Bottle Pay
Bottle Pay

Bottle Pay, fornitore di pagamenti in criptovaluta del Regno Unito, ha annunciato la cessazione delle operazioni entro la fine dell’anno. Nonostante abbia attirato fondi importanti e ampliato in modo significativo la propria base di utenti negli ultimi mesi, la società ha ritenuto inaccettabile continuare a lavorare ai sensi delle imminenti normative UE. AMLD5, l’ultimo aggiornamento della politica antiriciclaggio dell’UE, introduce requisiti rigorosi per le criptovalute.

Quale fornitore di valute digitali, Bottle Pay sarà obbligato a conformarsi a queste normative più rigorose, che saranno introdotte a gennaio 2020 e dovranno essere inserite nella legislazione nazionale di tutti gli Stati membri dell’UE.

In un post pubblicato lo scorso fine settimana, la società britannica ha dichiarato: “Dopo aver creato una fantastica comunità attorno al nostro servizio e aver assistito ad un’enorme crescita del numero di utenti negli ultimi mesi, è con rammarico che annunciamo che le operazioni di Bottle Pay cesseranno martedì 31 dicembre 2019 alle 13:00 GMT”.

Le attività di Bottle Pay si interrompono dopo che la società ha raccolto 2 milioni in finanziamenti seed lo scorso settembre. La startup, lanciata a giugno, ha sviluppato un tipping service che ha permesso agli utenti di inviare piccole quantità di criptovaluta sui social network e sui messenger attraverso l’estensione del browser per Chrome, Firefox e Brave.

L’account di social media di un destinatario o un handle era tutto ciò che serviva al mittente per trasferire denaro digitale. Bottle Pay era disponibile su più piattaforme tra cui Telegram, Twitter, Instagram, Github, Discord e Reddit. Il denaro inviato agli utenti verrà ora restituito al mittente entro una settimana. Gli utenti attivi devono ritirare i loro fondi entro il 31 dicembre e i nuovi abbonamenti non saranno accettati poiché le iscrizioni e i depositi sono andati offline questa settimana.