Il mondo delle criptovalute è pieno di opportunità, ma anche di truffe e schemi ponzi. Ecco a voi cinque progetti invecchiati malissimo.

Criptovalute e schemi ponzi. L’industria delle criptovalute è piena di opportunità di investimento. L’investitore medio è ben consapevole del fatto che la natura innovativa della tecnologia blockchain può sbloccare alti rendimenti degli investimenti, in particolare in settori pronti ad attirare l’adozione mainstream in un futuro non troppo lontano.
truffa ponzi
Adobe Stock
È questa percezione comune che ha anche alimentato il ripetersi di truffe di ogni genere, sia grandi che piccole. La logica alla base di questi schemi è che è possibile proporre agli investitori soluzioni di investimento in criptovalute non chiare e irrealistiche a causa della famosa volatilità dei prezzi delle risorse digitali, e delle complessità intrinseca della loro tecnologia sottostante. Pertanto la maggior parte delle truffe in questo campo sfrutta il crescente appeal delle risorse crittografiche, le possibilità di scoprire il “prossimo Bitcoin e una generale mancanza di istruzione sulle basi della tecnologia crittografica.
In questo articolo vediamo cinque dei più famosi progetti di criptovalute che si sono rivelati schemi Ponzi. Metteremo in evidenza caratteristiche simili e come i malintenzionati hanno tutti sfruttato la volatilità, la complessità ed il fascino delle criptovalute. Prima diamo una veloce ripassata al concetto di schema Ponzi in generale.

Criptovalute e schemi ponzi: una rapida ripassata

Uno schema Ponzi è solitamente una truffa progettata per attirare gli investitori con la promessa di generare rendimenti elevati e rapidi grazie a meccanismi di solito poco chiari. Il più delle volte l’azienda si concentra sulla ricezione di denaro da nuovi investitori e sulla sua distribuzione ai precedenti finanziatori, affermando che questi soldi siano profitti maturati da un’attività di investimento legittima. Alla fine, il sistema cade quando il flusso di nuovi investimenti si esaurisce.

Nel caso delle criptovalute, uno schema Ponzi consiste nel creare delle piattaforme di dubbio gusto ed attirare gli investitori nella trappola in qualche modo. Con le criptovalute è in qualche modo più facile millantare profitti non realistici a un pubblico che non comprende a fondo come funzionano effettivamente le criptovalute, ed è abbagliato dal potenziale delle risorse digitali di generare interessanti ritorni sugli investimenti. Questo è causato anche dalle storie che possiamo trovare in giro sui pochissimi investitori fortunati che sono diventati ricchi mentre dormivano.

Si noti che la storia degli schemi Ponzi risale al XIX secolo. Furono le operazioni illecite di Charles Ponzi, un truffatore italo-americano all’inizio degli anni ’20 a puntare i riflettori su questo specifico tipo di frode. Sebbene gli schemi Ponzi si siano evoluti insieme ai progressi tecnologici, hanno spesso dei tratti caratteristici:

  1. La promessa di rendimenti elevati, rapidi e privi di rischi, indipendentemente dalle condizioni di mercato.
  2. Alla base hanno fantomatici modelli di investimento o attività commerciali che sono presentati come “troppo complessi da spiegare“.
  3. Non forniscono documenti che possano attestare la legittimità e l’esistenza dell’impresa e dei suoi investimenti.

Sfortunatamente chi mette in atto gli schemi Ponzi sa come mascherarne le caratteristiche e manipolare le emozioni degli investitori. Questo è il motivo per cui gli schemi Ponzi continuano a prosperare ancora oggi, un secolo dopo la nascita di Charles Ponzi.

Schemi Ponzi e Schemi piramidali: c’è differenza?

Uno schema piramidale è simile a uno schema Ponzi poiché il sistema si basa sull’afflusso di nuovi investimenti per pagare gli investitori precedenti. L’unica differenza è che uno schema Ponzi si pubblicizza come un’impresa legittima che genera profitti fornendo servizi o vendendo prodotti. Al contrario gli schemi piramidali non attribuiscono la presunta redditività dello schema alle prestazioni di un’impresa.

Le 5 criptovalute – schemi Ponzi più famose della storia

#1: Onecoin

Onecoin è forse lo schema Ponzi più longevo mai visto nel settore delle criptovalute. Fondato dalla truffatrice bulgara Ruja Ignatova, alias Cryptoqueen, Onecoin è riuscito ad attirare gli investitori in gran numero tra il 2014 e il 2019. Durante questi 5 anni si dice che lo schema Ponzi abbia frodato gli investitori per $5,8 miliardi di dollari, spacciando Onecoin come “Bitcoin Killer” e l’innovazione più importante nel settore delle criptovalute.

 

Sotto questa “impresa commerciale” c’era uno schema di marketing multi-livello che compensava i membri con contanti. In questo modo Onecoin è riuscito ad attrarre nuovi investitori. Il problema non era la strategia di marketing in sé, ma il fatto che Onecoin non avesse una blockchain propria. Quindi, ogni volta che gli investitori ricevevano o acquistavano Onecoin, detenevano una moneta senza valore che non era supportata da nessuna tecnologia di valore.

