Un confronto tra Cardano e Solana, due delle piattaforme blockchain più popolari. Ti stai chiedendo quale sia la migliore? Sei nel posto giusto!

Cardano è un protocollo abilitato agli smart contract di terza generazione che facilita la creazione di un ecosistema di finanza decentralizzata (DeFi). In un certo senso, è simile a Solana perché gli sviluppatori possono creare applicazioni personalizzate per i loro utenti. Nonostante sia pubblicizzato come una blockchain di terza generazione, mira a risolvere gli stessi problemi di Solana in termini di scalabilità.

Cardano solana ADA SOL ethereum killer

Ciò che rende Cardano principalmente diverso da Solana è che si basa su quello che è noto come il meccanismo di consenso di Ouroboros. Quest’ultimo è ulteriormente basato sulla ricerca peer-reviewed.

Quello di Cardano è un protocollo blockchain estremamente brillante. Solana dal suo canto è diventata sempre più popolare grazie al suo throughput di transazioni molto più elevato.

In questo articolo esamineremo le differenze tra i due protocolli blockchain e capiremo cosa li rende unici. Immergiamoci!

Cardano

Cardano è stato creato dal co-fondatore di Ethereum, Charles Hoskinson, che ha fondato nel 2015 la società di ricerca blockchain Input Output (IOHK). Il protocollo è nato da un’idea di questa organizzazione ed è stato co-diretto da Jeremy Wood.

L’obiettivo di Cardano è costruire soluzioni infrastrutturali blockchain per clienti privati ​​e pubblici. La meccanica alla base del protocollo è uno dei suoi aspetti più interessanti. Mira ad aumentare il proprio throughput transazionale adottando una tecnica nota come RINA (Recursive Inter Network Architecture), che suddivide la rete principale in più sotto-reti. Queste sotto-reti comunicano tra di loro.

Le basi della blockchain di Cardano.

  • Meccanismo di consenso: come già accennato in precedenza, Cardano utilizza il meccanismo di consenso Ouroboros, che è un meccanismo di verifica sviluppato dalla Fondazione Cardano. Come parte di questo meccanismo, gli utenti possono mettere in staking il loro ADA (il token nativo utilizzato all’interno dell’ecosistema Cardano) e partecipare al processo di convalida delle transazioni. Gli utenti possono eseguire i propri staking pool o scegliere di delegare il proprio ADA a uno esistente. Ciò che distingue questo meccanismo, ovvero il PoS, è che gli asset in staking degli utenti devono essere presenti solo quando viene scattata l'”istantanea” della rete. Prima e dopo quell’istantanea, sono liberi di spostare il loro ADA in staking come vogliono all’interno della DeFi. Questo non succede nel PoS tradizionale, poiché una volta messe in staking, quelle monete possono essere ritirate solo quando il periodo di svincolo è terminato.
  • Programmabilità: una caratteristica chiave, che mancava fino a quest’anno, su Cardano era la programmabilità. Fino all’hard fork di Alonzo (completato solo pochi mesi fa), la blockchain veniva utilizzata solo per trasferire valore da un punto all’altro. Con la funzionalità dei contratti intelligenti lanciata quest’anno, tuttavia, c’è stato un crescente interesse per la blockchain poiché le persone ora stanno realizzando il potenziale che ha.
  • Aggiornamenti: si dice che uno degli aggiornamenti più importanti del protocollo sia il suo livello base, che sarà presto suddiviso in un Cardano Settlement Layer (CSL) e Cardano Computation Layer (CCL). Lo scopo di questa suddivisione è aggiungere un ulteriore livello che faciliti la comprensione del motivo per cui trasferisce le transazioni. Questo aiuta a creare una blockchain più trasparente e tracciabile.

Sebbene Cardano si distingua sicuramente come una rivoluzionaria blockchain costruita e sottoposta a ricerca tra pari, ha avuto la sua giusta dose di sfide. Uno di questi sono gli aggiornamenti ritardati, che spesso hanno ritardato l’attuazione complessiva del progetto. Cardano ha implementato la funzionalità dei contratti intelligenti di recente. Sappiamo che ci sono già molti protocolli blockchain che ne forniscono i benefici, e ciò mette in dubbio la sua presenza tra gli attori principali.

Solana

Solana è considerato un protocollo blockchain di livello 1 che utilizza la Proof of History (PoH) come meccanismo di consenso. Si basa sulla convalida della differenza di tempo tra due eventi sulla blockchain.

Questo meccanismo viene eseguito con un tempo minore rispetto al consenso Proof-of-Stake, aumentando così il throughput transazionale sulla rete a oltre 50.000 transazioni al secondo (potenzialmente potrebbe raggiungere fino a 100.000 transazioni al secondo). Poiché tutta questa potenza di calcolo è facilmente raggiungibile al livello base della blockchain, Solana non richiede soluzioni di ridimensionamento Layer-2.

Ecco alcune caratteristiche cruciali di Solana che la rendono importante:

  • Ha oltre 1000 validatori nella rete, un numero che è balzato di quasi il 100% in pochi mesi.
  • Oltre il 75% dei token $SOL è in staking, il che significa che la rete è attualmente molto ben protetta da qualsiasi attacco.

L’ecosistema DeFi su Solana è cresciuto a un ritmo molto più veloce rispetto a Cardano.  Attualmente oltre 300 progetti sono stati creati sull’ecosistema, con molti altri in cantiere.

Solana vs Cardano: considerazioni finali

Non c’è dubbio che Cardano sia una blockchain estremamente capace. Tuttavia non ha avuto l’impatto dirompente di Solana sul mercato. Quest’ultima ha condotto vari hackathon volti ad attirare sviluppatori e utenti sulla piattaforma. Anche Cardano ha in programma di accelerare la crescita dell’ecosistema DeFi.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Al momento gli utenti preferiscono Solana poiché offre un elevato throughput transazionale a costi inferiori. Non è un parere o un consiglio finanziario, lo dicono i numeri. Nel momento in cui scrivo Solana è al settimo posto in classifica secondo CoinMarketCap, con una capitalizzazione di mercato di $26.5 miliardi di dollari. Cardano segue appena sotto, all’ottavo posto, con una capitalizzazione di mercato di $26 miliardi di dollari.