Il progetto di token non fungibili (NFT) di Pudgy Penguins è sotto una nuova guida manageriale dopo la chiusura di una tanto attesa vendita alla cifra ragguardevole e inattesa di 750 ETH (2,5 milioni di dollari).

C’erano una volta le scimmiette sorridenti, dai mille volti, che cambiavano colori, espressioni del volto e vestini. C’erano i pupazzetti, quelli di un progetto cripto-digitale chiamato Nft, che ha cambiato totalmente il modo di concepire l’arte. Ma le sorprese non sono finite.

Pudgy Penguins
Pudgy Penguins: rivoluzione nel mondo Nft

Pudgy Penguins: ecco l’ultimo grande colosso delle collezioni Nft. Scopri cosa sta accadendo

Adesso è il tempo dei pinguini. Un gruppo guidato dal titolare di Pudgy Penguins e imprenditore con sede a Los Angeles, Luca Netz, acquisterà il controllo di tutto, insieme ai diritti d’autore, rivelando il colosso degli NFT dai quattro co-fondatori originali, secondo gli accordi legali intrapresi ora ufficiali. Netz sarà il nuovo leader di “The Huddle”, insieme al suo collaboratore Cameron Moulène e molti altri stakeholder.

Pudgy Penguins: tutto è iniziato con il “cambio di proprietà”

Il controllo del progetto consentirà al gruppo di acquirenti di lanciare un token e condurre lanci ad altri detentori della serie NFT, oltre ad altri diritti.

Il discord di gennaio e il cambio della guardia

L’accordo arriva quando la comunità di Pudgy Penguins ha estromesso la sua squadra fondatrice in un controverso voto su Discord a gennaio. Da allora, i detentori dei simpatici uccelli digitali incapaci di volare hanno atteso notizie su un futuro del progetto che sembrava incerto.

“Questo accordo ha preso molto più tempo di quanto pensassi”, ha detto Netz nel presentare la sua iniziativa di acquisto alla stampa. Lo ha fato parlando con CoinDesk a gennaio, quando è stato raggiunto un accordo preliminare tra lo stesso Netz e il precedente team fondatore.

Pudgy Penguins: dopo le difficoltà e il periodo di stallo, l’ascesa senza fine

Venerdì scorso, il trading di Pudgy Penguin è salito a picco sul mercato NFT OpenSea mentre le voci sulla chiusura dell’accordo lasciavano presagire questa rivoluzione. Il prezzo minimo di un Pudgy Penguin è balzato fino a 2,5 ether (ETH) dopo che il trading è rimbalzato tra 0,7 e 1,4 ETH nelle ultime settimane. Al momento della stampa, il pinguino più economico in offerta era quotato a 2,2 ETH.

L’annunciato accordo del nuovo proprietario, Lucas Netz

Netz ha pianificato di annunciare ufficialmente la chiusura della vendita sui social media sabato scorso e ha aggiunto che l’accordo era “al 100% e non uno scherzo di pesce d’aprile”. Lo ha fatto ancora una volta un’intervista con CoinDesk venerdì. Da qui la sua decisione di aspettare fino a dopo il 1 aprile per diventare pubblica.

“Tutto è allineato per rendere questo uno dei progetti più diffusi di tutti i tempi”, ha affermato Netz, che ha rifiutato di commentare elementi specifici della roadmap, ma ha accennato ad almeno una partnership di vendita al dettaglio.

Nuova leadership, nuovi grandi obiettivi in vista

Lanciata a luglio, Pudgy Penguins è diventata una delle collezioni NFT più popolari, con oltre 49.000 ether in volume di scambi (circa 171 milioni di dollari ai prezzi odierni dell’etere) sul mercato NFT OpenSea.

Ne parla anche il New York Times

Il progetto è apparso in una colonna del New York Times la scorsa estate che descriveva in dettaglio il fenomeno NFT e attualmente promuove celebrità come l’All-Star Steph Curry della National Basketball Association e il rapper Tory Lanez tra i suoi titolari.

“I pinguini sono stati il ​​mio primo acquisto NFT”, ha detto Netz a CoinDesk. Dice di essere stato attratto dalla collezione perché i pinguini digitali – che indossano accessori dai cappelli da mago ai papillon – “emettono gioia”. Netz ha acquistato il suo primo pinguino per circa 0,1 ETH la scorsa estate.

“È un’emozione interessante da provare guardando un progetto NFT”, ha affermato Netz. “Le collezioni che evocano emozioni sono le più potenti”.

Carini e adorabili

“Erano così carini e tutti li adoravano”, ha detto l’utente di Twitter JoeyMooose dell’accoglienza iniziale del progetto. JoeyMooose possiede un Pudgy Penguin che sfoggia un mohawk verde e ha coniato un popolare grido di battaglia della collezione. “Io sono il mio pinguino e il mio pinguino sono io” durante un emozionante evento Twitter Spaces di Pudgy Penguins.

Netz, che ha costruito un’attività di dropshipping di successo prima di dilettarsi negli NFT, afferma che guiderà gli sforzi di marketing del progetto e trasformerà i Pudgy Penguins in “un marchio conosciuto sia dentro che fuori il mondo NFT”.

