Vediamo in questo articolo gli ultimi aggiornamenti sulla questione Russia e criptovalute: il paese ora è per necessità cripto-friendly.

In Russia ci sono due questioni che attualmente stanno acquisendo molta importanza: le Central Bank Digital Currency (o CBDC) e il mining di criptovalute.

criptovalute russia bitcoin

In questo articolo vediamo in dettaglio perché, e come questo potrebbe influenzare l’economia in futuro.

La posizione della Russia sulle CBDC

Una central bank digital currency – o CBDC – è una valuta digitale emessa da una banca centrale o commerciale. Pensiamo allo Yuan digitale. Potrebbe essere una delle armi nell’arsenale delle banche per contrastare l’ascesa delle criptovalute.

Stanislav Tkachenko, professore di affari internazionali ed economia all’Università statale di San Pietroburgo, pensa che la Russia potrebbe essere interessata sia a una CBDC che alla promozione delle criptovalute. Dopo che la Cina ha lanciato appunto il proprio E-Yuan, la Russia sembra voler copiare l’approccio cinese. L’introduzione di una CBDC potrebbe anche avere effetti pratici molto positivi sul commercio bilaterale tra i due paesi. Volendo la Russia evitare di usare il dollaro, usare uno yuan digitale o un rublo digitale sarebbe un modo semplice per farlo.

Sergei Katyrin, presidente della Camera di commercio russa, ha presentato una proposta al primo ministro Mishustin: impiegare una CBDC per regolare i pagamenti con gli stati africani come parte delle attività commerciali della Russia nel continente. Katyrin ha scritto in una lettera al Primo Ministro:

Potrebbe essere utile incaricare il Ministero delle finanze della Federazione Russa, insieme alla Banca centrale, di garantire la fornitura di accordi intergovernativi con gli stati africani sull’uso delle valute nazionali e delle criptovalute negli accordi e nei pagamenti reciproci“.

Ciò segue la prima prova russa di un eventuale rublo digitale e i piani del Congo e della Repubblica del Congo di adottare la blockchain TON costruita dall’azienda di Telegram. Il fondatore di Telegram, Pavel Durov, non supporta le politiche statali russe. Anche Elvira Nabiullina, capo della Banca centrale russa e famosa critica degli asset digitali ha assunto un tono più conciliante nei confronti delle criptovalute:

Dobbiamo alleggerire questi progetti sulle risorse finanziarie digitali. Questo può diventare un altro canale per attrarre finanziamenti attraverso le risorse finanziarie digitali“.

Si tratta di una notevole inversione di tendenza in pochi mesi, dopo che le autorità finanziarie russe sono state per molto tempo anti-cripto.

Russia: situazione Mining di criptovalute

L’apertura da parte della Russia non si limita alle CBDC: il paese sta infatti diventando molto più favorevole al mining. Secondo Tkachenko, i produttori di energia russi potrebbero essere espulsi dai mercati internazionali a causa delle sanzioni e rivolgersi ai minersi per sostituire gli affari persi. La Russia ha intenzione di raccogliere una quota maggiore dell’hash rate globale di Bitcoin ed esercitare indirettamente un’influenza sulla rete.

L’estrazione di bitcoin è inoltre anche una buona copertura politica per la Russia. Una CBDC russa probabilmente non raccoglierebbe molto interesse dalle potenze economiche o dai suoi stessi cittadini. Probabilmente aumenterebbe il controllo statale sui flussi di capitale nel paese, ma i cittadini sarebbero incentivati ​​o addirittura costretti a utilizzare le criptovalute sostenute dal governo. L’estrazione di bitcoin attraverso società energetiche sponsorizzate dallo stato consentirebbe al governo di mantenere un certo grado di influenza sul registro dei pagamenti esterni e sfruttare un altro canale di entrate per le sue società energetiche.

Gli Stati Uniti sono diffidenti nei confronti della Russia, che potrebbe sfruttare l’attività mineraria. Per questo hanno già reagito sanzionando i servizi minerari con sede in Russia. Questo segna un altro fronte in cui gli Stati Uniti stanno cercando di negare alla Russia l’accesso al sistema finanziario globale, anche se resta da vedere l’efficienza delle sanzioni legate all’estrazione mineraria.

Russia: prospettive per le criptovalute

Nel complesso la Russia sta già diventando più cripto-friendly. Ma lo fa per necessità e non per convinzione o dedizione alla causa delle criptovalute. Le banche russe sono già incaricate di tenere d’occhio gli afflussi e i deflussi dall’ecosistema crittografico alle valute fiat. Questo poiché si vocifera che i russi possiedano criptovalute per un valore di oltre $200 miliardi.

L’ultimo aggiornamento è arrivato il 15 aprile, quando il quotidiano russo Kommersant ha riportato una bozza di legge che regolerebbe le criptovalute come mezzo di pagamento. E il 28 aprile, il media russo Izvestiya ha confermato nuovi emendamenti a un disegno di legge sulle criptovalute. Quest’ultimo farebbe in modo che gli exchange e i portafogli forniscano i dati dei clienti se richiesto dal giudice.

Inoltre le autorità russe regoleranno il mining di criptovalute, creando un registro centralizzato dei miners nel paese. Indubbiamente lo stato cercherà di disincentivare e regolare l’uso di Bitcoin a favore della propria valuta digitale. Per far questo sfrutterà i propri vantaggi comparativi nell’arena politica globale

Una maggiore influenza russa nelle criptovalute potrebbe essere vantaggiosa per gli investitori. Costringerebbe le economie di libero mercato come gli Stati Uniti a non rinunciare a una nuova tecnologia senza combattere. Inoltre una maggiore libertà per i miners di criptovalute in Russia renderebbe la regolamentazione più difficile nei paesi occidentali. Gli Stati Uniti e i paesi europei sembrano sempre più trovarsi a un bivio. Il problema rimane definire la propria posizione a lungo termine sulle criptovalute.
Dicono che la concorrenza faccia bene agli affari. Se questo è vero, prepariamoci ad una nuova età dell’oro.

Binance Charity lancia una carta di debito in criptovalute per aiutare i rifugiati ucraini