I politici chiedono di sapere se la SEC è coinvolta nell’arresto di Sam Bankman-Fried, ex CEO di FTX: la storia prende una piega inaspettata.

Un paio di potenti membri della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti chiedono se la Securities and Exchange Commission sia stata coinvolta nella tempistica dell’arresto di Sam Bankman-Fried.

sec stati uniti
Adobe Stock

Il deputato ha detto che un controllo più severo delle politiche della Securities and Exchange Commission in materia di criptovalute “inizia” con la tempistica dell’arresto del CEO di FTX. Vediamo di fare chiarezza.

La SEC è coinvolta nell’arresto di Sam Bankman-Fried? Facciamo chiarezza

In una lettera alla SEC, i politici hanno richiesto comunicazioni interne e qualsiasi comunicazione tra l’agenzia e il Dipartimento di Giustizia relativa all’arresto.

L’arresto di Bankman-Fried da parte delle autorità delle Bahamas, avvenuto il 12 dicembre, ha impedito all’ex amministratore delegato di FTX di testimoniare davanti alla Commissione per i servizi finanziari della Camera il 13 dicembre, come previsto, facendo arrabbiare i membri di entrambi i partiti. È successo non appena il DoJ ha rivelato l’accusa.

La testimonianza avrebbe significato per Bankman Fried fornire spiegazioni sul crollo di FTX sotto giuramento e permettere ai membri del Congresso di torchiarlo per ore. L’amministratore delegato post-fallimento John Ray III ha testimoniato da solo, come previsto.

Bankman-Fried ha ben otto capi d’imputazione, tra cui frode, per aver sottratto 10 miliardi di dollari dai conti dei clienti dell’exchange per sostenere la sua società di trading privata, Alameda Research.

La stoccata

La richiesta di documenti va comunque oltre una questione. Lancia quello che il GOP della Camera ha promesso sarà un controllo aggressivo di un’agenzia che i repubblicani hanno accusato di eccesso di regolamentazione.

Nella lettera di venerdì, il presidente della commissione Patrick McHenry e il presidente della sottocommissione Oversight and Investigations Bill Huizenga, entrambi repubblicani, hanno fatto notare che il direttore dell’applicazione della SEC ha elogiato l’azione del DoJ la notte dell’arresto di Bankman-Fried. Poi hanno annunciato che l’agenzia aveva autorizzato le proprie accuse contro di lui. Il documento afferma che:

La tempistica delle accuse e il suo arresto sollevano seri interrogativi sul processo della SEC e sulla cooperazione con il Dipartimento di Giustizia. Il popolo americano merita trasparenza da parte sua e della sua agenzia“.

In un tweet sulla richiesta di documenti, il rappresentante Huizenga ha poi affermato che questo segna l’inizio della “nostra supervisione” della SEC.

Huizenga ha criticato il presidente della SEC Gary Gensler per non aver “rispettato le sue stesse politiche di ‘entrare e parlare’“. Una linea che l’agenzia ha usato regolarmente per avvertire gli exchange di criptovalute e i prestatori che quasi tutti i token che quotano sono titoli non registrati.

Il GOP della Camera lo riterrà responsabile“, ha detto Huizenga.

Il rappresentante McHenry ha promesso di fare della regolamentazione e della supervisione delle criptovalute una priorità. A gennaio ha poi creato la sottocommissione per gli asset digitali, la tecnologia finanziaria e l’inclusione, ha dichiarato a Politico:

Dobbiamo rispondere alla supervisione e alla definizione delle politiche su una nuova classe di asset“.