Cripto valute
Cripto valute

Le criptovalute diventeranno delle priorità per numerosi organismi regolatori sia in Europa che negli Stati Uniti nel 2020.

L’Autorità Europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) e la Commissione statunitense degli strumenti finanziari e degli scambi (SEC) hanno delineato i loro piani per controllare il mondo crittografico. In precedenza, la Cina si era già stata impegnata in questo, con la banca centrale del Paese che ha reso la crittografia una priorità.

L’Ufficio delle ispezioni e degli esami di conformità (OCIE) gestisce gli esami nazionali della SEC, un’offerta che cerca di garantire l’integrità del mercato, la protezione degli investitori e il sostegno alla formazione del capitale. La SEC utilizza quindi i risultati di questi esami come informazioni per identificare e monitorare i rischi, migliorare le pratiche del settore, aiutare nelle iniziative di regolamentazione e perseguire comportamenti scorretti.

L’OCIE, in merito alle criptovalute, ha osservato che questo mercato è cresciuto rapidamente e presenta vari rischi. Di questi rischi, la mancanza di comprensione tra le differenze esistenti tra criptovalute e prodotti di investimento tradizionali va affrontata.

Questi esami prenderanno in considerazione sei aspetti critici delle criptovalute: la gestione del portafoglio, l’idoneità agli investimenti, il fondo clienti e la sicurezza delle risorse, le pratiche commerciali, l’efficacia del programma di conformità, la valutazione e la determinazione del prezzo e, infine, la supervisione dei dipendenti. Tutte cose che saranno tutte riviste.

La scorsa settimana l’ESMA ha pubblicato un orientamento strategico per il biennio 2020 / 2022. Al suo interno, ha messo in evidenza quali saranno le priorità.

Come spiegato nel documento, l’ESMA richiederà ai partecipanti al mercato dell’UE di riconoscere i rischi che potrebbero derivare dalla digitalizzazione. “Bisogna farlo per garantire la continuità aziendale e l’uso di tecnologie adeguate e aggiornate”, si legge nel documento. Inoltre , impone ai partecipanti al mercato di fornire una “protezione adeguata” quando si tratta di minacce informatiche, gestione della qualità e della protezione dei dati.