I funzionari russi continuano ad usare le criptovalute per limitare l’effetto delle sanzioni. La banca centrale europea risponde.

Il presidente della Banca centrale europea chiede aiuto alle piattaforme di trading. L’obiettivo è reprimere le persone che utilizzano le criptovalute per aggirare le sanzioni.

wueopa criptovalute bitcoin regolamentazione

Le criptovalute vengono utilizzate per eludere le sanzioni, afferma Lagarde. Gli exchange sono a questo punto considerati come “complici”. Lagarde ha parlato al Summit 2022 della Bank for International Settlements Innovation, in una conversazione con Josh Lipsky del Consiglio atlantico:

Stiamo adottando misure per segnalare in modo trasparente gli utenti. Tutti coloro che scambiano, effettuano transazioni, offrono servizi in criptovaluta, verso chi è complice nell’elusione delle sanzioni“.

I russi utilizzano le criptovalute per eludere le sanzioni: ecco cosa sta succedendo

Funzionari europei hanno sono preoccupati del fatto che le risorse digitali possano essere utilizzate per ridurre l’impatto delle sanzioni introdotte in risposta all’invasione russa dell’Ucraina.

Le osservazioni di Lagarde sono un avvertimento per garantire che le piattaforme di trading non vengano utilizzate da coloro che sono sugli elenchi delle sanzioni. Ma alcuni exchange hanno rifiutato le richieste di congelare i conti di tutti gli utenti russi e ora vediamo il perché.

Sanzioni: ecco quali sono le nuove misure

All’inizio di questo mese, Coinbase ha bloccato più di 25.000 indirizzi collegati a utenti russi. Questo perché sospettate di essere coinvolte in attività illecite.

La società di intelligence blockchain Elliptic ha dichiarato la scorsa settimana di aver identificato un portafoglio con “grandi quantità di criptovalute” del valore di milioni di dollari, che potrebbe essere collegato a funzionari e oligarchi russi sanzionati.

Tuttavia, molti esperti dicono che i mercati delle cripto siano troppo piccoli per essere usati per eludere le sanzioni. I punti a sostegno della tesi includono la poca liquidità, alti livelli di trasparenza tramite la blockchain e pochi modi di riconvertire in valuta fiat in modo legale.

La senatrice Elizabeth Warren è da sempre un accanito critico delle criptovalute. Giorni fa ha proposto un disegno di legge che conferirebbe alla Casa Bianca un maggiore potere per reprimere i russi sanzionati che utilizzano le criptovalute.

Se approvato, il segretario al Tesoro Janet Yellen vieterà agli exchange americani le transazioni che coinvolgono portafogli con sede in Russia. Il governo chiederà ai suoi enti di nominare le piattaforme di commercio che sono “ad alto rischio” di evasione delle sanzioni, riciclaggio di denaro o altre attività illecite.