Secondo il ministro di Stato per il commercio estero degli Emirati Arabi Uniti, la criptovaluta sarebbe ampiamente utilizzata nel commercio internazionale del paese.

Poiché la Federal Reserve sembra determinata ad allentare i suoi aggressivi aumenti dei tassi nel 2023, con uno spostamento in arrivo prima piuttosto che dopo, il clima economico per le criptovalute sembra prendere una sana boccata d’aria fresca.

bitcoin emirati arabia
Adobe Stock

Anche con quella che potrebbe essere considerata una legislazione piuttosto dura che entrerà in gioco in varie giurisdizioni in tutto il mondo, E.G. MiCA in Europa, molti stanno iniziando a rendersi conto di come Bitcoin e criptovalute possano svolgere un ruolo nelle economie.

Il ministro del commercio internazionale degli Emirati Arabi Uniti che dichiara pubblicamente che “la crittografia svolgerà un ruolo vitale per il commercio degli Emirati Arabi Uniti in futuro” è una presa di posizione piuttosto significativa. Questo con ogni probabilità indurrà molti governi a concentrarsi ancora più intensamente sull’industria.

Le dichiarazioni del ministro di stato arabo

Durante il vertice di Davos, Thani Al-Zeyoudi, ministro di stato degli Emirati Arabi Uniti per il commercio internazionale, stava rilasciando un’intervista a Bloomberg Television. Il ministro ha descritto come la sua nazione stesse tentando di attirare progetti con il suo atteggiamento positivo nei confronti delle criptovalute. Ha dichiarato:

“Quando si tratta di criptovalute e imprese di criptovaluta, la governance globale è il fattore più cruciale. Con l’intenzione di creare congiuntamente la governance e il quadro legale necessari, abbiamo iniziato ad attirare alcune aziende nella nazione.”

Regolamentazione globale delle criptovalute

Data l’ampia gamma di opinioni su come gestire il settore, stabilire una governance globale per l’industria delle criptovalute potrebbe rivelarsi una sfida non semplice. Ad esempio, la SEC degli Stati Uniti esitava da anni sul fatto che la maggior parte delle criptovalute si qualifichi come titoli. L’incapacità di risolvere i disaccordi e di emanare una legislazione appropriata ha dato ad alcuni attori indesiderati il ​​permesso di operare nel mercato delle criptovalute.

Inoltre, c’è molta pressione interna sui politici per regolamentare eccessivamente o addirittura vietare completamente la criptovaluta. Questo perché gli Stati Uniti e l’Europa hanno entrambi industrie bancarie molto significative e importanti. Con nazioni che assumono una posizione più progressista, come gli Emirati Arabi Uniti, è improbabile che ciò incontri meno ostacoli.

Omar Sultan Al Olama, un secondo ministro degli Emirati Arabi Uniti presente al World Economic Forum di Davos, ha sostenuto l’affermazione del suo collega. Ha cioè affermato che il suo paese era “dedicato” a diventare un hub globale per le criptovalute.