Non per tutti la realtà dei token non fungibili rappresenta “una sana passione” o forse sarebbe meglio dire “una insana follia” da assecondare a tutti i costi.

Il mondo degli Nft resta sempre sulla cresta dell’onda, seppur caratterizzato, nelle ultime settimane, da un netto calo, rispetto al boom iniziale di vendite.

NFT binance cz dichiarazione

Ciò non toglie che sia spesso oggetto di aspre critiche e nefaste previsioni, sul concept dei peggiori fuochi di paglia destinati a spegnersi inesorabilmente, da parte di una fetta di “esperti” che lo giudicano appunto come un fenomeno del tutto momentaneo.

Nft: boom reale o fuoco di paglia?

Per loro, scopriremo a breve di chi si tratta, siamo di fronte a una sorta di bolla di sapone. E costoro si domandano anche, costantemente, come si fa a spendere certe cifre per acquistare qualcosa come pupazzetti, scimmiette e via dicendo.

Nft: Cz Zhao di Binance non ha dubbi

A rendersi protagonista di un profondo dissenso verso il mondo degli Nft non è certo un personaggio come tanti. Lui è il celebre Ceo di Binance, Changpeng “CZ” Zhao, che ha recentemente espresso shock per la crescita esponenziale del mercato NFT dallo scorso anno.

Parlando con Fortune, il CEO ha affermato che le persone potrebbero aver “perso la testa” quando pagano prezzi astronomici per gli NFT.

Nft: tutto cominciò con quel jpg da 69 milioni di dollari

Quasi un anno fa esattamente, un JPG è stato venduto per 69,3 milioni di dollari.

Un JPG, come in un file digitale, qualcosa che i suoi proprietari non saranno mai in grado di toccare, tenere o appendere fisicamente, tranne che su uno schermo. Una serie di zeri e uno, davvero.

Per CZ uno sgargiante e colorato mosaico non può valere così tanto

L’immagine era bellissima, a dire il vero: uno sgargiante mosaico al neon di 5.000 pezzi di opere d’arte digitali, ognuna ugualmente unica, sbalorditiva, intricata. Ma il suo acquirente potrebbe essere semplicemente pazzo.

Questo pensiero, di non poco conto, viene dal miliardario fondatore di Binance, la più grande piattaforma di trading al mondo per valuta invisibile.

Per CZ uno sgargiante e colorato mosaico non può valere così tanto

CZ, lo conoscono tutti nel mondo, ha riconosciuto di non essere un collezionista d’arte. Ma ha anche espresso una certa incredulità alla prospettiva di pagare 69 milioni di dollari per un’opera d’arte digitale, l’importo record per il quale l’artista Beeple ha venduto il pezzo Everydays: The First 5.000 Days l’anno scorso.

Zhao ammette la sua “non passione” per l’arte

Tuttavia, il CEO di Binance ha notato degli aspetti positivi definitivi nella mania, affermando che ha permesso agli artisti di monetizzare facilmente il proprio lavoro.

Facendo riferimento alla vendita di Beeple, CZ ha notato che nulla potrebbe valere così tanto e ha paragonato il mercato a una potenziale bolla.

Il caso Beeple: l’artista miliardario che non crede al fenomeno Nft

Sembra assurdo ma è così, lo stesso Beeple (l’uomo che ha guadagnato così tanto, l’artista realizzatore dell’Nft più costoso della storia) ha egli stesso espresso preoccupazione per il fatto che il mercato NFT sia una bolla, paragonandolo al boom delle dotcom degli anni ’90.

Ma come il crollo delle dotcom, si aspetta che il mercato NFT subisca un simile e rapido consolidamento che favorirà un lavoro di alta qualità.

CZ ha osservato che la crescita del mercato attirerà un miglior raccolto di artisti, migliorandone la qualità complessiva.

Nft: i numeri del mercato

Il valore del mercato NFT è aumentato drasticamente nel 2021 a 25 miliardi di dollari, dai 95 milioni di dollari alla fine del 2020. Nella finanza tradizionale, un salto così grande è solitamente seguito da un consolidamento altrettanto drastico. Resta da vedere se sarà così.

Calo sì, ma non vertiginoso. I token non fungibili resistono

Il boom dell’NFT ha finora mostrato pochi segni di arresto quest’anno, con diverse aziende tradizionali che si sono lanciate nel mercato. Lo spazio ha visto un grande aumento di popolarità dopo che l’Ucraina ha aperto un museo NFT che copre il suo conflitto con la Russia.

