Pesanti sanzioni per Coinbase: ha operato illegalmente in Olanda

Coinbase, il noto exchange di criptovalute con sede negli Stati Uniti, è stato multato per 3,6 milioni di dollari dalla banca centrale olandese. La sanzione è arrivata per aver operato illegalmente mentre faceva affari nel Paese.

Il più grande exchange di criptovaluta con sede negli Stati Uniti, Coinbase, è stato recentemente multato per una somma di 3,6 milioni di dollari dalla Dutch Central Bank (DNB). L’accusa è quella per aver operato nei Paesi Bassi senza la corretta autorizzazione per offrire al pubblico servizi che riguardano Bitcoin e le criptovalute.

Coinbase
Adobe Stock

La Dutch Central Bank (DNB) ha affermato di aver tenuto conto del fatto che Coinbase fosse una delle più grandi aziende che si occupavano di criptovalute. Oltre al fatto che aveva una base di clienti sostanziale nella nazione dell’Europa nord occidentale.

Dutch Central Bank contro Coinbase

Le autorità hanno affermato che a partire da novembre, il famoso exchange centralizzato non aveva rispettato le regole.

2022 fino all’agosto 2020 Inoltre, le organizzazioni che conducono affari nei Paesi Bassi o mirano a fornire servizi collegati alle criptovalute devono prima registrarsi con il DNB in conformità con la legge antiricilaggio olandese.

La banca centrale ha sancito il 21 maggio 2020 che gli exchange di criptovaluta e i fornitori di servizi si devono registrare con l’organismo normativo. Questo era un requisito indispensabile per poter essere in regola. Ciò è arrivato in risposta al crescente rischio di finanziamento del terrorismo e riciclaggio di denaro associati ai servizi di criptovaluta a causa del loro intrinseco anonimato.

Secondo un rapporto, la banca centrale olandese ha dichiarato:

“A causa del fatto che non ha pagato alcuna commissione di supervisione a DNB o ha sostenuto qualsiasi altra spesa associata agli sforzi di supervisione di routine di DNB, Coinbase ha beneficiato di un vantaggio competitivo. Altre spese relative alle attività di monitoraggio di routine di DNB. Come il pagamento delle spese di supervisione a DNB.”

Anche evidenziato dalla banca centrale era il fatto che lo scambio aveva precedentemente operato nei Paesi Bassi e offerto servizi di criptovaluta senza prima registrarsi con il DNB. Ciò comportava una violazione delle direttive. Pertanto, nel corso del tempo non è conforme, Coinbase non è stato in grado di presentare transazioni sospette all’unità di intelligence finanziaria della nazione. Inoltre a continuato a non essere in grado di essere a norma fino al 22 settembre 2022. Le autorità investigative avrebbero potuto trascurare un numero considerevole di Transazioni discutibili durante questo periodo a seguito di quanto accaduto.

Le questioni legali gettano paura per Coinbase

In particolare, i regolatori e le autorità federali hanno già espresso interesse per i metodi commerciali di Coinbase. Questo mese, Coinbase Global Inc. e il Dipartimento dei servizi finanziari di New York (NYDFS) hanno raggiunto un accordo di regolamento di 100 milioni di dollari. NYDFS ha notato che Coinbase ha trattato i suoi obblighi di onboarding dei clienti come un “semplice controllo”. Non ha di conseguenza effettuato controlli di base necessari, secondo una dichiarazione rilasciata dall’agenzia.

Attualmente, Coinbase ha tempo fino al 2 marzo per contestare la sanzione propinata dalla banca centrale olandese. Non appena il mercato degli Stati Uniti aprirà per le negoziazioni di giovedì mattina, si prevede che il prezzo delle azioni di Coinbase (COIN) avrà una reazione a queste notizie.

Attualmente, il prezzo delle azioni COIN di Coinbase è a malapena a sostenere la soglia di $50 a $52,76. Nonostante la grande perdita di ieri dell’1,48%.

Impostazioni privacy