Previsioni Bitcoin per l’estate 2022. I mesi estivi sono tradizionalmente di cattivo auspicio per gli investitori. Vale anche per BTC?

Nello stesso periodo – lo scorso anno – Bitcoin è salito del 50% dal suo minimo a $30.000: può ripetersi nell’estate del 2022?

previsione prezzo bitcoin estate 2022

Sell in may and go away è un vecchio adagio famoso a Wall Street. Secondo questo detto i mesi estivi sono di cattivo auspicio per gli investitori. Ma vale anche per Bitcoin?

Questa ricerca sulla stagionalità dei rendimenti di Bitcoin suggerisce che la criptovaluta sperimenta una maggiore volatilità durante i mesi estivi (da giugno ad agosto). Sebbene i rendimenti di luglio siano in media in pareggio, è il mese estivo più volatile. Agosto vede rendimenti al di sotto della media, mentre giugno tende ad essere un mese redditizio ma volatile.

bitcoin estate
(credits: medium.com)

Con questo in mente, gli investitori attendono con ansia l’estate del 2022 e sperano che la volatilità aumenti dopo il difficile inizio anno. Nelle nostre previsioni di Bitcoin per l’estate 2022, scomponiamo i possibili scenari in due: quello bullish e quello bearish. Immergiamoci.

Segnali bullish di Bitcoin per l’estate 2022

I rialzisti di Bitcoin non hanno avuto vita facile nel 2022.

Dopo aver aperto a circa $47.000, BTC è immediatamente sceso già a gennaio. Un breve recupero a circa $45.000 a febbraio è stato tirato nuovamente giù dai ribassisti. Un altro tentativo di spinta verso l’alto all’inizio di marzo ha subito la stessa sorte. Il bitcoin ha finalmente registrato un forte rialzo alla fine di marzo, ed ha eguagliato la sua apertura annuale. Successivamente i ribassisti hanno spinto il prezzo al di sotto dei $40.000 per l’ennesima volta.

Bitcoin ha ancora qualche speranza per i mesi estivi, i quali sono tradizionalmente più difficili? Diamo un’occhiata ad alcuni motivi per essere bullish su Bitcoin.

I dati on-chain per Bitcoin sembrano buoni

Glassnode è la principale piattaforma di dati e intelligence on-chain e pubblica analisi settimanali riguardo dati interessanti e fluttuazioni dei prezzi. Secondo il suo rapporto della sedicesima settimana, Bitcoin sembra solido dal punto di vista dei dati on-chain:

  • La maggior parte degli attuali possessori di BTC ha acquistato le proprie criptovalute prima dell’ATH, ed è probabile che non siano sensibili alle variazioni di prezzo.
  • La maggior parte degli speculatori a breve termine che hanno acquistato dopo l’ATH sono già usciti dal mercato.
  • Gli investitori hanno continuato ad accumulare tra $35.000 e $42.000.
  • L’analisi statistica suggerisce che i detentori con perdite non realizzate sono molto convinti della loro posizione.

Il rapporto conclude che gli investitori a lungo termine con basi di costo superiori a $14.000 hanno probabilmente venduto durante la recente correzione. In tal modo, nuovi detentori hanno acquistato tra $ 35.000 e $ 42.000, indicando che gran parte della pressione sul lato delle vendite è già stata assorbita.

Conclusione: l’analisi on-chain suggerisce che quello attuale è un intervallo di accumulo.

La regolamentazione procede

La regolamentazione potrebbe suonare come un indicatore ribassista.

Ma non deve esserlo, piuttosto è il contrario. Sempre di più, i paesi prendono sul serio la questione delle risorse digitali e cercano un modo per regolamentarle. Ciò significa che ci si aspetta che le criptovalute rimangano, quindi più paesi ne adottano la regolamentazione, più diventa mainstream e viceversa. Naturalmente, non tutte le normative sono uguali, ma ultimamente le notizie sono state ampiamente positive.

Il Brasile ha approvato la regolamentazione delle criptovalute e sta esaminando schemi di incentivi per i miners di Bitcoin.
Buenos Aires sta pensando a come consentire il pagamento delle tasse in criptovaluta.
La Repubblica Centrafricana è diventata il secondo Paese ad adottare Bitcoin come moneta a corso legale (anche se solo l’11% della sua popolazione ha una connessione Internet).

Certo, nessuno di questi esempi ha adottato un cambio di paradigma in termini di regolamentazione delle criptovalute. Ma questo mostra che molti paesi stanno cercando di incorporare Bitcoin e altre criptovalute nei propri sistemi finanziari, piuttosto che metterli fuori legge. Persino la Russia e l’Unione Europea, entrambe non sostenitrici delle criptovalute, hanno approvato leggi più favorevoli sugli asset digitali (o, nel caso dell’UE, almeno hanno almeno evitato di vietarle).

Conclusione: la regolamentazione procede nel verso giusto.

ETF su BTC e altri afflussi di denaro fresco

Gran parte della recente correzione dei prezzi è dovuta alla mancanza di nuovo denaro che entra nell’ecosistema su blockchain. Gli investitori esistenti girano a vuoto tra ecosistemi e protocolli, ma siamo sempre lì. La lateralizzazione dei prezzi è stata lo scenario migliore.

