La start up dei pagamenti Online lascia tutti senza fiato: l’annuncio manda in tilt il web

Secondo quanto riportato dalla CNBC, i capi di Stripe decideranno se procedere o meno con le sue intenzioni di quotare la compagnia entro il prossimo anno.

John e Patrick Collison, co-fondatori e fratelli della società, hanno informato giovedì il suo staff che avrebbero mirato a rendere pubblica l’attività o consentire il trading secondario di azioni.

stripe ipo
Adobe Stock

Stripe ha incaricato Goldman Sachs e JPMorgan di fornire consulenza sull’accordo e sta discutendo se quotarsi in borsa direttamente o attraverso una transazione di mercato privato.

Stripe verso l’offerta pubblica di vendita?

Secondo CNBC, Stripe, la startup fintech che un tempo era valutata 95 miliardi di dollari dagli investitori nel mercato privato, deciderà se diventare pubblica entro il prossimo anno.

John e Patrick Collison, co-fondatori e fratelli dell’azienda, hanno annunciato giovedì ai colleghi che mirerebbero a rendere pubblica l’attività o consentire ai dipendenti di vendere azioni attraverso un’offerta secondaria. Questa notizia è stata riportata per la prima volta da The Information.

Durante l’epidemia di Covid, il mercato delle IPO tecnologiche ha visto due anni da record che si sono conclusi alla fine del 2021. Le imprese private in fase avanzata sono state costrette a posticipare i loro piani nel 2022 e, in molti casi, a raccogliere fondi a valutazioni inferiori a causa dell’aumento tassi di interesse. Oltre ai naturali timori di recessione e un mercato azionario al collasso.

Stripe ha ridotto la sua valutazione interna a luglio da 95 miliardi a 74 miliardi di dollari. Un calo sensibile del 28%. The Information ha riportato all’inizio di questo mese che Stripe ha ridotto il suo valore stimato ancora una volta a 63 miliardi di dollari.

Stripe sul mercato

Nel 2020, Stripe, che offre software di pagamento alle società di e-commerce, è arrivata al primo posto nell’elenco Disruptor 50 della CNBC.

L’azienda di Stripe, fondata nel 2010, è cresciuta rapidamente quando l’economia e il mercato del lavoro americani hanno iniziato a riprendersi dalla crisi finanziaria. L’impennata delle compagnie di e-commerce sotto Covid ha notevolmente aumentato le entrate. Tuttavia, la società ha licenziato circa il 14% della sua forza lavoro a novembre. Tutto mentre il Nasdaq si avviava verso il suo anno peggiore dal 2008.

I fondatori hanno affermato in un messaggio che annunciava i licenziamenti che “erano considerevolmente troppo entusiasti della crescita a breve termine dell’economia di Internet nel 2022 e nel 2023. Hanno sopravvalutato sia la possibilità che la gravità di un rallentamento più ampio”. Secondo loro, i costruttori devono ora costruire “in modo diverso per tempi più magri”.

Stripe ha incaricato Goldman Sachs e JPMorgan di fornire consulenza sull’accordo. Sta infatti discutendo se quotarsi in borsa direttamente o attraverso una transazione di mercato privato.

Impostazioni privacy