Il parlamento in Ucraina ha finalmente approvato una legge che legalizza Bitcoin. Gli ultimi aggiornamenti sulla guerra con la Russia.

Il Bitcoin e le criptovalute sono state riconosciute come pagamenti legittimi e un veicolo per stimolare lo sviluppo commerciale del settore nel paese.
Il regolamento non implica che Bitcoin sia da considerarsi corso legale come nel caso di El Salvador, ma è piuttosto accettato legalmente come metodo di pagamento.

Ucraina criptovalute bitcoin Russia Putin

La legge è stata redatta per la prima volta a settembre dello scorso anno, ma era stata sospesa a causa di altre questioni più urgenti. La creazione di una nuova autorità di regolamentazione, per favorire Bitcoin e le criptovalute, non poteva essere la priorità dell’Ucraina in quel momento.

La recente normativa non potrebbe arrivare in un momento più opportuno. Dall’inizio del conflitto e della crisi internazionale la scorsa settimana, Bitcoin e altre criptovalute sono diventate un forte supporto per il governo ucraino e il suo popolo.

Vediamo gli ultimi aggiornamenti sulla situazione criptovalute in Ucraina.

Criptovalute a sostegno dell’Ucraina: ultimi aggiornamenti

L’Ucraina è sempre stata in prima linea nell’utilizzo di Bitcoin e criptovaluta. Secondo il New York Times, il paese era già la capitale mondiale delle criptovalute prima dell’entrata in vigore della legislazione. I cittadini ucraini già elaboravano più transazioni in Bitcoin rispetto che in valuta a corso legale, la grivna.

La conferma di un volume così elevato di transazioni Bitcoin si è concretizzata pochi giorni fa con la pubblicazione di indirizzi BTC, ETH e USDT da parte del governo ucraino, delle ONG e di vari gruppi di volontari sui canali dei social media. Hanno chiesto donazioni da indirizzare a quegli indirizzi per sostenere la popolazione e i militari in questo momento difficile.

Organizzazioni e leader politici hanno condiviso gli indirizzi sui social media, tra cui il vice primo ministro e ministro della trasformazione digitale dell’Ucraina, Mykhailo Fedorov. Appartengono a un portafoglio creato per conto del governo dall’exchange di criptovalute ucraino, Kuna.

Il fondatore dell’exchange ha dichiarato che i fondi sarebbero stati consegnati alle persone che erano state evacuate e avevano bisogno di beni di prima necessità. Inoltre, sono stati forniti benzina, cibo e acqua per il personale militare in prima linea.

Iscriviti subito ad FTX con questo link per avere uno sconto sulle commissioni per sempre

Donazioni senza precedenti: milioni di dollari in criptovalute a sostegno dell’Ucraina

Nel momento in cui scriviamo, l’indirizzo di donazione di BTC Ucraina ha registrato 8.407 transazioni per un totale di 187,89527235 BTC ricevuti (circa 8,3 milioni di dollari), mentre l’indirizzo di ETH ha registrato un totale di 8.959 transazioni di donazioni ricevute per un saldo di 2.453 ETH (circa. $ 7,5 milioni). USDT rappresenta un totale di 5.488 transazioni sulla blockchain di Tron.

Un crowdfunding di criptovalute vero e proprio, senza precedenti ed è ancora in corso. La società di analisi blockchain Elliptic ha riferito che dall’inizio della crisi sono stati raccolti fino a “24,6 milioni di dollari attraverso oltre 26.000 donazioni di criptovalute. Una ONG ha ricevuto una singola donazione di Bitcoin del valore di 3 milioni di dollari”. Le donazioni includono anche una serie di NFT oltre alle criptovalute.

Il solo fatto di aver utilizzato tali strumenti in tempi di difficoltà, significa che le criptovalute stanno offrendo il miglior caso d’uso a valore aggiunto per cui sono state progettate. Forniscono uno strumento sicuro, non confiscabile e resistente alla censura alle persone private dei loro mezzi primari e dei loro risparmi.

Consentono donazioni veloci e internazionali, aggirando le istituzioni finanziarie di terze parti che potrebbero bloccare i pagamenti. Usare le criptovalute non è l’operazione più semplice al momento in Ucraina. Imparare a negoziare asset digitali in tempo di crisi potrebbe essere più dispendioso in termini di tempo e oneri che mai, anche a causa dell’inevitabile scarsa affidabilità della connessione Internet.

Tuttavia, considerando che il paese è già stato un notevole utilizzatore di criptovalute, più persone di quanto pensiamo potrebbero far affidamento su di esse.

La reazione del mercato: le criptovalute rialzano la testa

Negli ultimi giorni, Bitcoin e l’intero mercato hanno registrato una bella impennata dei prezzi, supportata dall’impennata dei volumi commerciali russi e ucraini. Tutto questo ha incoraggiato gli utenti locali a indirizzare i propri risparmi verso risorse digitali senza alcun tipo di rimpianto.

Bitcoin si è rivelato più conveniente come riserva di valore rispetto all’oro. Quest’ultimo ha registrato un aumento di circa l’1%, in contrasto con l’impennata di Bitcoin del 16%.

Convertire denaro in criptovalute è sicuramente una scelta migliore che immagazzinare valore nella valuta ucraina, mentre l’economia del paese crolla a causa della nuova situazione politica.

Il 24 febbraio, il governo ucraino ha imposto la legge marziale. Le banche hanno dovuto sospendere i trasferimenti di denaro elettronico e i pagamenti digitali attraverso canali come Paypal e Venmo.

I bancomat sono stati presto presi d’assalto dai cittadini. Spinti dal timore, gli ucraini hanno cercato di prelevare i soldi per pagare beni di prima necessità o addirittura per lasciare il Paese.

Iscriviti a Crypto.com e ricevi subito $25 come BONUS di benvenuto

La scelta definitiva dell’Ucraina

In questo scenario drammatico, gli ucraini si stanno rivolgendo principalmente a Bitcoin e stablecoin per sopravvivere. Nell’attuale contesto di guerra le criptovalute diventano l’unico mezzo di pagamento di cui fidarsi. Questi asset stanno aiutando le persone a mantenere il controllo sulla propria ricchezza durante su un’unità USB o su un’app wallet per smartphone, conservando al sicuro la propria chiave privata.

La domanda in Ucraina è stata così alta negli ultimi giorni che USDT (Tether), che è ancorato al dollaro USA, ha rotto il suo ancoraggio ed è stato scambiato più volte a $1,10.

Invece di lasciare il paese senza denaro in contanti, i rifugiati possono attraversare i confini con le criptovalute senza chiedere il permesso a nessuno. Anche se gli account di cambio e bancomat del paese ospitante non sono facili da configurare, le criptovalute offrono agli utenti molteplici opzioni, inclusi i trasferimenti P2P e l’esecuzione di pagamenti diretti in negozi e rivenditori che accettano criptovalute.

Non è facile prevedere cosa riserva il futuro per Bitcoin e se il suo prezioso caso d’uso è confermato da eventi futuri. Al momento, coloro che hanno sostenuto il nuovo sistema monetario ne stanno apprezzando i risultati e forse, per la prima volta nella storia, le persone che si aggrappano ai propri risparmi e agli strumenti finanziari durante una crisi non sono più una condizione utopica.