Nella giornata di Giovedì, il presidente della Securities and Exchange Commissione (Sec) degli Stati Uniti, Gary Gensler, ha ribadito la sua posizione secondo cui gli exchange di criptovalute non dovrebbero essere considerati custodi sicuri e capaci.

Il presidente della SEC, Gary Gensler, ha affermato che una proposta di regolamento richiederebbe ai consulenti per gli investimenti di cercare depositari certificati per la custodia delle attività. Si riferiva anche alle piattaforme che trattano le criptovalute e i beni digitali.

sec coinbase  criptovalute
Adobe Stock

La controversa affermazioni durante una riunione del comitato consultivo per gli investitori. Oltre a questo, Gensler ha affermato che, alla luce delle suddette regole, gli exchange di criptovalute non dovrebbero essere considerati sicuri.

“Gli exchange di critpovalute non sono idonei ad agire come custodi”

Gary Gensler, il capo della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, ha sollevato dubbi sulla probabilità che gli exchange di criptovalute agiscano come custodi sicuri e autorizzati per i consulenti per gli investimenti già due volte. Cosa che ha scatenato non poche polemiche sul web.

Pur criticando i servizi di staking di criptovaluta di Kraken e Coinbase, che si vanta del suo servizio di custodia completo, Gensler ha già fatto una dichiarazione simile in questo senso.

Facendo riferimento ad altri fallimenti nel settore delle criptovalute, il presidente della SEC ha sottolineato che invece di essere rimborsati direttamente ai clienti. Inoltre i beni che erano tenuti su piattaforme insolventi ora fanno parte della proprietà. Gensler è citato per aver affermato quanto segue mentre discuteva della necessità di custodi esperti nel mercato delle criptovalute:

“Per essere chiari, una piattaforma di trading di criptovalute non è automaticamente un custode qualificato solo perché fa tale affermazione.”

Inoltre, ha continuato Gensler, “i consulenti per gli investimenti non possono dipendere da loro oggi come custodi competenti”. Questo a causa del modo in cui spesso funzionano le piattaforme di prestito e trading di criptovalute. Il capo della SEC ha osservato che i consulenti sono obbligati a salvaguardare il denaro e i titoli di criptovaluta degli investitori. Devno farlo con depositari competenti e che la regola, che è stata implementata nel 2009, copre anche una parte considerevole delle criptovalute.

Si aggrava il giro di vite sulle criptovalute da parte della SEC

Tradizionalmente, le organizzazioni bancarie, le società fiduciarie e gli intermediari di titoli sono esempi di aziende che possono fungere da custodi competenti.

Nonostante ciò, piattaforme di trading come Coinbase hanno iniziato a fornire il servizio negli ultimi anni. L’implementazione segue dalla complessità della protezione contro il furto o l’hacking di asset come Bitcoin. Il prezzo di Bitcoin (BTC) era di circa 23,370 dollari al momento della scrittura. Con un valore di mercato di 451 miliardi di dollari.

A seguito della crisi finanziaria e dei crimini di Bernie Madoff, Gensler ha affermato che il Congresso ha conferito alla SEC ulteriore autorità per ampliare la regola di custodia mentre concludeva il suo discorso sulle criptovalute.

Richiedendo una custodia più lunga, i consulenti per gli investimenti avrebbero maggiori difficoltà nel caso provassero ad abusare, perdere o comportarsi in modo sconsiderato con il denaro dei propri clienti.