Progetti NFT popolari come Bored Ape Yacht Club (BAYC) e CryptoPunks hanno suscitato ira per essere graficamente privi di ispirazione. Ma i token vendono ancora per grandi quantità, con il prezzo più basso che si può pagare per possedere un BAYC a 109 ETH ($ 381.670).

Gran parte del ricorso deriva dallo stato di possesso di un BAYC o di qualsiasi altro NFT popolare. Diverse celebrità e personaggi dei media possiedono tali token, aumentando intrinsecamente la percezione dei progetti NFT.

Madonna pazza per gli Nft della Bored Apes Collection

Non è un caso che Madonna, la regina del pop, ha annunciato sui suoi profili Instagram e Twitter di aver comprato un NFT della famosa collezione Bored Ape Yacht Club dal valore superiore al mezzo milione di dollari. Non è l’unica celebrity ad aver fatto un endorsement pubblico alla collezione Bored Ape, anzi si inserisce in un nutrito elenco che vede figurare anche Justin Beiber, Paris Hilton ed Eminem.

C’è da dire che il mondo degli nft ha anche attratto investitori a breve termine che acquistano progetti nella speranza di poter lanciare rapidamente i token per un profitto.

Una risorsa digitale e unica: ma tutto questo basta per spese così folli?

Ricordiamolo, NFT sta per token non fungibile, una risorsa digitale unica e originale che appartiene solo al suo proprietario o ai suoi proprietari. È un po’ come un certificato di autenticità per opere d’arte, musica, video e persino tweet.

Gli NFT possono essere venduti singolarmente o come parte di una collezione, come nel caso di Bored Ape Yacht Club, una raccolta di migliaia di illustrazioni di scimmie digitali sulla blockchain di Ethereum.

Coloro che acquistano una grafica scimmia come NFT ottengono l’iscrizione a un club esclusivo con vantaggi riservati ai membri come l’accesso a “The Bathroom”, una bacheca di graffiti online riservata ai membri.

Jimmy Fallon come Madonna

Celebrità come il comico e conduttore del Tonight Show Jimmy Fallon e il produttore vincitore di un Grammy Timbaland stanno attualmente usando i loro Bored Ape NFT come foto del profilo di Twitter .

Qualunque sia la tua opinione sugli NFT, c’è un vantaggio innegabile, ha detto Zhao: “consentono agli artisti di monetizzare di nuovo il loro lavoro a livello globale… e di raggiungere un pubblico molto più ampio”.

“Un ragazzo a Singapore può pagare $ 69 milioni per la tua arte.”

Gli Nft e la contraddizione India: una parte del paese spende centinaia di migliaia dollari in pupazzetti colorati, un’altra non ha da mangiare

Nel cast della vendita record di NFT dell’anno scorso, quel “tizio” – o i folli ragazzi – erano MetaKovan (vero nome Vignesh Sundaresan) e Twobadour (Anand Venkateswaran), oggi comproprietari del fondo di investimento Metapurse incentrato sulla NFT.

Volevano aggiungere “un pizzico di mogano” alla tipica “combinazione di colori monocromatica” di investitori, finanzieri e mecenati d’arte. I due hanno bloggato dopo la vendita.

Nft e quel presinto potere di equalizzazione tra l’Occidente e il resto del mondo

“Il punto era mostrare agli indiani e alle persone di colore che anche loro potevano essere mecenati, e che le criptovalute hanno un potere di equalizzazione tra l’Occidente e il resto e del mondo.

Ma il destinatario di quei 69 milioni di dollari, un artista noto come Beeple – Mike Winkelmann nella vita reale – teme che l’arte di NFT sia in una bolla.

L’anno scorso ha detto a Fox News che Internet, nella sua nascita, era anche una bolla e alla fine è scoppiata.

“Ma non ha spazzato via Internet”, ha detto. “E quindi la tecnologia stessa è abbastanza forte da poter sopravvivere”.

Zhao a sua volta vede anche la fragilità del mercato, ma ripete e si affretta a sottolineare che non è un collezionista d’arte.

“Niente vale così tanto, giusto?” ha detto, riferendosi alla vendita strabiliante di Beeple. “Ma se hai una persona disposta a pagare per questo, se quella persona ha improvvisamente cambiato idea, allora non vale più così tanto”.