Nuovi soldi stanno per entrare in criptovalute e in particolare Bitcoin. Il gigante degli investimenti Fidelity ha annunciato un piano per consentire ai risparmiatori in pensione di mettere BTC nei loro conti risparmio. L’Australia Securities Exchange (ASX) ha approvato il primo ETF su Bitcoin Spot. L’Australian Financial Review prevede un afflusso di $1 miliardo di dollari in Bitcoin dopo il lancio dell’ETF. Anche all’interno del settore delle criptovalute, il denaro scorre principalmente in Bitcoin.

Molti dei nuovi investitori potrebbero non far aumentare immediatamente il prezzo a livelli stratosferici, ma sono indicativi di un afflusso costante di nuovo denaro in Bitcoin.

Conclusione: la domanda al dettaglio non è in forte espansione, ma le istituzioni continuano ad acquistare.

Segnali ribassisti di Bitcoin per l’estate 2022

Sfortunatamente per i rialzisti, i ribassisti hanno molte buone ragioni per sentirsi estremamente fiduciosi sulle loro prospettive per un Bitcoin bearish nell’estate 2022.

Scenario macro terribile

L’inflazione è la carta vincente che i ribassisti possono giocare. Negli Stati Uniti e nella maggior parte delle altre nazioni ha raggiunto i massimi da molti decenni negli ultimi mesi. Questo è un male per Bitcoin per due motivi:

  • Bitcoin non ha mai testato uno scenario macro così difficile.
  • Non si sa se l’inflazione ha raggiunto il picco oppure no, e la suspense non sta facendo bene a Bitcoin.

Il mercato prevede che la Federal Reserve alzerà i tassi di interesse fino al 2% per tutto il 2022. Sarà sufficiente per frenare l’inflazione? Sarà seguito da una maggiore stretta monetaria nel 2023? L’aumento dei tassi soffocherà l’economia e porterà alla recessione che molti si aspettano?

Gran parte di questa incertezza sta pesando pesantemente su BTC. Aggiungi a quell’incertezza geopolitica e un altro potenziale aumento dei prezzi delle materie prime se la guerra in Ucraina dovesse intensificarsi. Senza parlare della crisi delle supply chain che potrebbe svilupparsi a causa dei nuovi blocchi da COVID in Cina.

Nessuno sa esattamente quanto andrà male, il che di solito non fa ben sperare per asset rischiosi come Bitcoin.

Conclusione: la situazione macroeconomica è terribile, non importa come la si guardi.

Correlazione con altre attività rischiose

Bitcoin si è crogiolato nella gloria delle crescenti valutazioni delle azioni tecnologiche e dell’espansione della liquidità. Finché ha potuto. Ma ora sembra che gli investitori debbano pagare il conto dei recenti profitti dovuti ad asset tecnologici e criptovalute.

La correlazione di Bitcoin con il NASDAQ è aumentata incessantemente nell’ultimo anno: da 0,1 a 0,6 ad aprile 2022 (1 è la correlazione perfetta). Poiché il NASDAQ si è invertito dai massimi storici, lo ha fatto anche Bitcoin. Gran parte dell’incertezza macroeconomica ha pesato sui titoli tecnologici. Molti investitori li hanno già considerati ampiamente sopravvalutati. Ma il capitale in eccesso doveva trovare dei rendimenti da qualche parte, e società in crescita come Google, Apple e Tesla hanno dimostrato di essere la soluzione migliore.

Questa correlazione crescente mostra che Bitcoin è ancora molto lontano dall’essere la copertura dall’inflazione che i suoi sostenitori vogliono che sia.

Conclusione: la crescente correlazione con il NASDAQ non è un buon segno per il futuro di Bitcoin.

BTC vs USD

Da un lato, il dollaro è il migliore amico di Bitcoin. L’espansione delle stablecoin potrebbe portare a un’adozione de facto del dollaro a scapito delle valute locali. Questo è a priori un bene per Bitcoin: più stablecoin vengono utilizzate, più facile è acquistare BTC.

Tuttavia, l’indice di valuta USD (DXY) è stato tradizionalmente il rivale di Bitcoin. Quando il DXY e il valore del dollaro salgono, Bitcoin scende e viceversa. Sfortunatamente per Bitcoin, l’aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti è un’ottima notizia per il dollaro. Il capitale sta uscendo di corsa da Bitcoin e torna nelle obbligazioni per ottenere dei rendimenti sicuri.

Alcuni analisti si aspettano un indebolimento del predominio del dollaro nel lungo periodo. Ma ciò non accadrà nell’immediato futuro. Nei prossimi mesi, il bigliettone verde regnerà probabilmente sovrano, il che significa che Bitcoin potrebbe vedere ulteriori ribassi a breve termine.

btc dollaro
(credits: Twitter)

Conclusione: una maggiore forza del dollaro (o un consolidamento ad alti livelli) porta cattive notizie agli investitori in Bitcoin.

Considerazioni finali

Questa estate potrebbe essere difficile per Bitcoin.

I suoi indicatori rialzisti (dati on-chain, regolamentazione, interesse istituzionale) forniscono un sollievo a breve termine. Ma c’è molta incertezza su quanta inflazione dovrà ancora arrivare e se gli eventi geopolitici e i colli di bottiglia delle catene di approvvigionamento continueranno a battere le azioni e le criptovalute.

Considerando tutta l’incertezza, un prezzo obiettivo per Bitcoin fino alla fine di agosto è estremamente difficile da stimare. Potrebbe ragionevolmente essere più vicino a $30.000 che a $60.000 quando l’estate sarà finita.