SEC contro Coinbase per i titoli e lo staking: ma spunta fuori il vero motivo

La SEC minaccia un’azione legale contro Coinbase a causa della vendita di titoli non registrati, staking ed altro ancora: cosa succederà?

Coinbase ha ricevuto un avviso di Wells da parte della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, che indica che potrebbe seguire un’azione esecutiva.

Coinbase
Adobe Stock

Per annunciare la notizia, l’exchange ha pubblicato un post sul suo blog: “Abbiamo chiesto alla SEC regole ragionevoli sulle criptovalute per gli americani. Invece abbiamo ricevuto minacce legali“. Vediamo bene cos’è successo.

SEC contro Coinbase per i titoli e lo staking: ma spunta fuori il vero motivo

Brian Armstrong afferma che l’avviso si riferisce al picchettamento e alla quotazione degli asset e su Twitter ha espresso la sua frustrazione per le azioni dell’autorità di regolamentazione.

Due anni fa la SEC ha esaminato in dettaglio la nostra attività e ha approvato la quotazione in borsa di Coinbase. Il nostro S1 spiegava chiaramente il nostro processo di quotazione degli asset e includeva 57 riferimenti allo staking“.

Ha affermato che Coinbase è incredibilmente selettiva quando si tratta di quotare le criptovalute, rifiutando oltre il 90% delle richieste.

Armstrong ha insistito sul fatto che la borsa ha “ragione sulla legge e fiducia nei fatti” e che sarebbe lieta di avere l’opportunità di combattere la SEC in tribunale.

L’amministratore delegato ha detto che la società “sarà in grado di chiarire a tutti che la SEC semplicemente non è stata equa, ragionevole o ha dimostrato una serietà di intenti quando si tratta del suo impegno sugli asset digitali“.

“Diteci le regole”

Il suo thread su Twitter è stato seguito da un post sul blog dal titolo incisivo:

Abbiamo chiesto alla SEC regole ragionevoli sulle criptovalute per gli americani. Invece abbiamo ricevuto minacce legali“.

Il post descrive l’avviso di Wells come uno “sviluppo deludente“, ma sottolinea che i prodotti e i servizi di Coinbase continuano a funzionare normalmente.

Il responsabile legale Paul Grewal ha scritto:

Lo staff della SEC ci ha detto di aver identificato potenziali violazioni della legge sui titoli, ma poco più. Abbiamo chiesto alla SEC di identificare specificamente quali attività sulle nostre piattaforme ritengono possano essere titoli, ma hanno rifiutato di farlo“.

Ha poi sostenuto che l’attività di Coinbase è cambiata poco da quando la società si è quotata in borsa nel 2021, un processo che la SEC ha dovuto approvare.

Grewal ha poi aggiunto di aver attaccato quella che descrive come una regolamentazione attraverso l’applicazione della legge:

Continuiamo a pensare che la regolamentazione e la legislazione siano strumenti migliori per definire la legge per il nostro settore rispetto alle azioni esecutive. Ma se necessario, accogliamo con favore l’opportunità per Coinbase e per la più ampia comunità delle criptovalute di ottenere chiarezza in tribunale“.

Grewal ha espresso esasperazione per il fatto che la SEC non permetta alle società di criptovalute di “entrare e registrarsi” – e ha sottolineato che Coinbase ha tentato senza successo di farlo.

SEC, Coinbase e titoli: crocevia fondamentale

Ha rivelato inoltre che l’exchange ha speso milioni di dollari per proporre due potenziali modi in cui potrebbe registrarsi presso la SEC, ma non ha ottenuto alcun riscontro.

L’incertezza normativa nel settore delle criptovalute sta peggiorando. Invece di sviluppare un quadro normativo per le criptovalute, la SEC continua a regolamentare solo attraverso l’applicazione della legge“.

Grewal ha anche criticato i disaccordi tra le diverse agenzie di regolamentazione negli Stati Uniti, in particolare la SEC e la Commodity Futures Trading Commission.

Mentre il presidente della SEC Gary Gensler ha suggerito che il Bitcoin potrebbe essere l’unica materia prima nello spazio dei criptoasset, il presidente della CFTC Rostin Behnam ha sostenuto che anche Ethereum dovrebbe essere classificato come tale.

Se le nostre autorità di regolamentazione non riescono a mettersi d’accordo su chi regolamenta quali aspetti delle criptovalute, il settore non ha un’idea chiara di come procedere. In questo contesto, non ha senso minacciare azioni esecutive contro società pubbliche fidate come Coinbase che si impegnano a rispettare le regole“.

Grewal ha poi sottolineato che Coinbase non quota titoli e ha lanciato un semplice messaggio alla SEC.

Diteci le regole e noi le seguiremo. Dateci un percorso effettivo per la registrazione e noi registreremo le parti della nostra attività che devono essere registrate. Nel frattempo, gli Stati Uniti non possono permettersi che le autorità di regolamentazione continuino a minacciare i bravi attori del settore cripto per aver fatto le stesse cose legali e conformi che hanno sempre fatto. Questo approccio ingiusto non farà altro che spingere l’innovazione, i posti di lavoro e l’intero settore all’estero“.

La reazione di Twitter alle criptovalute

La notizia dell’avviso di Wells non è andata giù ai dirigenti dell’industria delle criptovalute.

Caitlin Long, fondatrice e CEO di Custodia Bank, ha fatto notare che questa notizia arriva a ridosso di un rapporto sulle criptovalute da parte della Casa Bianca. Ha scritto:

Dovrebbe essere ormai cristallino che l’amministrazione Biden vuole che tutte le #criptovalute (anche quelle legali) siano eliminate dagli Stati Uniti“.

Ha anche detto che la tempistica di ciò che la SEC sta indagando si rivelerà cruciale.

Se questa azione della SEC è precedente all’IPO di Coinbase, allora la SEC è intervenuta. Il compito della SEC è la protezione degli investitori. Come ha potuto proteggere gli investitori lasciare che una società si quotasse in borsa se stava violando le leggi sui titoli?“.

Impostazioni privacy