Il mercato delle criptovalute è “davvero pericoloso”, avverte l’inventore del World Wide Web: le considerazioni di Tim Berners-Lee.

L’uomo a cui è attribuita l’invenzione del World Wide Web, su cui si basa la maggior parte di Internet, ha preso di mira le criptovalute la scorsa settimana, affermando che sono “davvero pericolose”.

criptovalute bitcoin
Adobe Stock

Tim Berners-Lee ha detto che le criptovalute sono poco più che giochi d’azzardo, e ha affermato che “è un peccato” che il nome Web3 sia stato preso dall’industria dei beni digitali. Ma non è tutto.

Mercato delle criptovalute è “davvero pericoloso”: l’inventore del World Wide Web spaventa tutti

Intervenendo al podcast Beyond the Valley della CNBC il 17 febbraio, Tim Berners-Lee ha paragonato le criptovalute alla bolla azionaria delle dot-com di fine anni ’90 e del 2001. Ha detto:

È solo speculativa. Ovviamente è molto pericolosa“.

La criptovaluta è per le persone che “vogliono divertirsi con il gioco d’azzardo”, ha aggiunto. “Investire in certe cose, che sono puramente speculative, non è… il posto in cui voglio passare il mio tempo”.

Berners-Lee ha suggerito che la criptovaluta potrebbe essere utile per rendere molto più economiche ed efficienti le rimesse che i lavoratori migranti inviano a casa nei Paesi in via di sviluppo – un frutto a portata di mano per la blockchain che più di qualche società di criptovaluta sta perseguendo. Ma, ha aggiunto, le criptovalute dovrebbero essere scambiate subito con moneta a corso fisso.

Web3 vs. Web 3.0

Berners-Lee si è anche opposto all’uso da parte dell’industria delle criptovalute del termine “Web3”. Si tratta di una versione piuttosto amorfa del futuro del Web costruita su una struttura blockchain. In teoria, permetterebbe agli utenti di riprendere il controllo della propria identità personale dalle gigantesche aziende tecnologiche.

Sebbene sia diventata molto popolare tra gli operatori di mercato mainstream, rimane ancora poco definita.

A novembre ha dichiarato che è “un vero peccato che il nome Web3 sia stato preso da quelli di Ethereum per le cose che stanno facendo con la blockchain“.

Si è invece concentrato su quello che ha definito Web 3.0, una versione non blockchain di un futuro web incentrato anche sul mantenimento del controllo dei propri dati personali da parte degli utenti.

Definendo la blockchain troppo lenta, costosa e pubblica per questo lavoro, ha detto:

Web3 non è affatto il web“.

La questione NFT

Tutto ciò non gli ha impedito di raccogliere 5,4 milioni di dollari mettendo all’asta una serie di NFT contenenti il codice sorgente del world wide web da Sotheby’s nel giugno 2021, mentre la bolla delle criptovalute si stava espandendo. I fondi sono stati destinati a enti di beneficenza e a iniziative sostenute da Berners-Lee e da sua moglie, ha dichiarato Sotheby’s.

Parlando dello “spirito di collaborazione” creato dal web, Berners-Lee ha dichiarato:

Gli NFT, siano essi opere d’arte o artefatti digitali come questo. Sono le ultime creazioni ludiche in questo campo e il mezzo di proprietà più appropriato che esista. Sono il modo ideale per confezionare le origini del web“.