Il governo degli Stati Uniti, dopo aver avvertito gli investitori per anni, alla fine ha represso le operazioni della società e ha mosso accuse contro i suoi leader. Ma la Ignatova era già svanita nel nulla col malloppo.

#2: Bitconnect

Bitconnect è un altro famoso schema Ponzi in criptovalute. Lanciato nel 2016 come soluzione di prestito Bitcoin, prometteva rendimenti mensili del 40%. Gli operatori sono rimasti sconosciuti, ed erano guidati da un individuo di nome Satao Nakamoto, che è ovviamente uno pseudonimo. Gli investitori per partecipare dovevano acquistare token BCC, bloccarli sulla piattaforma e attendere che i robot di trading li utilizzassero per fare trading.
Il co-fondatore di Ethereum Vitalik Buterin, seguito da Mike Novogratz e Charlie Lee, sono stati i primi a criticare gli insostenibili ritorni sugli investimenti promessi da Bitconnect. Non passò molto tempo prima che lo schema attirasse l’attenzione del governo del Regno Unito. Alla fine le autorità statunitensi hanno dichiarato Bitconect uno schema Ponzi e hanno chiesto che interrompesse le operazioni nel 2018. Successivamente, il prezzo di BCC è crollato del 90%, facendo perdere collettivamente agli investitori oltre $3,5 miliardi di dollari.

#3: PlusToken

PlusToken è uno degli ultimi e più grandi schemi Ponzi mai registrati nel mondo delle criptovalute. La truffa ha condotto la maggior parte della sua campagna di marketing tramite l’app di messaggistica cinese WeChat, attirando gli investitori con la prospettiva di generare un ritorno sull’investimento mensile del 10-30%. PlusToken ha attirato oltre 3 milioni di investitori, la maggior parte dei quali in Cina, Corea del Sud e Giappone. L’intero modello di business del progetto era incentrato sull’alfabetizzazione crittografica e su un servizio di wallet. Alla fine i truffatori hanno convinto gli investitori ad aumentare i loro guadagni acquistando il token del progetto, il PlusToken per l’appunto.

Dopo un anno passato a derubare gli investitori dei loro fondi, il team di PlusToken ha chiuso la piattaforma nel 2019 ed è uscito con un bottino del valore di oltre $3 miliardi di dollari. Come per la maggior parte degli schemi Ponzi menzionati in questo articolo, le autorità sono riuscite ad arrestare molti dei membri del team truffaldino. Il successivo governo cinese ha confiscato 4 miliardi di dollari di criptovalute legate alla truffa di PlusToken. Tuttavia sembra che non tutte le persone coinvolte siano state rintracciate. L’anno scorso infatti degli utenti sconosciuti hanno ritirato con successo parte dei fondi rubati nel 2020.

#4: GainBitcoin

Nel 2016, GainBitcoin è emersa come una soluzione di cloud mining con sede in India, con la promessa di generare rendimenti mensili del 10% per 18 mesi. Per quanto ridicolo possa sembrare, il progetto ha attirato non meno di 300 milioni di dollari di investimenti da parte di investitori indiani. Nel 2017 si è scoperto che non c’erano né attrezzature minerarie né software a sostegno dello schema.
Fortunatamente, il creatore dello schema Amit Bhardwaj è stato arrestato nel 2018 e accusato di aver frodato oltre 8.000 investitori. Sembra però che il caso sia stato archiviato ed è molto improbabile che gli investitori recuperino le perdite.

#5: Mining Max

Come GainBitcoin, anche Mining Max ha utilizzato un’inesistente azienda di cloud mining per mascherare la vera natura delle sue operazioni illegali. La piattaforma ha promesso agli investitori un modo per guadagnare facilmente criptovalute. Mining Max era un ecosistema di mining multi-cripto, che prometteva di generare rendimenti elevati. Tuttavia come ogni altro schema Ponzi, gran parte del modello di business si basava su campagne di marketing volte ad attrarre nuovi investimenti.

In totale Mining Max ha attirato oltre 18.000 investitori in 54 paesi. Dei $250 milioni raccolti, solo $70 milioni sono stati spesi per l’acquisto di attrezzatura hardware. Il resto del denaro è stato utilizzato per finanziare la campagna di marketing di Mining Max, così come lo stile di vita sfarzoso dei membri del suo team. Sebbene siano stati arrestati diversi sospettati, il presidente della “società”, il vicepresidente e altre figure rimangono latitanti.

Considerazioni finali

Dalla nostra carrellata dei migliori schemi Ponzi in criptovalute, è chiaro che i truffatori puntano tutto sulla mancanza di conoscenza da parte degli investitori, sul fascino delle criptovalute come nuova tecnologia, nonché sulla volatilità potenzialmente molto redditizia. Il punto è che è bisogna sempre studiare i progetti in maniera autonoma, senza farsi influenzare emotivamente, indipendentemente da quanto rispettabile possa sembrare l’azienda che c’è dietro.