Blockchain
Blockchain

Il prezzo del Bitcoin è sottovalutato di almeno il 50%. Ad esserne convinto Brian Kelly, fondatore e CEO della società di investimenti BKCM LLC, che ha formulato delle previsioni piuttosto precise circa il destino che attenderà il cambio BTCUSD.

A suo dire, il prezzo del Bitcoin non ha sempre rispecchiato il reale valore della criptomoneta, e il 2019 potrebbe essere un anno fatidico proprio per fare chiarezza su quello che è il reale valore del BTC. Secondo l’esperto, tra non molto tempo gli investitori assisteranno ad un deciso recupero della valuta digitale; recupero che però arriverà soltanto dopo un’ulteriore battuta d’arresto. “Non sarei sorpreso se il prezzo del Bitcoin scivolasse fino ai 1.500$”, ha affermato a tal proposito Kelly.

Insomma, esattamente come Tom Lee, anche Kelly è convinto che presto o tardi il Bitcoin recupererà terreno e, di conseguenza, tutto quel prestigio che nell’ultimo anno ha letteralmente bruciato sotto i suoi piedi. Il mercato, secondo Kelly, sarebbe ancora alla ricerca di un asset su cui valga la pena investire, e in cui valga la pena farlo soprattutto nei periodi di crisi: il mercato sarebbe sostanzialmente alla ricerca di un bene di rifugio valido, esattamente come lo è stato (ed è tuttora) l’oro.

“Il sentiment dei mercati ha spinto il prezzo del Bitcoin ben al di sotto di quello che può essere considerato il suo effettivo fair value. Questo è un altro segnale che siamo vicini al fondo”. Una volta sprofondato, però, il cambio BTCUSD riuscirà a rialzarsi e a farlo in maniera molto più vigorosa di quanto si possa pensare: sarà a quel punto che i più pessimisti dovranno ricredersi sulle reali potenzialità del Bitcoin!