Le prospettive del marchio: anche un giocattolo in arrivo, non solo digitale

Alla domanda su un possibile giocattolo Pudgy Penguin, Netz ha risposto: “Sarebbe fiscalmente irresponsabile se non lo facessi”.

Venerdì scorso sono circolate anche voci sull’annuncio del tanto atteso token Pudgy Penguins, alimentando ulteriormente la frenesia degli acquisti dei pinguini.

“Il fervore speculativo sta cominciando a emergere nei piani NFT quando c’è l’aspettativa di tokenizzazione, anche se spesso si tratta solo di voci”, ha affermato l’utente di Twitter GiganticRebirth. Si tratta di un membro influente della comunità di Pudgy Penguins che detiene il raro Ghost Penguin. “Con la tokenizzazione, si rafforza la tesi che gli NFT serviranno come asset di rendimento”.

Una mossa del genere seguirebbe, clamorosamente, le orme del Bored Ape Yacht Club di Yuga Labs, che ha lanciato il suo token ApeCoin (APE) all’inizio di questo mese.

Il “colpo di stato” dei pinguini: cosa è avvenuto?

I possessori di Pudgy Penguin, che collettivamente si riferiscono a se stessi come “The Huddle” e “Pengus”, hanno affrontato comunque un paio di mesi tumultuosi dopo il loro iniziale slancio verso la fama.

Con diverse cancellazioni “accidentali” da OpenSea e vendite in calo finora quest’anno, il desiderio di una leadership competente è stato a lungo atteso ed è alla fine arrivato.

Le eterne promesse mancate del fondatore originario

Secondo diverse fonti, il team fondatore originario di Pudgy Penguins ha fatto grandi promesse alla comunità, incluso il lancio di un libro per bambini, un token e un gioco del metaverso incentrato sulle immagini dei pinguini. Alla fine, per ora, nessuno dei progetti è andato a buon fine.

Nel frattempo, altri progetti di foto del profilo come Bored Ape Yacht Club e Cool Cats hanno visto i loro prezzi aumentare lo scorso autunno, lasciando delusi molti detentori dei Pudgy Penguins NFTs.

Cole Thereum, co-fondatore di Pudgy Penguins, non ha risposto alle ripetute richieste di commento tramite messaggio Twitter.

Le tensioni sono arrivate al culmine il giorno di Natale, quando un attesissimo lancio aereo ha rivelato NFT di canne da pesca, che inizialmente erano state scritte erroneamente come “rog”.

“Quella è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso”, ha detto l’utente Twitter ActuallyAgents, un community manager di Pudgy Penguins, che ha aggiunto che molti possessori di pinguini avevano anticipato un gioco al momento della rivelazione. “Immagina se da bambino ti svegliassi a Natale e tua nonna ti regalasse un gioco per PlayStation2, ma non possiedi una PlayStation2.”

A gennaio, l’utente pseudonimo di Twitter 9x9x9 (e detentore del raro Banana Penguin) ha lanciato un thread in cui affermava che i fondatori di Pudgy Penguin avevano prosciugato la tesoreria dei fondi del progetto e si erano offerti di vendergli il guscio del progetto per 888 ETH.

Il putiferio, la rivoluzione interna e la vendita a Netz

Le rivelazioni hanno suscitato un putiferio nella comunità Pengu, culminato nel fatidico voto Discord che ha estromesso i fondatori. Il prezzo minimo di un Pudgy Penguin è sceso a un minimo di 0,5 ETH.

L’offerta di Netz: ora i pinguini sono i suoi e il futuro sembra davvero roseo

Il voto ha segnato la successiva discesa del progetto nel caos, poiché le offerte in competizione, un’offerta di un cavaliere bianco e uno sforzo di base per biforcare la comunità si sono svolti sui social media.

La guerra delle offerte

All’inizio di gennaio è scoppiata una guerra di offerte sul progetto, con Luca Netz che ha offerto 750 ETH per acquistare i pinguini. Altre offerte pubbliche concorrenti sono arrivate dal fondatore di Mintable Zach Burks e dall’influencer di NFT BeanieMaxi.

Il trader pseudonimo GiganticRebirth ha offerto 750 ETH corrispondenti a Thereum e ai fondatori per “aspettare un acquirente più adatto”, un suggerimento che è rimasto inascoltato.

Un altro trader pseudonimo, l’utente di Twitter Vincent Van Dough, che guida la diramazione di Three Arrows Capital Starry Night Capital, ha annunciato che avrebbe “confezionato” i suoi oltre 50 pinguini nel tentativo di tagliare i pagamenti delle royalty ai fondatori originali. Tutto questo per dare il via alla formazione di un’organizzazione autonoma decentralizzata (DAO) di proprietà della comunità.

Il nuovo capitolo di Pudgy Penguins: libri per bambini, videogiochi, giocattoli reali e tanto altro

Ora, i Pudgy Penguins stanno cercando di iniziare un nuovo capitolo, da quando il gruppo dirigente di Netz ha preso il sopravvento.

“Sono estremamente ottimista e fiducioso in Luca e nel team che ha assemblato”, ha detto a CoinDesk l’utente Twitter ActuallyAgents, che rimarrà in una posizione di leadership sotto il nuovo regime.

“A parte la loro grande esperienza commerciale, la filosofia di compassione e inclusività che vuole portare ai pinguini è qualcosa di cui lo spazio ha davvero bisogno”.