La Cina torna ad essere il secondo paese al mondo per mining di Bitcoin (21.11%) dietro gli USA (37.84%). Italia (0.11%) molto in ritardo.

Sebbene in Cina il mining di Bitcoin sia tecnicamente fuorilegge, il paese è tornato nel podio completato da USA e Kazakhstan.

Poco più di sei mesi fa, la Cina ha vietato le transazioni in criptovalute e di conseguenza il mining di Bitcoin. Ma il Paese è tornato a ruggire, secondo i dati dell’Università di Cambridge.

mining cina bitcoin

La Cina è ancora una volta il secondo maggior contribuente all’hash rate globale di Bitcoin, dietro solo agli Stati Uniti. La Cina attualmente contribuisce per il 21,1% all’hash rate globale di BTC, seconda agli Stati Uniti con il 34,8%. Il Kazakistan torna al terzo posto con il 13,2%.

La Cina torna in pista sul mining di Bitcoin

Solo dieci mesi fa la quota cinese dell’hash rate globale era in caduta libera, anche prima che l’estrazione mineraria fosse ufficialmente bandita. Per un breve periodo di tempo coincidente con la seconda metà del 2021, il Cambridge Bitcoin Electricity Consumption Index non ha registrato attività dalla Cina continentale.

Gli ultimi dati di gennaio 2022 mostrano che il mining di Bitcoin in Cina è rimasto offline solo per due mesi (e non del tutto). Paesi come il Kazakistan, la Russia e il Canada, che speravano di trarre vantaggio dall’esodo dei minatori dalla Cina, sono rimasti fermamente indietro in termini di hash rate.

Pertanto possiamo dire che l’idea di non minare Bitcoin in Cina può essere accantonata una volta per tutte. Il capo del progetto CBECI Alexander Neumueller ha dichiarato a Cointelegraph:

I nostri dati confermano empiricamente le affermazioni degli addetti ai lavori del settore secondo cui l’estrazione di Bitcoin è ancora in corso all’interno del paese. Sebbene il mining in Cina sia lontano dai suoi livelli precedenti, il paese sembra ancora ospitare circa un quinto dell’hash rate totale“.

Negli Stati Uniti, la Georgia (32%), il Texas (11,2%) e il Kentucky (10,9%) costituiscono la quota maggiore dell’hash rate.

Il CBECI raccoglie dati da quattro principali pool minerari e ha analizzato tra il 32% e il 38% dell’hash rate totale di Bitcoin dall’inizio del progetto nel 2019.

Il CEO di FTX acquista il 7,6% delle azioni di RobinHood: ecco come risponde la criptovaluta