Multicoin Capital
Multicoin Capital

Poiché i mercati delle criptovalute americane rimangono relativamente modesti, gli investitori si rivolgono all’Asia per ottenere nuova linfa vitale. Multicoin Capital ha assunto Mable Jiang per guidare l’impresa nella ricerca di venture capital per intraprende nuovi affari in Asia. La società, con sede in Texas, si avvarrà della collaborazione di Jiang per capitalizzare il flusso di informazioni strutturalmente interrotto per gli investimenti sul mercato secondario.

“Sono convinta che vedremo un’ondata di progetti nativi cinesi davvero interessanti il prossimo anno”, ha dichiarato Jiang. “Inoltre, riteniamo che una presenza globale sia uno dei modi migliori per offrire visualizzazioni più sofisticate alle persone in diversi mercati”.

Multicoin è uno dei tanti hedge fund e società di capitali di rischio americani che cercano un punto d’appoggio in mercati affamati di token come la Cina e la Corea. Ad esempio, Polychain Capital ha aumentato i suoi investimenti nel progetto di token cinese Nervos, insieme a China Merchants Bank International, e ha inviato alcuni partner in Asia per una serie di incontri.

Nonostante le notizie di una normativa cinese repressiva, che non hanno ancora placato la domanda, più della metà del traffico per lo scambio di criptovalute Huobi proviene dalla Cina continentale. A partire da ottobre, la Corea è stata la quarta fonte di traffico per il sito incentrato sui token Etherscan, dietro Cina e Stati Uniti, con lo scambio coreano Bithumb elencato come il terzo sito di riferimento più popolare al mondo.

Il co-fondatore di Electric Capital, Avichal Garg, ha dichiarato che la società è una dei pochi fondi della Silicon Valley che non vuole espandersi in Asia poiché è “un universo così diverso” che richiede risorse significative per essere affrontato in modo sostenibile.