Prima dell’insolvenza di Genesis Capital, Genesis Trading è emerso stesse scambiando milioni di dollari in Ethereum, USDT e USDT. La compagnia sta vendendo i propri asset per prepararsi al disastro?

Genesis Transfers Millions in Ethereum, USDT e USDC Genesis Global Capital ha presentato istanza di protezione dal fallimento secondo il capitolo 11 presso il tribunale fallimentare degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York. Il tutto mentre l’operazione di prestito di Genesis Trading entrava in bancarotta.

genesis fallimento
Adobe Stock

Genesis Trading sta spostando in modo aggressivo la criptovaluta su altri exchange e portafogli di criptovalute nonostante la recente dichiarazione di bancarotta.

Genesis Trading sposta le risorse di criptovaluta

PeckShieldAlert, una piattaforma di sicurezza blockchain, ha rivelato diversi milioni di dollari in criptovalute spostate da Genesis Trading in un tweet del 20 gennaio.

Dal suo desk OTC, Genesis Trading ha inviato 75k Ethereum (ETH) del valore di 113,7 milioni di dollari e 4 milioni di USDT a Coinbase, Bitstamp e Kraken. 20k ETH sono stati inviati a Bitstamp, 5k ETH e 4 milioni di USDT sono stati inviati a Kraken e 50k ETH sono stati inviati a Coinbase.

Inoltre, ha spostato 36 milioni di USDC al nuovo indirizzo 0x81b3…543. Anche la piattaforma Whale Alert ha notato i significativi movimenti di ETH.

Genesis trading

Trasferimenti di trading Genesis per ETH, USDT e USDC: le informazioni di PeckShieldAlert Crypto Twitter hanno reagito ai trasferimenti effettuati da Genesis Trading proprio nel momento in cui la sua società di prestito Genesis Global Capital che ha dichiarato bancarotta. Alcune persone pensano che la società stia vendendo beni per fare spazio al rimborso delle richieste dei creditori.

Nansen afferma che i prelievi netti di 43,7 milioni di dollari in USDT da Kraken e i trasferimenti netti di 51,9 milioni di dollari in USDC a Coinbase rappresentano le più alte transazioni CEX di Genesis negli ultimi 30 giorni.

28,7 milioni di dollari in depositi netti di ETH su Bitstamp, 19 milioni di dollari di prelievi netti di USDT da OKX. Oltre a questi figurano anche 10,8 milioni di prelievi netti di USDT da Binance e 7 milioni di dollari in depositi netti di USDC.

Digital Currency Group non raggiunge un accordo con i creditori

Dato che la società madre Digital Currency Group e il creatore Barry Silbert non sono stati in grado di raggiungere un accordo con i creditori, è probabile che alcuni analisti abbiano previsto il fallimento di Genesis. Il contagio delle criptovalute da parte di FTX ha impedito agli investitori di effettuare ulteriori investimenti nella società, nonostante i suoi piani per cercare $ 1 miliardo in finanziamenti di emergenza.

Domanda di protezione dal fallimento da parte di Genesis Capital

Genesis Capital ha interrotto prelievi e rimborsi per una serie di programmi di prestito, incluso il programma Earn offerto dall’exchange di criptovalute Gemini.

Dopo che Genesis ha dichiarato bancarotta ai sensi del Capitolo 11, il co-fondatore di Gemini Cameron Winklevoss ha dichiarato che la società procederà con la sua decisione di intentare una causa contro Barry Silbert, il creatore di Digital Currency Group, e altri individui al fine di recuperare i soldi dei clienti.

Quasi 150 milioni di dollari in liquidità sono attualmente disponibili per il prestatore di criptovaluta per facilitare la ristrutturazione. Nel documento del tribunale sono elencati oltre 100.000 creditori insieme ad attività e passività per un totale compreso tra un miliardo e dieci miliardi di dollari.