Nike
Nike

Nike ha appena ricevuto un brevetto per tokenizzare le scarpe sulla blockchain Ethereum. In un documento pubblicato dall’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti e datato 10 dicembre, l’azienda ha dichiarato che intende generare ID univoci e creare token ERC 721 per alcune scarpe. Le persone possono “sbloccare” questi token acquistando scarpe fisiche, i quali potranno poi essere collegati con ID univoci per indicare la proprietà. Oltre a rappresentare una scarpa digitale, il token può anche registrare le informazioni sul cosiddetto genotipo, inclusi attributi, colori, stili, sfondi specifici.

Il brevetto potrebbe presumibilmente consentire agli utenti di esercitare un maggiore controllo sulle loro scarpe e sui loro design. Ad esempio, l’applicazione evidenzia che i proprietari possono impostare limiti su quante copie delle loro scarpe proprietarie possono essere clonate e prodotte. Ci sono anche “funzionalità di maternità surrogata” per garantire ad altri il diritto di mescolare design di scarpe e “caratteristiche di genitorialità / nannying” in modo da consentire a terzi di occuparsi delle scarpe.

Inoltre, i “diritti di riproduzione” per una scarpa digitale possono essere regolati da una o più restrizioni di fabbricazione nel mondo reale, mentre i diritti di proprietà per ogni generazione successiva di una scarpa digitale possono essere ricondotti a quella originale del mondo reale (ad es. in tutto o in parte, in percentuale del contributo genotipico, ecc.) tramite chiave di crittografia al prodotto virtuale originariamente associato.

Non sorprende che Nike stia cercando di tokenizzare le calzature. In Cina, dove l’azienda ha registrato un aumento dei ricavi trimestrali del 22% a settembre, le calzature in edizione limitata prodotte da marchi denominati stanno creando una certa frenesia. All’inizio di quest’anno, il sito di notizie cinese Xinhua.net ha riferito che le piattaforme di trading di sneaker di seconda mano stanno guadagnando trazione in Cina, dove le persone possono acquistare scarpe in edizione limitata e rivenderle per intascare la differenza.