I pubblici ministeri di Manhattan hanno accusato un ex organizzatore di eventi, molto celebre nella Grande Mela, di utilizzare bitcoin per riciclare milioni e avrebbe a sua disposizione un rolodex di truffatori presenti in tutto il mondo.

Giovedì (24 marzo) l’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan ha accusato Thomas Spieker, 42 anni, di più di una operazione di riciclaggio di denaro e anche trasmissioni di denaro senza licenza.

Bitcoin
Maxi operazioni per contrastare il traffico illegale di bitcoin

Secondo il pubblico ministero, Spieker e i suoi complici hanno riciclato più di 2,3 milioni di dollari in bitcoin e hanno convertito in contanti più di 380.000 dollari di criptovaluta.

Manhattan: scoperta vasta organizzazione dedita al riciclaggio di bitcoin

Spieker “si vantava apertamente di aver riciclato proventi illeciti per un rolodex di criminali coinvolti in una varietà di attività senza scrupoli che andavano dallo spaccio di droga sul dark web al furto di identità e altre truffe online”, ha affermato l’agente della sicurezza nazionale Ricky J. Patel in una nota.

Bitcoin: crescita delle criptovalute, crescita delle truffe

Mentre Bitcoin e altre criptovalute stanno rapidamente emergendo come alternative ai tradizionali pagamenti monetari, le organizzazioni criminali transnazionali e gli attori “malintenzionati” si stanno evolvendo per utilizzare questi metodi di pagamento per riciclare denaro sporco nell’anonimato percepito.

A capo dell’organizzazione un celebre personaggio della “movida” newyorkese

Secondo il New York Times, Spieker si è dichiarato non colpevole delle accuse ed è stato rilasciato per sua stessa ammissione di non colpevolezza. Il procuratore distrettuale di Manhattan afferma di aver accusato anche un gruppo di clienti di Spieker. Si tratta nello specifico dei seguenti personaggi.

L’elenco degli accusati

  • Zashan Khan, 30 anni e Cosmas Siekierski, 25, e John Humphrey e Fidello Palermo, entrambi residenti a Manhattan, 51 anni e originari di Rochester, NY, accusati di vendere droghe illegali attraverso un venditore del dark web chiamato OVOSweatshop.
  • Anderson LaRoc, 33 anni, di Brooklyn, accusato di aver compiuto un’operazione di furto di identità che ha preso di mira 30 persone.
  • Dustin Sites, 33 anni, anche lui di Brooklyn, che secondo i pubblici ministeri ha aperto conti bancari e in criptovaluta per aiutare Spieker a riciclare denaro.

Questi imputati si sono anche dichiarati non colpevoli ed erano liberi di propria iniziativa, secondo il rapporto del New York Times.

Bitcoin: l’azione della Commodity Futures Trading Commission (CFTC)

All’inizio di questo mese, la Commodity Futures Trading Commission (CFTC) statunitense ha intentato un’azione di contrasto civile federale contro quattro uomini accusati di aver condotto uno schema Ponzi da 44 milioni di dollari che coinvolgeva Bitcoin.

Operazioni fraudolente all’ordine del giorno

Il CTFC ha affermato che Dwayne Golden della Florida, Jatin Patel dell’India, Marquis Egerton della Carolina del Nord e Gregory Aggesen di New York sono stati accusati di aver sollecitato in modo fraudolento più di 44 milioni di dollari da investitori e appropriazione indebita di milioni di dollari.

I pro e i contro del mondo delle criptovalute

Con il termine “riciclaggio” si intende comunemente l’attività di ripulitura di beni o denaro di provenienza illecita, realizzata attraverso la conversione o il trasferimento di essi e l’immissione nel circuito economico lecito, al fine di occultarne la derivazione criminale.

Si tratta di un fenomeno complesso, articolato in più fasi che consistono, essenzialmente, nel “lavaggio” (money laundering)  e nel successivo “impiego” nel ciclo economico lecito (recycling).

Il triste fenomeno del riciclaggio di denaro attraverso le cripto

La volontà di sanzionare l’attività di riciclaggio come autonoma figura di reato nasce, a livello internazionale, per combattere la criminalità organizzata.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Negli ultimi anni, per reimpiegare con più facilità il denaro sporco, si è iniziato a sfruttare il web, sia come strumento di riciclaggio di denaro conseguito mediante i più classici canali di criminalità organizzata, che come mezzo di reimpiego di denaro derivante da attività illecite commesse direttamente sul web.