La piattaforma di prestito di criptovalute Nexo è stata accusata dalla SEC di aver violato le leggi sui titoli quando ha offerto il suo prodotto EIP fruttifero agli investitori negli Stati Uniti.

Il prestatore di criptovalute ha stretto un accordo con la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti una settimana dopo un raid nel quartier generale di Nexo in Bulgaria, pagando un totale di 45 milioni di dollari di multe.

nexo sec
Adobe Stock

L’Earn Interest Product (EIP), un prodotto di prestito di criptovaluta di Nexo che è stato offerto agli investitori americani senza essere registrato, è stato perseguito dalla SEC.

Nexo ha accettato di interrompere la sua offerta non registrata e di conseguenza pagare una multa di $ 22,5 milioni. Il prestatore di criptovaluta ha anche acconsentito a pagare altri 22,5 milioni di dollari per risolvere richieste simili fatte dalle autorità di regolamentazione statali.

Le accuse della Sec nei confronti di Nexo

Il prestatore di criptovalute ha iniziato a promuovere il suo prodotto EIP intorno a giugno 2020, secondo la SEC. Con l’aiuto di questo prodotto EIP, gli investitori di criptovaluta con sede negli Stati Uniti potrebbero fornire a Nexo le loro risorse digitali in cambio della garanzia di pagare gli interessi.

Inoltre, la sentenza del tribunale indica che Nexo ha pubblicizzato questo EIP come un prodotto che genera interessi sui depositi di criptovaluta. Successivamente, il prestatore di criptovalute ha utilizzato le risorse crittografiche degli investitori in vari modi come parte del suo potere discrezionale. In questo modo, Nexo è stata in grado sia di finanziare il pagamento degli interessi agli investitori EIP sia di creare profitti per la propria attività.

EIP per Nexo è una security

La SEC ha dichiarato nel suo deposito che avrebbe rappresentato una security. Questo nel caso il prestatore di criptovalute avesse utilizzato il prodotto EIP in questo modo. Nexo non ha registrato la sua offerta e vendita dell’EIP. Questo quanto ha osservato l’autorità di regolamentazione dei titoli. Il presidente della SEC Gary Gensler ha commentato lo sviluppo, dicendo:

“Abbiamo accusato Nexo di aver violato le regole di divulgazione cruciali intese a salvaguardare gli investitori. Trascurando di registrare il suo prodotto di prestito di criptovaluta al dettaglio prima di renderlo disponibile al pubblico in generale. Non c’è altra scelta che rispettare le nostre collaudate politiche pubbliche. Lo faremo continuare a ritenere responsabili le aziende di criptovaluta quando violano la legge e la trasparenza. Tra le altre cose, Nexo sta terminando il suo prodotto di prestito non registrato in questo caso per tutti gli investitori americani.”

Nexo ha acconsentito al pagamento delle penali e non ha impugnato la sentenza della SEC. Il prestatore di criptovalute ha dichiarato il mese scorso che smetterà di vendere il suo prodotto EIP e lascerà il mercato statunitense.