L’effetto contagio dilaga: le banche cripto cadono come birilli

Mentre il governo lanciava avvertimenti sull’esposizione delle banche alle criptovalute, verso la fine della settimana istituti come Signature Bank e Silicon Valley Bank sono stati coinvolti nelle conseguenze del crollo di Silvergate Bank.

Tuttavia, non sarebbe corretto minimizzare i guadagni ottenuti dalle criptovalute tra giovedì scorso e martedì scorso. Si tratta del periodo in cui la Securities and Exchange Commission (Sec) degli Stati Uniti ha subito importanti sconfitte in due diversi procedimenti legali.

sec stati uniti criptovalute
Adobe Stock

Il punto è se questo round contiene qualche indizio su chi sarà finalmente dichiarato vincitore quando arriveremo al 15° round tra molti mesi. O, più probabilmente, anni. Infatti, nessuno dei due combattenti può mettere completamente fuori gioco l’altro.

“Mi sbilancio e prevedo che, supponendo che gli Stati Uniti rimangano un paese che sostiene lo stato di diritto, alcuni potrebbero sostenere che si tratta di una supposizione enorme. Gli avvenimenti di questa settimana indicano che, alla fine, le criptovalute prevarranno senza ombra di dubbio.”

Il mondo delle criptovalute ha bisogno di recuperare credibilità

Le stesse persone che credono che la “criptovaluta” sia completamente caratterizzata dalla cultura del denaro veloce. Oltre che delle truffe incarnata da Celsius Network, Terra, FTX e altri importanti fallimenti del 2022.

La fiducia del mercato si basa sul fatto che, in due diverse aule di tribunale, i giudici hanno ignorato questa forma di giudizio populista e hanno invece valutato attentamente le affermazioni della SEC. Questo alla luce delle prove e delle argomentazioni opposte che sono state loro sottoposte.

In un simile contesto, i politici e i commentatori dei social media non avranno comprensione verso le criptovalute. Ma le considereranno la tecnologia impersonale e apolitica che sono: uno strumento con usi sia benefici che dannosi.

I problemi sono molti

Il giudice Michael Wiles del Tribunale fallimentare del distretto meridionale di New York ha espresso il suo sconcerto. Le rimostranze riguardavano il tentativo dell’avvocato della SEC William Uptegrove di bloccare l’acquisizione da parte di Binance della piattaforma fallita Voyager.

L’azione si sarebbe basata sull’inconsistente pretesto che la commissione “potrebbe avere un problema” con il token VGX di Voyager. Il quale potrebbe essere considerato un titolo non registrato. Wiles ha autorizzato l’operazione di Binance quattro giorni dopo.

Nel secondo caso, che riguardava l’appello del gestore patrimoniale Grayscale contro il rifiuto della SEC di presentare una domanda per un fondo negoziato in borsa di bitcoin, una corte d’appello ha interrogato l’avvocato della SEC in merito all’affermazione della Commissione secondo cui non ci si può fidare dei prezzi che supportano gli ETF di bitcoin basati sul mercato a pronti. Ma di quelli che supportano gli ETF di bitcoin basati sui futures approvati dalla SEC.

Poiché i prezzi dei futures sono una diretta derivazione di ciò che avviene nei mercati a pronti, molti hanno a lungo visto questa affermazione come un doppio standard incoerente. Gli investitori hanno iniziato ad acquistare il Grayscale Bitcoin Trust, un fondo chiuso il cui enorme sconto sul prezzo effettivo del bitcoin probabilmente si ridurrà se gli verrà permesso di convertirsi in un ETF. Il tutto a seguito delle lotte dell’avvocato senior della SEC Emily Parise per placare le preoccupazioni dei giudici.

Impostazioni privacy