Bitcoin (BTC): a marzo potrebbe arrivare il più grande crollo di mercato mai visto, ecco perchè

I rimborsi anticipati per Mt. Gox inizieranno il 10 marzo e dovranno essere completati entro il 30 settembre. Per effettuare i pagamenti saranno utilizzati anche contanti, oltre ai bitcoin.

Se la finestra per i rimborsi è pronta ad aprirsi, i creditori di Mt. Gox potrebbero iniziare a ricevere i primi pagamenti in bitcoin questo mese.

Secondo un annuncio di gennaio, i creditori dovrebbero iniziare a ricevere i primi rimborsi il 10 marzo e avere tempo fino al 30 settembre per completare le richieste. Questo per quanto riguarda i rimborsi iniziali, che comprendono pagamenti forfettari anticipati e pagamenti intermedi. Ulteriori pagamenti dovrebbero essere effettuati in tranche aggiuntive in un tempo successivo.

mt gox
Adobe Stock

Per quanto mi riguarda, avevo essenzialmente cancellato i Bitcoin che ancora detenevo su Mt. Gox nel 2014 come una perdita, quindi concettualmente qualsiasi cosa mi venga restituita ora è un bonus da conservare a freddo”, ha dichiarato via Telegram Adam Back, CEO di Blockstream e creditore di Mt. Gox.

Ci è voluto molto più tempo del previsto, quindi sono sicuro che tutti i creditori saranno felici di ricevere finalmente il pagamento”, ha continuato.

Questa tempistica potrebbe essere ulteriormente ritardata dagli scambi di criptovalute. A ogni creditore è stato richiesto di iscriversi a un exchange e di designarlo come destinatario dei pagamenti. Gli exchange hanno fornito tempistiche diverse per quanto riguarda l’elaborazione dei pagamenti. BitGo ha dichiarato che ciò avverrà entro 20 giorni, mentre Kraken ha affermato che potrebbero essere necessari fino a 90 giorni.

Quanti bitcoin saranno rilasciati

Non è chiaro quanti bitcoin saranno distribuiti ai creditori durante questo periodo, ma saranno una componente del bilancio dell’exchange, che nel 2019 aveva 142.000 bitcoin (che oggi valgono 3 miliardi di dollari), 143.000 bitcoin in contanti e 69 miliardi di yen (per un valore di circa 510 milioni di dollari). Due creditori sostengono che il bilancio non è cambiato in modo significativo da allora.

Si prevede che circa il 21% del valore della richiesta di risarcimenti andrà ai richiedenti. A causa della recente rivalutazione dei tassi di cambio, questo valore è diverso da quello dei crediti al momento del fallimento.

I pagamenti saranno effettuati in una combinazione di denaro fiat e criptovalute come bitcoin e bitcoin cash. A ciascun creditore saranno pagati in yen i primi 200.000 yen del suo credito. Secondo un moderatore del subreddit r/MtGoxInsolvency e confermato da un altro creditore, se la sua richiesta supera questo importo e sceglie di ricevere sia criptovalute che contanti, dopo il pagamento iniziale riceverà una miscela di circa il 71% di criptovalute e il 29% di contanti.

Secondo CoinDesk, l’exchange di criptovalute in fallimento Bitcoinica e MtGox Investment Funds (MGIF), due dei maggiori debitori di Mt. Gox, hanno scelto di accettare il pagamento forfettario anticipato. Ciò indica che i loro pagamenti non sono stati immediatamente liquidati e pagati interamente in contanti. Riceveranno invece una combinazione di contanti e criptovalute come compenso.

Nel 2022, la MGIF ha reso pubblico un documento legale creato da uno studio legale giapponese non identificato che è servito come base per la scelta di utilizzare l’opzione di pagamento forfettario anticipato. Secondo l’e-mail, le persone che decidono di rimanere con i pagamenti finali piuttosto che scegliere l’opzione del pagamento forfettario anticipato potrebbero dover aspettare tra i cinque e i nove anni.

Impostazioni privacy