Fare un dono è sempre un gesto meraviglioso. Se poi quel regalo aumenta di valore nel tempo, la gioia nel riceverlo sarà ancora maggiore.

Ecco come si può regalare (e ricevere) bitcoin e altre criptovalute usando i vari exchange specializzati o le comode app mobili, anche se non ne hai mai usata una.,

come regalare bitcoin

Bitcoin al posto dei classici regali di compleanno, Natale, neo-sposini o neo-genitori. Pensateci. Se negli ultimi anni la nonna, lo zio dell’Australia o chissà quale altro parente vi avesse regalato 10 euro in criptomonete, ad oggi il loro regalo sarebbe valso qualcosa come il 1500% in più. Sicuramente meglio di quel maglione che non avete mai indossato.

Secondo gli ultimi studi, infatti, il bitcoin è stato praticamente sempre redditizio dal momento della sua nascita nel lontano 2009. Questo si traduce nel fatto che chiunque abbia regalato, o ricevuto, bitcoin negli ultimi 13 anni, il valore di quel regalo è sicuramente aumentato.

Una recente inchiesta negli Stati Uniti ha portato alla luce un fatto sorprendente: almeno un americano su 10 vorrebbe iniziare a regalare criptomonete a familiari ed amici al posto dei canonici regali per le festività. Ma come fare a regalare Bitcoin?

Iscriviti subito ad FTX con questo link per avere uno sconto sulle commissioni per sempre

Come regalare Bitcoin e criptovalute

Nonostante a prima vista il mondo che ruota intorno alle criptovalute possa sembrare oscuro e difficile da comprendere, inviare o ricevere criptovalute non è così difficile.

La prima cosa da scegliere è la criptomoneta che si intende regalare. Se siete agli inizi il nostro consiglio è quello di attenersi a quelle che vengono considerate le criptovalute principali (Bitcoin, Ethereum ecc.), poiché queste monete sono supportate dalla maggior parte degli exchange al momento esistenti.

Se invece si vuole fare un regalo un po’ più “particolare” e scegliere una moneta meno comune, il nostro consiglio è quello di farsi prima un giro su Coingecko o Coinmarketcap, piattaforme che mostrano la capitalizzazione di mercato di quella data moneta. Il problema delle criptovalute meno comuni è che bisogna stare attenti su quali exchange vengono supportate, prima di incorrere in problemi di compatibilità.

Una volta scelta la criptovaluta non ci resta che trovare un exchange o un app in cui acquistarla.

Iscriviti a Crypto.com e ricevi subito $25 come BONUS di benvenuto

Le app dove acquistare Bitcoin e criptovalute

Per i neofiti del mondo cripto, l’invio e la ricezione via app delle criptomonete è forse il modo più veloce e facile. Scopriamo insieme quali sono le app nella quali è possibile acquistare criptovalute:

Revolut: Revolut è un’app di mobile banking con sede nel Regno Unito che supporta più di 53 criptomente. Tra i servizi di Revolut vi è il modo di acquistare e inviare criptovalute con estrema facilità, tuttavia lo scambio delle cripto acquistate al suo interno potranno essere inviate solo ad altri utenti Revolut.

CashApp: Forse l’app più famosa per la ricezione l’invio di criptomonete, almeno negli Stati Uniti. La peculiarità di questo servizio è che gli utenti non dovranno acquistare realmente la criptovaluta prima di inviarla ma potranno molto più semplicemente inviare il corrispettivo nella valuta legale al destinatario.

Robinhood: Grazie al programma Robinhood Cryptocurrency Gifts Program lanciato di recente, anche Robinhood è entrato nel mondo del crypto gifting. Come per Revolut, anche per Robinhood vale la regola secondo la quale sia il mittente che il destinatario devono lavorare sul circuito Robinhood.

Coinbase: Anche Coinbase ha la sua bella funzione di crypto gifting. Al momento sono, però, supportate solo cinque criptomonete (bitcoin, bitcoin cash, litecoin, ether e stellar lumen), ma basterà immettere l’email del destinatario per inviarle a quest’ultimo. Occorrerà che entrambi, sia il mittente che il destinatario, abbiano un account Coinbase e nel caso il destinatario non lo avesse già, verrà reindirizzato alla pagina di creazione dell’account.

Gli exchange dove acquistare Bitcoin

Gli exchange di criptomonete sono luoghi dove è possibile l’acquisto, la vendita e lo scambio di asset digitali usando un rapporto tra valuta FIAT (Euro, dollaro, sterlina ecc) e criptovaluta. Esistono exchange più adatti ai professionisti ed altri con cui è più facile iniziare a farci un po’ di confidenza.

  • Coinbase è uno degli exchange attivi più semplici per inziare ad acquistare e vendere criptovalute. Rispetto ad altri exchange non ha magari la stessa vastità di selezione ma copre comunque tutte le principali cripto sul mercato.
    La procedura per iniziare ad usare questo exchange, ma anche tutti gli altri, prevede la creazione di un conto attraverso l’utilizzo di una carta di credito, di debito o di un bonifico bancario, e il superamento del controllo KYC e di quello relativo al riciclaggio del denaro (AML).

Iscriviti subito a Coinbase per ricevere $10 in Bitcoin come BONUS di benvenuto

  • Binance è l’exchange di riferimento per chi utilizza le criptomonete in maniera più “professionale”. Si badi bene che non vi è nulla di troppo complesso al suo interno, e anzi contiene anche diversi tutorial per i neofiti, ma la visione di grafici, candele e quant’altro potrebbe spaventare all’inizio.
    Come per Coinbase, la procedura iniziale è la stessa, con la creazione di un conto e il superamento dei controlli KYC e AML, ma al suo interno vi troverete un quantità talmente elevata di asset digitali che non avreste creduto esistessero.

Iscriviti subito a Binance e ricevi un esclusivo sconto sulle commissioni PER SEMPRE

Come inviare le criptovalute

Quando sia il mittente che il destinatario possiedono già dei portafogli di criptovalute, i due possono iniziare a scambiarsi asset digitali.

La prima cosa da tenere a mente quando si inviano criptovalute sono le commissioni da pagare. A seconda della moneta scelta, della blockchain su cui viaggia, e dal congestionamento di quest’ultima vi saranno determinate spese di transizione.

La piattaforma che state utilizzando vi elencherà automaticamente quali sono le opzioni disponibili per l’invio. Alcune cripto viaggiano su diverse blockchain (ERC20, TRC20 ecc.) ma a volte sbagliare la blockchain può comportare la perdita totale di quanto inviato con nessuna possibilità di recuperare i propri fondi. Per questo motivo è sempre una buona abitudine controllare due volte l’indirizzo del portafoglio a cui si sta inviando criptovalute.

Sia Binance che Coinbase (ma anche altri exchange come FTX o Crypto.com) offrono un sistema semplificato di invio e ricezione delle criptovalute. In ogni caso è bene prendere confidenza al più presto con questo tipo di meccaniche perché quel tanto decantato distacco dal vecchio modo di intendere la proprietà del denaro porta con sé, inevitabilmente, delle nuove responsabilità.