“L’intelligenza artificiale distruggerà la scuola”: siamo ancora in tempo?

L’IA di ChatGPT ha alimentato le preoccupazioni per la fine della scuola per come la conosciamo. Alcuni educatori, tuttavia, credono che darà all’istruzione la spinta tanto necessaria.

Molti istruttori sono stati meno divertiti dalle risposte apparentemente intelligenti del chatbot alle istruzioni degli utenti rispetto a Internet. Cosa impedirebbe agli studenti di dare i compiti a ChatGPT se potessero chiedergli di risolverli i pochi minuti?

chatgpt
Adobe Stock

Si parlava di una nuova era di imbrogli diffusi e forse della fine dei saggi e dell’educazione. Oh mio Dio, questo è assolutamente quello che insegno, ho pensato, dice Gibson.

Tuttavia, tra la preoccupazione, alcuni istruttori creativi considerano Chatgpt come un’opportunità per reinventare il modo in cui viene fatto l’apprendimento; Ciò che escono può influenzare il modo in cui le aule sono gestite in futuro. Gibson è uno di loro. Ha sperimentato ChatGPT nel corso della sua pausa invernale, cercando di capire come usarlo nelle sue lezioni una volta che la sua prima paura si è dissipata.

Per scoprire gli errori del chatbot o perfezionare il suo stile di scrittura, può istruire i bambini a creare materiale usando il chatbot e quindi modificarlo da soli. Gibson, un insegnante di 25 anni, lo ha confrontato con altri noti strumenti digitali che supportano l’apprendimento e il pensiero critico piuttosto che sostituirli. Spiega: “Voglio che i chatbot di AI diventi come calcolatori per la scrittura, ma non so come farlo con successo ora.”

Le prospettive di scuola e ChatGPT secondo Gibson

La prospettiva di Gibson di CHATGPT come strumento di insegnamento piuttosto che il trucco finale solleva un punto importante: nonostante la sua capacità di produrre un linguaggio che sembri umano, GATGPT manca di intelligenza umana. È una macchina statistica che occasionalmente ripete o inventa bugie e richiede spesso direzione e editing aggiuntivo per fare le cose correttamente.

Nonostante queste restrizioni, Gibson ritiene che sia suo dovere introdurre ChatGPT in classe. Lavora come insegnante in una comunità rurale, sottosviluppata, per lo più bianca in Oregon. Se solo i bambini con un comodo accesso ai gadget collegati a Internet a casa possono utilizzare il bot, il divario digitale può crescere e gli alunni senza accesso possono soffrire ancora di più. Gibson ha ragionato di essere in grado di usare Chatgpt come opportunità didattica per tutti i suoi alunni, per usare il linguaggio degli educatori.

Secondo alcuni educatori che non sono d’accordo con l’idea di un’imminente apocalisse educativa, Chatgpt potrebbe non distruggere affatto l’educazione. Ma piuttosto che attirare l’attenzione su come il sistema è già imperfetto. “Un modo alternativo per avvicinarsi a questo è considerare gli obiettivi attuali nell’istruzione superiore piuttosto che come trovare nuovi metodi di valutazione. E forse sono un po ‘rotti”, afferma Alex Taylor, professore alla City University di Londra che Studi e istruzioni nell’interazione umana-computer.

Taylor afferma che il bot ha scatenato conversazioni tra i colleghi riguardanti la direzione di test e valutazione. L’esame è stato uno strumento utile per misurare l’apprendimento se un chatbot potesse rispondere a una serie di domande di test fattuali?

Secondo Taylor, le domande formali a cui un chatbot potrebbe rispondere non stimola il tipo di apprendimento che migliorerebbe la capacità dei suoi studenti di pensare in modo critico. Afferma: “Penso che a volte abbiamo le cose all’indietro”. “Fondamentalmente stiamo pensando:” Come possiamo metterli a morte per soddisfare alcune metriche o il livello di prestazioni? “” Tuttavia, l’educazione deve concentrarsi su qualcosa di molto più grande.

Impostazioni privacy