bitcoin
bitcoin

Il prezzo del Bitcoin è tornato al centro dell’attenzione. Qualche notte fa il cambio BTCUSD è tornato a salire fino a riportarsi sopra quota 4.000$, ma esattamente come accaduto in passato, il giro di boa è durato relativamente poco: tempo qualche ora e la quotazione è nuovamente tornata sotto i 3.900$.

Tuttavia questo rally, per quanto sia durato poco, è stato motivo di entusiasmo per molti analisti, specie per quelli che non hanno mai creduto alla cosiddetta “fine del Bitcoin”. Secondo loro, in sostanza, questo tentativo della criptovaluta di riportarsi sopra la soglia psicologica dei 4.000$ sarebbe sintomo del fatto che qualcosa si sta muovendo, e che lo sta facendo in senso finalmente positivo.

Nonostante il BTC non sia stato in grado di affermarsi al di sopra dei 4.000$, alcuni osservatori hanno fatto notare che questo periodo è comunque positivo per la criptovaluta: i volumi di trading, negli ultimi 5 mesi, sono infatti saliti del 150%, e questo è un dato inoppugnabile, anche al di là delle variazioni di prezzo che possono esserci di settimana in settimana.

Anche la media giornaliera dei volumi di trading si è assestata su livelli assolutamente interessanti, tanto da portarsi ormai ai massimi da gennaio 2018.

Secondo Kevin Rooke, questo potrebbe essere il periodo in cui il Bitcoin tenterà il recupero: è probabile che di qui a breve assisteremo a una risalita che dovrebbe portare il BTC a non scendere più sotto i 4.000$. L’idea che il BTC possa riuscire a salire sopra la suddetta soglia e a non scendere più sotto non è tanto improbabile, soprattutto alla luce delle quotazioni che negli ultimi mesi sono rimaste confinate in un range alquanto ristretto.