Pubblicato il “Piano di rinascita” per LUNA: Buterin e CZ sono scettici. Ricostruiamo la situazione e cerchiamo di capire cosa succederà.

Il CEO di Terra – Do Kwon – ha finalmente rotto il silenzio con un nuovo piano di rilancio dell’ecosistema, ma Vitalik Buterin e Changpeng “CZ” Zhao dubitano che funzionerà.

Terra continua ad affrontare le conseguenze del suo crollo mentre la community ed i vertici del progetto si affannano per salvare ciò che resta dell’ecosistema.

terra luna vitalik buterin cz binance

Do Kwon ha pubblicato un post nel forum Terra, dove delinea la sua visione di come Terra possa continuare a operare. Kwon ammette che la stablecoin UST ha perso troppa fiducia per esistere nella sua forma attuale:

Anche se l’ancoraggio dovesse alla fine ripristinarsi dopo che gli ultimi acquirenti e venditori marginali hanno capitolato, gli investitori di Luna sono stati liquidati così gravemente che sarà difficile ricostruire l’ecosistema dalle sue ceneri.

Un’economia decentralizzata ha bisogno denaro decentralizzato, ma UST ha perso troppa fiducia per svolgere il suo ruolo“.

Kwon ha proposto di effettuare un fork sulla chain Terra e di resettare la proprietà della rete a un miliardo di token, che dovrebbero essere distribuiti come segue:

  • 40% ai possessori di LUNA prima del depegging.
  • 40% per i titolari di UST prima del crollo.
  • 10% ai proprietari di LUNA prima che la chain si arrestasse.
  • 10% al community pool.

Kwon ha chiuso con un appello che invita i lettori a continuare a lavorare sulla visione di Terra secondo cui “un’economia decentralizzata ha bisogno di denaro decentralizzato“. Secondo il CEO l’ecosistema deve essere preservato. Ma Kwon non è stato l’unico personaggio importante nel mondo cripto ad esprimersi sulla faccenda.

Crollo Terra (LUNA): Buterin e CZ rimangono scettici

Do Kwon è stato ampiamente criticato su Twitter per il fallimento di LUNA e UST, soprattutto considerando la sua arroganza durante i bei tempi del progetto.
Sono intervenuti anche il CEO di Binance Changpeng Zhao e il fondatore di Ethereum Vitalik Buterin.

Buterin ha espresso critiche ad UST ed al suo essere una stablecoin algoritmica non garantita. Secondo l’inventore di Ethereum il team di Terra non ha sottolineato abbastanza il rischio intrinseco di un tale modello. Ha chiarito che UST non aveva mercato in confronto a stablecoin overcollateralizzate come DAI.

vitalik twitter terra1
(credits: Twitter)

Parlando del piano di rinascita di Terra, Buterin ha sottolineato che gli investitori più piccoli dovrebbero avere la priorità:

vitalik twitter terra 2
(credits: Twitter)

CZ ha concordato con la proposta di Buterin. In un tweet ha sottolineato che Binance non ha mai venduto il suo stack LUNA e prevede di “dare l’esempio” nel piano di ripristino mettendo i piccoli investitori al primo posto.

cz twitter terra 1
(credits: Twitter)

In un altro commento, Zhao ha affrontato l’attuale “momento spartiacque” per l’industria. Parlando implicitamente del piano di rinascita di Terra, ha affermato che una creazione di nuovi asset e il fork non creano valore, al contrario del buy-back e del burn. Ma tutto questo potrebbe essere al di là delle attuali capacità finanziarie del team.

cz twitter terra 2
(credits: Twitter)

CZ ha affermato inoltre che “la trasparenza, la giusta comunicazione e l’assunzione di responsabilità nei confronti della community sono estremamente importanti” dopo i fallimenti. Questa potrebbe essere interpretata come una frecciatina nei confronti della comunicazione di LUNA dopo il crollo. Do Kwon, che notoriamente è sempre stato attivo su Twitter, è rimasto in silenzio durante il crollo di UST.

Buterin e CZ non hanno criticato personalmente Kwon, ma il piano di recupero. Resta da vedere se tutto questo susciterà una reazione da parte del controverso CEO di Terra.