L’Ucraina ha lanciato un museo virtuale di NFT che documentano l’invasione della Russia. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Meta History Museum of War” presenta gli NFT che documentano il conflitto giorno per giorno. I tweet di fonti di notizie, politici e dipartimenti governativi saranno accompagnati da opere d’arte digitale.

NFt ucraina guerra

Gli NFT che documentano i primi tre giorni dell’invasione saranno venduti il ​​30 marzo. Il loro prezzo è stato fissato a 0,15 ETH, che al momento della stesura di questo articolo vale circa $500.

Ucraina: ecco come funziona il museo degli NFT

Una “warline” illustrerà l’ordine cronologico in cui si sono verificati nuovi sviluppi. Sebbene il 100% dei fondi raccolti attraverso la vendita di questi NFT andrà all’esercito e ai civili ucraini, il team di sviluppo afferma che ha una missione molto più ampia della semplice raccolta di donazioni:

Preservare la memoria degli eventi reali di questo tempo che stiamo vivendo e diffondere informazioni veritiere tra la comunità digitale nel mondo.

In un’era di sovraccarico di informazioni e in un mondo in cui la disinformazione dilaga sui social media, il team del progetto tramite le pagine social aggiunge:

Non permetteremo mai che un singolo giorno di questo periodo scompaia dal libro della storia mondiale“.

Meta History afferma che gli NFT saranno creati in ordine cronologico, con artisti provenienti dall’Ucraina e da tutto il mondo che daranno contributi “dallo scoppio della guerra al momento della celebrazione della vittoria ucraina“.

Ecco i dettagli sugli NFT

Gli NFT che documentano i primi tre giorni dell’invasione (dal 24 al 26 febbraio) saranno venduti il ​​30 marzo. Ulteriori token seguiranno in un futuro non troppo lontano. Il loro prezzo è stato fissato a 0,15 ETH, che al momento della scrittura valgono circa $500.

Il museo ucraino è stato lanciato in collaborazione con la piattaforma Fair.xyz, che afferma di offrire un luogo “sicuro e trasparente” per creatori e collezionisti privo di pesanti commissioni. La collezione è descritta come “la prima iniziativa NFT sostenuta dal governo“. In una dichiarazione, la piattaforma ha aggiunto:

Guardando indietro agli sviluppi e all’orrore che ha colto di sorpresa il mondo il mese scorso, l’importanza della trasparenza e dell’informazione è diventata ovvia. Censura, disinformazione e cattiva comunicazione sono al centro di ogni campagna guidata dai media, con un impatto reale sulla vita di civili che subiscono le conseguenze del conflitto armato quotidiano“.

Uno dei vice primi ministri ucraini, Mykhalio Fedorov, ha anche espresso la speranza che la community diventi “il luogo in cui celebrare l’identità e la libertà dell’Ucraina“.

Il lancio non è stato semplice. L’account Twitter ufficiale di Meta History avverte che c’è una una collezione falsa in circolazione su OpenSea.

Secondo Merkle Science, dall’inizio dell’invasione russa la community mondiale ha raccolto 102,9 milioni di dollari. La maggior parte dei fondi è stata donata al governo ucraino, così come a gruppi di volontari come Come Back Alive.

All’inizio di questo mese, il ministro Alex Bornyakov ha rivelato che i contributi crittografici hanno fornito ai soldati ucraini 5.550 giubbotti antiproiettile, 500 piastre balistiche, 3.125 termocamere, 500 caschi, 60 walkie-talkie e 410.000 pranzi al sacco.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Inizialmente l’Ucraina aveva pianificato di organizzare un airdrop per premiare coloro che avevano fatto una donazione. Il governo ha successivamente rivisto questi piani iniziali, confermando la volontà di vendere questi NFT.