tom lee
Immagine da Ethereum World News Archives e CoinMarketCap

Il celebre analista Thomas Lee, fondatore di Fundstrat Global Advisors, è tornato a parlare di Bitcoin e ancora una volta lo ha fatto con una vena di ottimismo. L’esperto, durante un’intervista andata in onda su CNBC, ha affermato che da qui ai prossimi sei mesi il Bitcoin diventerà protagonista di un’ascesa davvero strabiliante.

“Penso che la media mobile a 200 giorni sia un elemento chiave”, ha detto Lee. “Se il Bitcoin riuscirà a tenersi sopra il livello dei 4.000 dollari, ad agosto supererà la 200 giorni. Ritengo pertanto che ci vorranno cinque o sei mesi al massimo prima che BTC torni a segnare un trend rialzista dal punto di vista tecnico”. Ciò che in questi ultimi tempi ha pesato molto negativamente sulle dinamiche di prezzo del Bitcoin, ha poi aggiunto Lee, “è stato il crollo da 6.000 dollari a 3.100 dollari, che ha fortemente compromesso la fiducia degli investitori e dei meccanismi del mercato”.

Thomas Lee è ormai un volto noto nel mondo delle criptovalute, e lo è fondamentalmente perché da sempre è uno che crede nel loro valore, nelle loro potenzialità e nella loro ascesa, ed ha continuato a farlo anche quando il mercato e-currency è andato tutto fuorché bene. A dicembre dello scorso anno, per esempio, Lee affermò che il BTC prima o poi riuscirà a raggiungere l’incredibile valore di 150.000 dollari amercani.

Tutto il contrario di quanto prevedono gli analisti di Bloomberg, secondo i quali il Bitcoin tornerà molto presto ad essere vittima di una spirale ribassista, se non altro perché la tendenza della Moving Average Convergence Divergence (MACD) della moneta è in calo ormai da metà febbraio. “L’industria è pronta a riprendere il cammino ribassista. Le condizioni sono simili a quelle già viste nel novembre scorso, appena prima che avvenisse il collasso. I prezzi si stanno consolidando in range ristretti, con poche ed ininfluenti manovre verso l’alto”.