L’ecosistema Polkadot ha un enorme numero di progetti ambiziosi. Andiamo a vedere cosa potrebbe riservarci nel prossimo futuro.

Sono più di 300 i progetti che sono stati realizzati o sono attualmente in fase di realizzazione per l’ecosistema Polkadot.

polkadot criptovalute blockchain

Questi progetti vanno dall’infrastruttura tecnica di base alle applicazioni per la finanza decentralizzata (DeFi), dati orientati alla privacy e sistemi di identità digitale (spesso chiamati identità auto-sovrana), social networking, IoT , gaming, robotica e logistica della supply chain. Molti di questi sono progetti open source.

Il potenziale enorme di Polkadot

In quanto tecnologia all’avanguardia, alcune delle applicazioni di maggior impatto di Polkadot devono ancora essere immaginate. Tra i progetti attualmente in fase di sviluppo vi sono, ad esempio, servizi che consentiranno applicazioni in cui vengono archiviati account e dati di un utente crittografandoli localmente sui propri dispositivi anziché su un server centralizzato.

Questo approccio offre alle persone il controllo completo sui propri dati in un modo intuitivo (in modo che anche le persone che non sono interessate alla privacy o ai diritti sui dati possano trarne vantaggio). Potremmo anche vedere sorgere piattaforme di proprietà della comunità che offrono servizi e scambiano valore in modo decentralizzato attraverso tesoreria e governance on-chain.

La visione per il futuro

Come protocollo alla base di un fiorente ecosistema di blockchain specializzate, interconnesse ma sovrane, Polkadot getta le basi per un nuovo web decentralizzato. In quanto tale, Polkadot è progettato per consentire un futuro in cui l’infrastruttura digitale protegge i nostri interessi. Le reti commerciali e le economie sono più rappresentative ed efficienti, dove c’è un maggiore accesso a servizi finanziari aperti e abbiamo una infrastruttura affidabile e open source per la collaborazione e la comunicazione.

Proprio come le costituzioni nazionali rappresentano un quadro per frenare il potere della tirannia nel futuro, Polkadot rappresenta un intermediario sistema giuridico nativo della rete e senza confini che antepone la libertà e la sovranità degli individui al potere delle autorità centrali.

Polkadot è progettato per un futuro di coordinamento decentralizzato globale, consentendo nuove economie in cui tutti possono prosperare. Alla fine, questo sarà determinato da coloro che hanno scelto di costruire nuove soluzioni su Polkadot.

Come ha recentemente osservato il fondatore di Polkadot Gavin Wood:

“Hai mai sentito la frase la penna è più potente della spada? Bene, la tastiera diventerà presto ancora più potente della penna”.

Dove comprare il token DOT

Il token Dot è conosciuto in tutto il mondo crittografico. È quindi scontato trovarlo in una moltitudine di exchange. Andiamo ad indicare i più importanti:

Insomma, avete più probabilità di trovare il token piuttosto che il contrario. Questo simboleggia doppiamente l’importanza nel mondo cripto e la sua importanza riconosciuta globalmente.

Perché investire in Polkadot, i suoi use case

Polkadot è un protocollo blockchain che unisce una rete di blockchain eterogenee, consentendo loro di operare insieme su larga scala.

Mira ad affrontare l’interoperabilità, la scalabilità, la velocità, la sicurezza, la privacy, lo sviluppo e la governance, ma è probabilmente più concentrato sulla fornitura dei requisiti fondamentali per il livello di regolamento di uno stack blockchain (sicurezza, scalabilità e decentralizzazione).

Polkadot consente casi d’uso come:

  • Sviluppo di una State Machine (smart contract, pagamento, supply chain, ecc.) senza preoccuparsi del meccanismo del consenso e del modello economico
  • Atomic swap di token/monete attraverso blockchain (pubbliche e private)
  • Exchange decentralizzati senza alcuna infrastruttura centrale collegata
  • Utilizzare smart contract da altre blockchain
  • Comunicazione con dispositivi IoT da qualsiasi blockchain

Il progetto è guidato da Gavin Wood, uno dei fondatori e principali sviluppatori di Ethereum, che ha dato credibilità al progetto sin dall’inizio. La blockchain di Polkadot è in fase di sviluppo da diversi anni e la sua rete principale è stata lanciata nel 2020.

Come parte del processo di sviluppo, è stata creata una versione non certificata e non raffinata di Polkadot chiamata Kusama per testare la tecnologia della rete e gli incentivi economici in un mondo reale ambiente. La blockchain di Kusama può essere utilizzata anche dagli sviluppatori per testare le idee.

Polkadot unisce una rete di frammenti di blockchain eterogenei, chiamati parachain. Queste chain si collegano e sono protette dalla chain  Polkadot. Ciò consente alle blockchain di unire la loro sicurezza in modo che le singole catene possano sfruttare la sicurezza collettiva senza dover ridimensionare per creare sicurezza.

Gli shard possono anche connettersi a reti esterne tramite bridge. L’utilizzo di più chain interconnesse aiuta a distribuire le transazioni su più nodi, il che dovrebbe ridurre il costo dell’esecuzione di contratti intelligenti e migliorare la scalabilità e il decentramento.

Gavin Wood ha affermato che Polkadot è in grado di eseguire fino a 1 milione di transazioni al secondo. La funzionalità della blockchain di Polkadot è stata ridotta al minimo, fornendo principalmente sicurezza e interoperabilità. Invece di contratti intelligenti, altri blockchain (parachain) girano sulla piattaforma Polkadot. La componibilità a chain incrociata di Polkadot e il passaggio dei messaggi consentono di inviare qualsiasi tipo di dati tra shard, aprendo le porte a un’ondata di innovazione.

La roadmap

La tabella di marcia del progetto prevede aggiornamenti graduali a un’infrastruttura completamente decentralizzata con tutta la governance pianificata in atto. La prima fase è la proof-of-authority, che prevede l’assemblaggio di validatori per la rete. Il progetto ha recentemente lanciato la sua seconda fase, nota come prova di partecipazione nominativa. Questo si riferisce a un avvio iniziale del modello di consenso della rete. Supponendo che tutto vada bene, il passo successivo riguarderà l’implementazione del modello di governance della rete.

L’ecosistema continua ad evolversi e nel giro di pochi anni diventerà sempre più completo. Il progetto risulta veramente ambizioso, puntando a creare la “blockchain delle blockchain”.