermato pubblicamente che questo è uno dei motivi principali per cui sta acquistando l’azienda.

La lettera, indirizzata a Vijaya Gadde, chief legal officer di Twitter, avverte che la mancata divulgazione delle informazioni su come vengono calcolati gli utenti falsi significa che Musk ha il diritto di ritirarsi del tutto dalla transazione.

Elon Musk: minaccia e tempi incerti

Entrambe le parti stanno andando avanti e indietro su questo tema da tempo.

A metà maggio, Musk ha dichiarato di ritenere che il numero reale di account falsi o spam su Twitter sia del 20%, quattro volte superiore alle stime del social network.

L’imprenditore ha accusato il CEO di Twitter, Parag Agrawal, di non aver fornito la prova che i suoi dati siano accurati.

Twitter è determinato a portare avanti l’acquisizione al prezzo di $54,20. La quota è stata precedentemente concordata, ma è decisamente più generosa del prezzo attuale di $39,56.

Musk potrebbe dover pagare una commissione di $1 miliardo se si ritira dall’accordo – e potrebbe anche essere citato in giudizio. Tutto questo potrebbe essere un tentativo di creare un contesto.

Susanna Streeter, analista di Hargreaves Lansdown, afferma che questa lettera indica che Musk è pronto ad abbandonare l’accordo. Il documento formale segna un allontanamento dai suoi tweet accusatori. L’analista ha aggiunto:

Data la maggiore volatilità che ha colpito il settore tecnologico da quando Musk ha fatto la sua offerta, è molto probabile che stia cercando un prezzo più basso anche se Twitter fornisce i dati richiesti a supporto della sua analisi iniziale“.

L’acquisizione di Elon Musk doveva concludersi quest’anno. Ma il braccio di ferro tra le due parti indica che i ritardi sono inevitabili.