Categories: News

L’ondata di XRP potrebbe far aumentare del 30% il valore della criptovaluta

XRP, la terza criptovaluta per capitalizzazione di mercato, è diventata una sbalorditiva ondata nelle ultime settimane, proprio come Bitcoin e altre risorse digitali. Da quando ha toccato il fondo a 0,175 dollari a dicembre, l’altcoin è salito a 0,281 proprio oggi. In passato, la criptovaluta era salita del 10% in più, apparentemente reagendo alla decisione di BitMEX di lanciare un contratto derivato per gli investitori utile per negoziare l’attività a leva estremamente elevata.

Gli analisti affermano che questa ondata potrebbe portare all’aumento del prezzo di un’altra criptovaluta, Stellar Lumens (XLM), spesso descritta come “parente stretta” di XRP poiché entrambe condividono una premessa simile: ridurre i costi delle transazioni internazionali e consentire la diffusione di fintech basate sul libro mastro.

Non dovrebbe sorprendere il fatto che le due criptovalute abbiano una traiettoria di prezzi simile, cosa notata dal noto commentatore di mercato Ceteris Paribus, che martedì ha pubblicato un grafico che mostra inquietanti somiglianze coi grafici di accoppiamento degli asset Bitcoin nell’ultimo anno.

Ceteris Paribus non è l’unico che ha tracciato linee tra i due grafici. Il famoso trader di Bitcoin Crypto Rand ha notato che se Stellar Lumens segue il percorso di XRP, esploderà molto presto più in alto. Il suo obiettivo per la criptovaluta è di 0,085 dollari, che è circa il 30% in più rispetto al prezzo attuale di 0,065 negoziato da XLM.

A dicembre, la Stellar Development Foundation e Keybase, una community di messaggistica di gruppo e un hub di trasferimento file, hanno dichiarato che non avrebbe più continuato a regalare 2 miliardi di XLM, valutati in decine di milioni.

Sebbene non siano state condotte analisi concrete, la società di informazioni sulle criptovaluta Messari ha scoperto che gli altcoin con i più alti tassi di inflazione (Zcash, XRP e XLM) stavano facendo peggio. Con questi omaggi che contribuiscono ai tassi di inflazione della criptovaluta, la conclusione prematura dell’airdrop di Keybase potrebbe effettivamente causare una minore pressione di vendita sul mercato XLM.

Recent Posts

Hackerato Altsbit, l’exchange con sede in Italia: a maggio chiuderà i battenti

Uno scambio di criptovaluta lanciato solo negli ultimi mesi ha dichiarato di non essere in…

4 mesi ago

Germania, nuova legge impone una licenza ai “custodi” di criptovalute

Entrata in vigore dal 1° gennaio, la nuova legge tedesca sulla custodia di criptovalute impone…

4 mesi ago

In Lussemburgo scovata un’altra società crittografica non autorizzata

La Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF), principale regolatore finanziario europeo con sede in…

4 mesi ago

La legge tedesca sulla compravendita di criptovalute rimane piuttosto ambigua

In Germania, le criptovalute sono considerate una "unità di conto". Un'eventuale associazione dei Bitcoin alla…

4 mesi ago

Coinbase espande il suo storage di criptovalute istituzionali a livello internazionale

Coinbase ha aperto un ufficio in Irlanda non solo per espandere il suo servizio di…

4 mesi ago

Singapore, nuova legge aiuterà le società crittografiche ad espandersi globalmente

Grazie ad una nuova legislazione che riguarda i pagamenti offerti dalle aziende globali di criptovaluta,…

4 mesi ago

This website uses cookies.