Scandalo Bitzlato: il governo degli Stati Uniti è ansioso di dimostrare che è duro contro il crimine di criptovaluta sulla scia del fallimento dell’exchange di criptovalute FTX.

Una conferenza stampa in diretta per annunciare una “International Cryptocurrency Enforcement Action” si terrà mercoledì a mezzogiorno, ha annunciato minacciosamente il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.

USA regolamentazione criptovalute
Adobe Stock

I valori di Crypto Bitcoin sono stati presi dal panico insieme a Twitter. In pochi minuti, Bitcoin ed Ethereum sono entrambi scesi di oltre il 5%, il che è noto come collasso lampo. Chi era la figura di spicco che il Dipartimento di Giustizia stava perseguendo? Binance era una scelta molto apprezzata, e CZ ha peggiorato le cose twittando solo il numero “4”, che ha detto il 2 gennaio è il suo nuovo segnale per “FUD, notizie false, aggressioni, ecc.”

Si è quindi svolta la conferenza stampa. No, Binance non lo era. Non sono stati Celsius, Voyager, Blockfi o qualsiasi altro prestatore di criptovalute insolvente a maltrattare i propri clienti. Era Bitzlato, uno scambio di criptovalute di proprietà russa con sede a Hong Kong.

Il DOJ ha affermato che Bitzlato ha gestito più di 700 milioni di dollari in denaro illegale. Inclusi milioni di entrate da ransomware.

Bene. Ma un direttore delle operazioni di Coinbase ha riferito che al 18 gennaio il saldo nei portafogli dei clienti di Bitzlato era di $ 11.000. I portafogli dei clienti all’altezza di Bitzlato contenevano solo 6 milioni di dollari.

Tuttavia, Lisa Monaco, vice procuratore generale del DOJ, ha elogiato l’azione di contrasto come “un duro colpo per l’ecosistema del criptocrimine”. Bitzlato “ha alimentato un asse high-tech del criptocrimine”, secondo lei.

Il mercato delle criptovalute si è presto ripreso.

Perchè il DOJ sta “flexando”

La community cripto ha reagito con scherno, ma probabilmente non il resto del pubblico. Il governo degli Stati Uniti vuole essere abbastanza chiaro che è a conoscenza dei “crimini cripto”. Sta agendo in modo deciso, soprattutto alla luce del crollo ben noto di FTX.

Secondo Reuters, il DOJ ha esaminato Binance dal 2018 ed è indeciso se sporgere denuncia. Secondo alcune indiscrezioni, il Dipartimento di Giustizia sta anche esaminando il Digital Currency Group, la società dietro il prestatore di criptovalute Genesis, recentemente fallito.

Il DOJ non è solo però. La scorsa settimana, la SEC ha accusato Genesis e Gemini di violare entrambi le leggi sui titoli.

In un’intervista con il nostro podcast GM il mese scorso, il commissario della SEC Hester Peirce ha espresso riluttanza ad affermare categoricamente che la crisi FTX comporterà inevitabilmente un’ulteriore regolamentazione del settore delle criptovalute. Ma è ovvio che ha già portato a una maggiore postura, per lo meno. Peirce ha espresso la speranza che i suoi colleghi non reagissero in modo eccessivo imponendo limiti avventati.