Un investitore in criptovalute dona 1,2 milioni di dollari a Boris Johnson: la più grande donazione politica di sempre in Inghilterra. 

L’ex primo ministro britannico Boris Johnson ha appena ricevuto una donazione politica di 1,2 milioni di dollari da un investitore di criptovalute. Si dice che l’uomo fosse azionista della società madre dell’exchange di criptovalute Bitfinex, consociata dell’emittente di stablecoin USDT Tether.

boris johnson
Criptomercato.it

La donazione da record all’ex primo ministro da parte di Christopher Harborne ha fatto seguito a una donazione di $610.000 ai conservatori poco prima di un importante cambiamento di politica a favore delle criptovalute.

Boris Johnson: i dettagli sulla donazione da $1,2 milioni di dollari

La donazione del 21 novembre da parte dell’investitore di criptovalute thailandese Christopher Harborne, circa 1 milione di sterline, è andata all’ufficio personale di Johnson, ora deputato del partito conservatore in rappresentanza di Uxbridge e South Ruislip. È stata la più grande donazione mai fatta a un politico, secondo Tom Larkin, un produttore di Sky News. Ha twittato:

Ha infranto il record precedente di x6: una donazione di 150.000 sterline a Michael Gove nel 2009“.

Secondo le regole della Commissione elettorale del Regno Unito, le donazioni possono essere fatte “con l’intenzione di essere utilizzate o di avvantaggiarti in relazione alle tue attività politiche come deputato“.

Il deposito della divulgazione della campagna elenca anche un pagamento di oltre £250.000 (circa 283.000 euro) per un discorso del 13 dicembre allo sviluppatore di blockchain Layer 1 con sede a Singapore ParallelChain Labs.

Aria nuova

Tra gli altri investimenti, Harborne possedeva azioni di Digifinex, la società madre di Bitfinex, secondo il sito di notizie sulle criptovalute Protos.

Né è la prima strabiliante donazione ai conservatori da parte di Harborne, che secondo quanto riferito è stato anche uno dei maggiori donatori pro-Brexit.

A febbraio, ha donato 500.000 sterline al Partito conservatore, due mesi prima che annunciasse l’ambizione di “vedere le stablecoin riconosciute come una valida forma di pagamento. Sarà parte di piani più ampi per rendere la Gran Bretagna un hub globale per la tecnologia e gli investimenti in criptovalute“.

Il tempismo ha sollevato le sopracciglia, con il segretario economico ombra laburista Tulip Siddiq che ha definito la donazione “una rivelazione scioccante“, ha riferito il Financial News. Lei ha aggiunto:

Invece di proteggere il pubblico regolamentando adeguatamente il mercato delle criptovalute, sembra che i conservatori si siano presi cura degli interessi dei loro ricchi donatori“.

Un portavoce del partito conservatore ha detto al Financial News che non c’era alcun collegamento tra la donazione e il cambiamento di politica.