Bitcoin
Bitcoin

Bitcoin potrebbe avere difficoltà a uscire dalle ricadute di una delle più grandi truffe di criptovaluta di sempre. È probabile che rimarrà sotto pressione per lungo tempo.

Il bitcoin è crollato di quasi il 50% dal suo picco alla fine di giugno 2019, quando le autorità cinesi hanno arrestato diversi creatori di uno schema a piramide che prometteva rendimenti fino al 600% e garantivano che gli investitori sarebbero stati premiati se avessero invitato nuovi membri. Da quel momento, gli osservatori del mercato hanno spesso indicato possibili vendite legate a sospetti di PlusToken non in custodia come uno dei tanti motivi per il calo dei prezzi.

Chainalysis stima che i cospiratori PlusToken abbiano venduto circa 25.000 Bitcoin e altri 20.000 Bitcoin sono stati distribuiti su oltre 8.700 indirizzi crittografici anonimi. Altre monete, come Ether, sono state utilizzate per scambiare investimenti.

Kim Grauer, economista senior di Chainalysis, ha dichiarato: “Tutto ciò è, senza dubbio, qualcosa da considerare quando si vuole capire dove stia andando il prezzo, almeno a breve termine. Potrebbe essere, secondo la nostra ricerca, una continua pressione al ribasso”.

Mentre la trasparenza della tecnologia di contabilità decentralizzata che alimenta le criptovalute semplifica il monitoraggio delle transazioni, i criminali sfruttano ancora la natura anonima dei conti per mascherare i movimenti. Molte delle transazioni sono state condotte attraverso i cosiddetti mixer, come Wasabi Wallet, i quali offrono servizi di miscellanea di monete che rendono quasi impossibile identificare l’utente.

Chainalysis sospetta che i vari trading over-the-counter che trattano direttamente con persone al di fuori degli scambi stiano aiutando a riciclare i proventi e le monete attraverso scambi in Cina come Huobi. Il bitcoin è crollato del 5,7%, scendendo a 6,831 dollari nel trading di New York: non accadeva dal 27 novembre.