Categories: News

Nash strizza l’occhio a Bitcoin per lo scambio sicuro di criptovalute

Bitcoin ha una caratteristica molto importante: il denaro programmabile offre agli sviluppatori di trovare nuove modalità per creare scambi che non richiedano agli utenti di cambiare il controllo dei loro fondi fino all’esatto momento in cui intendono effettuare uno scambio. Fra i nuovi scambi che attualmente stanno utilizzando questa tecnologia c’è Nash.

Per proteggere gli scambi effettuati dai propri clienti, Nash mette a disposizione la possibilità di non consegnare la custodia dei loro beni crittografici a terze figure prima di commerciare. Grazie a questo, molti utenti di Bitcoin sono particolarmente entusiasti del potenziale insito nella rete Lightning, la quale riduce i costi delle transazioni, rende velocissime le transazioni e migliora notevolmente il livello di privacy. Questa tecnologia può essere utilizzata per migliorare incredibilmente il livello di sicurezza offerto dagli scambi.

Tramite un sistema di contratti intelligenti, Nash riesce a gestire efficacemente le negoziazioni. Attualmente, il sistema è attivo sulle blockchain Ethereum e Neo.

Fabio Canesin, co-fondatore di Nash, ha dichiarato: “Abbiamo fin dall’inizio voluto dimostrare come la nostra architettura possa offrire mercati cross-chain in concorrenza con le prestazioni degli scambi centralizzati, parametro fondamentale per la liquidità. Ciò spiega il perché ci siamo concentrati sul mercato Neo-Eth. Siccome è diventato molto performante e particolarmente attivo, passeremo ad altre reti. Per la sua notevole importanza nel settore, Bitcoin è il candidato ideale”.

I canali di stato consentono a più parti di effettuare transazioni tra loro in Bitcoin o altre criptovalute senza dover toccare la blockchain. Basta che due parti inseriscano fondi in un indirizzo multisig 2 su 2 e quindi creino transazioni valide da quell’indirizzo multisig a ciascuno dei loro indirizzi personali come un modo per aggiornare la quantità di fondi nell’indirizzo multisig che appartengono a ciascuna parte. Nessuna di queste transazioni generate viene effettivamente trasmessa alla blockchain. Le uniche transazioni che colpiscono la blockchain sono quelle che ciascuna parte è pronta a lasciare al canale di pagamento con la quantità appropriata di fondi.

Sebbene in passato esistessero scambi decentralizzati, un vantaggio chiave dell’utilizzo dei canali di stato è che consentono che i trasferimenti avvengano istantaneamente, il che significa che gli utenti non devono attendere secondi o minuti affinché le conferme blockchain eseguano le loro negoziazioni.

Recent Posts

Hackerato Altsbit, l’exchange con sede in Italia: a maggio chiuderà i battenti

Uno scambio di criptovaluta lanciato solo negli ultimi mesi ha dichiarato di non essere in…

10 mesi ago

L’ondata di XRP potrebbe far aumentare del 30% il valore della criptovaluta

XRP, la terza criptovaluta per capitalizzazione di mercato, è diventata una sbalorditiva ondata nelle ultime…

10 mesi ago

Germania, nuova legge impone una licenza ai “custodi” di criptovalute

Entrata in vigore dal 1° gennaio, la nuova legge tedesca sulla custodia di criptovalute impone…

10 mesi ago

In Lussemburgo scovata un’altra società crittografica non autorizzata

La Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF), principale regolatore finanziario europeo con sede in…

10 mesi ago

La legge tedesca sulla compravendita di criptovalute rimane piuttosto ambigua

In Germania, le criptovalute sono considerate una "unità di conto". Un'eventuale associazione dei Bitcoin alla…

10 mesi ago

Coinbase espande il suo storage di criptovalute istituzionali a livello internazionale

Coinbase ha aperto un ufficio in Irlanda non solo per espandere il suo servizio di…

10 mesi ago

This website uses cookies.