Elon Musk, CEO di Tesla, è comparso in tribunale venerdì per difendere i precedenti commenti sulle intenzioni di rendere privata la sua attività, una transazione che non è mai avvenuta.

Musk ha affermato nei tweet dell’agosto 2018 di aver “finanziato garantito” per acquistare il produttore di veicoli elettrici per $ 420 per azione e che il “sostegno degli investitori” per la mossa era stato “confermato”.

elon musk tesla processo
Criptomercato.it

Musk ha detto durante la sua testimonianza di venerdì che è difficile collegare i suoi tweet al prezzo delle azioni di Tesla. Elon Musk, l’amministratore delegato, è comparso venerdì in un tribunale federale di San Francisco per difendere i tweet che ha inviato ai suoi milioni di follower nell’agosto 2018.

Nei tweet, ha affermato di avere “finanziamenti garantiti” per l’acquisizione di $ 420 per azione della sua azienda di auto elettriche, nonché “sostegno degli investitori” che era stato “confermato”.

Il tweet di Musk e l’impatto sulle azioni Tesla

Dopo i tweet, il trading di azioni di Tesla è stato inizialmente sospeso e le azioni sono state successivamente molto volatili per settimane. Successivamente, Musk ha affermato di aver parlato con il fondo sovrano dell’Arabia Saudita ed era certo che il denaro sarebbe stato fornito al prezzo che aveva suggerito. Non c’è mai stato un accordo.

A seguito dei tweet, la SEC ha presentato accuse di frode in titoli civili contro Musk e Tesla. Musk e Tesla hanno concordato un nuovo accordo transattivo che richiedeva a Musk di rinunciare temporaneamente alla sua posizione di presidente del consiglio di amministrazione di Tesla. Musk e Tesla hanno pagato all’agenzia una multa di 20 milioni di dollari ciascuno.

Inoltre, gli investitori di Tesla hanno intentato un’azione legale collettiva degli azionisti in risposta ai suoi commenti nel 2018. Hanno affermato che i tweet di Musk li hanno ingannati e che hanno perso molti soldi facendo affidamento sulle sue affermazioni quando hanno effettuato transazioni.

Gli scambi di azioni in questione sono avvenuti dieci giorni prima che Musk sembrasse riconoscere che un accordo take-private non si sarebbe verificato nel 2018.

La comparizione in tribunale di Elon Musk

Venerdì, Musk ha testimoniato sotto giuramento che è difficile collegare il prezzo delle azioni di Tesla ai suoi tweet. Secondo Musk, ci sono stati diversi casi in cui ha creduto che se avesse twittato qualcosa, il prezzo delle azioni sarebbe sceso.

Poiché qualsiasi opinione può influenzare le fluttuazioni dei prezzi, i dirigenti senior delle società quotate in borsa menzionano raramente il prezzo delle loro azioni.

Il professore dell’Università della Pennsylvania e capo del Wharton Forensics Analytics Lab Daniel Taylor ha esaminato ogni scambio di azioni Tesla avvenuto il 7 agosto 2018, il giorno in cui Musk ha twittato. Ha registrato ogni minuto di attività commerciale dall’inizio del mercato fino a quando Musk ha twittato di un’acquisizione.

Alle 12:48 ET quel giorno, Taylor ha scoperto che il volume degli scambi per le azioni Tesla era di oltre $350 milioni nel minuto in cui Musk ha twittato e oltre $250 milioni il minuto successivo. Comparativamente, il volume era di 32 milioni di dollari al minuto in media cinque minuti prima che Musk twittasse. Il volume degli scambi era di $ 24 milioni poco prima che Musk twittasse.

Dopo il primo giorno di testimonianza di Musk venerdì, Taylor ha dichiarato alla CNBC: “In genere è vero che la correlazione non è causalità. Ma non conosco altre spiegazioni per un aumento di 10 volte del volume degli scambi nell’istante in cui Elon Musk ha twittato.

Musk contro gli short seller

Venerdì, Musk ha anche parlato in tribunale del suo disprezzo per i venditori allo scoperto.

Musk ha osservato, riferendosi ai venditori allo scoperto come “i cattivi di Wall Street” che “rubano” ad altri investitori. “Credo che le vendite allo scoperto dovrebbero essere rese illegali”. Inoltre, ha detto che fabbricano notizie per “far scendere le azioni”. Oltre che “farebbero tutto ciò che è in loro potere per far morire un’azienda”.

Quando Musk fece i commenti sull’acquisizione di Tesla privata nell’agosto 2018, Tesla era una delle società più attivamente allo scoperto. Il valore delle azioni di Tesla è aumentato quel giorno durante gli scambi di quasi il 10%. Quando il prezzo delle azioni di una società sale, i venditori allo scoperto subiscono perdite significative.

Alcuni dei querelanti nel processo in corso sostengono che i tweet di “finanziamento garantito” di Musk sono stati inviati con l’intenzione di aumentare il prezzo delle azioni di Tesla e creare una “breve compressione”.

Musk non ha finito di testimoniare e la corte si aspetta di sentirlo ancora una volta lunedì.