La National Australia Bank (NAB), uno dei quattro maggiori istituti bancari australiani, ha sviluppato una stablecoin denominata AUDN che intende introdurre a metà del 2023.

Secondo un rapporto dell’Australian Financial Review (AFR), l’obiettivo di AUDN è quello di rendere possibile per i suoi utenti di effettuare transazioni istantanee utilizzando dollari australiani sulla tecnologia blockchain.

australia regolamentazione criptovalute
Adobe Stock

Le blockchain di Ethereum e Algorand ospiteranno il primo rilascio di AUDN. La stablecoin sarà completamente coperta dal dollaro australiano (AUD) e la NAB ne detiene la valuta.

Australia, una svolta epocale nell’economia del Paese

La stablecoin della NAB consentirà inoltre il commercio di crediti per la riduzione delle emissioni di carbonio, i pagamenti transfrontalieri e gli accordi di riacquisto, oltre ad altre funzionalità. La NAB ha inoltre in programma di offrire stablecoin in molte valute in cui la banca detiene licenze.

La NAB è la seconda tra le grandi quattro banche australiane ad emettere una stablecoin nel paese. Nel marzo dello scorso anno, l’ANZ ha coniato una stablecoin A$DC legata al dollaro australiano, diventando la prima banca australiana ad emettere un asset digitale legato alla valuta del paese.

Il chief innovation officer della NAB, Howard Silby, ha dichiarato “Certo, crediamo che ci siano elementi della tecnologia blockchain che formeranno parte del futuro delle finanze […] Dalla nostra prospettiva, vediamo [la blockchain] ha il potenziale per offrire risultati finanziari istantanei, trasparenti, inclusivi”.

L’introduzione di AUDN da parte della NAB rappresenta un importante passo avanti per l’adozione della tecnologia blockchain in Australia. La stablecoin sarà utilizzabile per transazioni rapide e sicure, aiutando a migliorare l’efficienza e la trasparenza nei pagamenti.

AUDN come aiuto ai cambiamenti climatici

Inoltre, la possibilità di scambiare crediti per la riduzione delle emissioni di carbonio attraverso AUDN rappresenta un’opportunità per aiutare le aziende australiane a ridurre le loro emissioni e contribuire alla lotta contro i cambiamenti climatici.

Anche la possibilità di effettuare pagamenti transfrontalieri con AUDN può offrire vantaggi significativi per le aziende australiane che operano a livello internazionale, riducendo i tempi e i costi associati ai tradizionali pagamenti transfrontalieri.

La NAB non è l’unica banca australiana ad esplorare l’utilizzo della tecnologia blockchain. Altre banche australiane stanno esplorando modi per utilizzare la blockchain per migliorare l’efficienza e la sicurezza dei loro servizi.

In generale, l’adozione crescente della tecnologia blockchain da parte delle banche australiane rappresenta un passo importante. Un futuro più digitale e decentralizzato per il settore bancario australiano è ormai certo. E’ probabile che la stablecoin di NAB, AUDN, rappresenti solo l’inizio di una maggiore adozione di questa tecnologia nel paese.